FtseMib attacca i 19.000: ecco chi riemerge e chi crolla!
Finanza/Economia / 5 febbraio 2017

Dal basso cercano di riemerge Intesa Sanpaolo e Yoox Net à Porter mentre rimane ancora delicata la situazione su Azimut ed Atlantia. Bene Ferrari e Prysmian sui massimi storici. Sembrerebbe esser giunto al termine il breve ritracciamento che ha visto in questa ottava di contrattazioni, il FtseMib ritracciare in maniera significativa verso il supporto cardine di area 18.600 punti. La struttura di breve corso appare tuttavia indebolita ma nel medio ci sono ancora spazi di crescita. A patto che… L’indice domestico dovrà riposizionarsi con forza oltre il tetto dei 19.100 punti per continuare ad alimentare quel vento di spinta rialzista che ha cominciato a soffiare il mese scorso ma che, nelle ultime sedute, ha invertito labilmente direzionalità. L’analisi grafica ci viene in aiuto ed anche per quest’oggi sapremo cosa evitare di fare per limitare eventuali errori operativi. Le 8 Blue Chip Spiccano sicuramente i massimi storici del titolo Ferrari che, pur non essendo una novità, trova comunque la strada spianata per diventare una notizia. Bene anche la tenuta della trendline rialzista di Davide-Campari Milano al quale è da affiancare il tentativo di breakout del titolo Prysmian. Dal basso cercano di riemergere Intesa Sanpaolo e Yoox Net à Porter mentre rimane…

Equity debole, Oro e Petrolio positivi
News / 5 febbraio 2017

E’ stata un’ottava contrassegnata da debolezza per i mercati azionari; al contrario gli acquisti si sono indirizzati verso le Materie Prime RENDIMENTO PORTAFOGLIO BLUE CHIP 2017 +4.25% FTSE MIB 2017 -0.62% Nonostante il recupero innescatosi nelle ultime sedute, in scia ai buoni dati macro provenienti da indici PMI e occupazione USA, i principali mercati azionari internazionali hanno chiuso la prima settimana di Febbraio all’insegna della debolezza per via dei timori che si sono innescati tra gli investitori dopo i primi decreti messi in campo dall’amminitrazione Trump (protezionismo e immigrazione in primis). E saranno proprio le decisioni che verranno prese dal neo Presidende i driver che continueranno a muovere i mercati finanziari nelle prossime settimane senza dimenticare l’incertezza sia politica che economica presente nel ns Paese (lo SPREAD che rimane sui massini è una conferma) Sul mercato delle valute prosegue il recupero dell’EURO sia nei confronti del DOLLARO che della STERLINA Tra le MATERIE PRIME l’ORO e l’ARGENTO si portano sui massimi degli ultimi 2 mesi ( nel ns PORTAFOGLIO ETF in guadagno da inizio anno del 3.19% entra l’ETF LONG SILVER) mentre il PETROLIO sembrerebbe avere la voglia di testare i massimi degli ultimi 12 mesi in area 55 $….

7 azioni “deboli” da vendere appena torna la paura
News / 5 febbraio 2017

Che si tratti di un pericolo di ipercomprato o di misure estreme sul taglio dei costi o di prospettive incerte per il mercato di riferimento, ci sono 7 azioni che secondo l’analisi di Anthony Mirhaydari sarebbe meglio vendere appena ritorna la paura sui mercati. Che si tratti di un pericolo di ipercomprato o di misure estreme sul taglio dei costi o di prospettive incerte per il mercato di riferimento, ci sono 7 azioni che secondo l’analisi di Anthony Mirhaydari sarebbe meglio vendere appena ritorna la paura sui mercati. Gap  (NYSE: GPS) L’azienda continua a soffrire la domanda debole su alcuni suoi marchi di moda come banana Republic mentre il successo di Old Navy non riesce a riequilibrare una situazione che è stata comunque migliorata dalle vendite natalizie migliori del previsto (+12% anno su anno). Purtroppo gli investitori restano scettici sul fatto che questo miglioramento potrà essere effettivamente sostenibile anche nel futuro. Il prossimo catalizzatore per un eventuale rialzo (o ribasso) arriverà il 23 febbraio quando Gap pubblicherà i risultati del quarto trimestre. Delta Air Lines, Inc.  (NYSE: DAL) L’intero settore aereo sembra impostato verso una fase di debolezza generale. La società ha comunicato che i ricavi ha annunciato oggi che…