Azimut in salita. Icbpi scommette su un 1° trimestre forte
Finanza/Economia / 3 marzo 2017

Il titolo ha guadagnato terreno anche oggi sostenuto dal giudizio positivo di Icbpi che invita all’acquisto. Conclusione positiva anche oggi per Azimut che, dopo aver guadagnato oltre un punto e mezzo ieri, si è spinto ancora in avanti. Il titolo ha terminato le contrattazioni a 16,25 euro, con un rialzo dello 0,81% e oltre 1,5 milioni di azioni scambiate, poco oltre la media giornaliera degli ultimi tre mesi. Azimut oggi è finito sotto la lente di Icbpi, i cui analisti anticipano un primo trimestre in forte crescita per il gruppo, in ragione delle favorevoli condizioni di mercati e dei robusti dati commerciali relativi alla nuova raccolta. Da non trascurare il contributo delle commissioni variabili che Icbpi stima per i primi due mesi dell’anno su livelli paragonabili a quelli del primo semestre del 2016. Invariata la strategia bullish sul titolo che per gli analisti resta da acquistare con un prezzo obiettivo a 24,1 euro. fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Unicredit guadagna ancora. Bca IMI ribadisce view positiva
Finanza/Economia / 3 marzo 2017

Il titolo è salito sulla scia delle indicazioni di stampa relative alla mossa di Capital Research che avrebbe incrementato la sua quota nel capitale della banca. Non si ferma l’ascesa di Unicredit che oggi ha vissuto la quarta seduta consecutiva al rialzo, mettendo a segno la seconda migliore performance nel paniere del Ftse Mib. Il titolo, dopo il rally di oltre il 4% di ieri, si è spinto ancora in avanti oggi, terminando gli scambi a 13,5 euro, con un progresso del 2,35% e oltre 51 milioni di azioni transitate sul mercato, contro la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 25 milioni di pezzi. Unicredit oggi è salito sulla scia delle indicazioni di stampa secondo cui Capital Research avrebbe incrementato la sua quota nel capitale della banca salendo dal 6,75% all’8,5%. Gli analisti di Banca IMI mantengono una view positiva su Unicredit, consigliando di aggiungerlo in portafoglio, con un prezzo obiettivo a 15 euro. Gli esperti credono che la banca sulla scia degli interventi sul fronte della riduzione del rischio dovrebbe raggiungere una redditività vicina al costo dell’equity nel 2019. fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Sogefi: Imi alza rating e target price
Finanza/Economia / 3 marzo 2017

Banca Imi ha alzato il target price su Sogefi a 3,2 euro da 2,3 euro. Banca Imi ha alzato il target price su Sogefi a 3,2 euro da 2,3 euro. Migliorato anche il rating a “ADD” da “Hold”. (RV) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Indici europei: quadro operativo Candle Model in avvio di marzo 
Finanza/Economia / 3 marzo 2017

Il Ftse Mib, dal canto suo, capitalizza il suo “barcollo ma non mollo” del quadro settimanale già nella penultima seduta di febbraio, in riavvio di presente ottava. L’epilogo di febbraio non apporta novità interpretative operative sul quadro più ampio − quello mensile − degli indici europei: positivo ancora su Dax e Eurostoxx 50, attendista  e “condizionato” sul Ftse Mib. L’abbrivio rialzista della prima seduta di marzo fa rientrare in proposta rialzista il quadro tecnico intermedio (cioè settimanale) di Eurostoxx 50 e conferma la tonicità di quello del Dax. Il Ftse Mib, dal canto suo, capitalizza il suo “barcollo ma non mollo” del quadro settimanale già nella penultima seduta di febbraio, in riavvio di presente ottava. Passiamo in rassegna in dettaglio la segnaletica Candle Model sugli indici europei, partendo con la fotografia del segnale di breve (desunto dal grafico giornaliero), proseguendo poi in ricognizione delle indicazioni direzionali in corso nel quadro superiore degli stessi (grafico settimanale e mensile). DAX QUADRO GIORNALIERO La dinamica giornaliera del Dax ha registrato una strenua difesa dell’indicazione rialzista maturata l’8 febbraio (da 11545), messa in difficoltà – ma non invalidata – dal ragguardevole arretramento registrato il 23 ed il 24 febbraio. In area 11690, infatti,  rimaneva…

Il bull market festeggia l'ottavo compleanno in pompa magna
Finanza/Economia / 3 marzo 2017

Wall Street si prepara a festeggiare l’ottavo compleanno del bull market in pompa magna. Wall Street si prepara a festeggiare l’ottavo compleanno del bull market in pompa magna. Ormai il passaggio da una cifra millenaria all’altra è, a questi livelli, poco più che simbolico; ma fa comunque sensazione osservare la fragilità con cui sono sgretolate le deboli resistenze dei venditori. Segno che, dopo le elezioni presidenziali di novembre, il muro di paura tirato su è stato sufficientemente ripido da favorire questa evoluzione. Con lo S&P che si va rapidamente avvicinando al primo target a 2500 punti segnalato nel 2017 Yearly Outlook: il primo, non certo quello definitivo. I nuovi massimi storici di ieri sono coincisi peraltro con la conclusione di una incredibile sequenza benigna: erano 55 sedute che il Dow Jones non faceva registrare un saldo giornaliero, in valore assoluto, superiore al punto percentuale. L’aspetto suggestivo è che l’interruzione di una simile sequenza – ultimo episodio: febbraio 2007 – è avvenuta verso l’alto, e non verso il basso, come usualmente la storia prescrive. Tanto per dare un’idea dell’eccezionalità di questo comportamento, dal 1950 in avanti un setup analogo si è manifestato soltanto altre sei volte. Così, mentre la borsa americana…

Salvatore Ferragamo: analisi tecnica
Finanza/Economia / 3 marzo 2017

Nelle ultime sedute Salvatore Ferragamo ha rafforzato il rialzo in atto dai minimi di novembre 2016 (19.14 euro) raggiungendo il target a 27.42 euro. Nelle ultime sedute Salvatore Ferragamo ha rafforzato il rialzo in atto dai minimi di novembre 2016 (19.14 euro) raggiungendo il target a 27.42 euro. Possibile ora una pausa di consolidamento. L’uptrend potrà proseguire finchè non verrà violato il sostegno a 25 euro. La violazione della successiva resistenza a 27.73 euro potrebbe mettere i corsi nelle condizioni di puntare verso gli obiettivi a 28 e 28.85 euro, livello oltre il quale (in chiusura) verrebbero gettate le basi per un allungo in direzione di quota 29.45 euro (29.85 prezzo max storico). Sul fronte opposto invece, la violazione di quota 25 euro in chiusura di seduta, spingerà i prezzi fino in area 23.78 euro (1° target). Il titolo in 6 mesi ha guadagnato il 31%, 26 in 12 mesi, il 16% in 3 anni ed il 90% in 5 (dal 2011 ad oggi +153%). 14 marzo 2017: il Cda si riunirà per l’approvazione del progetto di esercizio e del bilancio consolidato 2016. Il Gruppo Salvatore Ferragamo, uno dei principali operatori mondiali del settore del lusso, ha comunicato, lo scorso…

Luxottica Group: consolidamento a breve termine pronto
Finanza/Economia / 3 marzo 2017

Finché la resistenza a 52,30 non è superata, si attende un’azione di variabilità dei prezzi con una tendenza al ribasso. Pivot point (livello di invalidazione): 52,30. La nostra valutazione: posizioni corte sotto 52,30 con target a 47,10 e 45,25 in estensione. Scenario alternativo: sopra 52,30 ci aspettiamo un ulteriore rialzo con 54,50 e 57,00 di target. Commento tecnico: finché la resistenza a 52,30 non è superata, si attende un’azione di variabilità dei prezzi con una tendenza al ribasso. Codice ISIN: IT0005194714 Tipo: Put Strike: 40 EUR Scadenza: 15.06.2017 Denaro: 0.0575 EUR Lettera: 0.0590 EUR Delta%: -8 kV: 522 fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml

Telecom Italia: sotto pressione
Finanza/Economia / 3 marzo 2017

Sopra 0,83 ci aspettiamo un ulteriore rialzo con 0,88 e 0,94 di target. Pivot point (livello di invalidazione): 0,83. La nostra valutazione: posizioni corte sotto 0,83 con target a 0,73 e 0,70 in estensione. Scenario alternativo: sopra 0,83 ci aspettiamo un ulteriore rialzo con 0,88 e 0,94 di target. Commento tecnico: l’RSi è ribassista e richiede un’ulteriore discesa. Codice ISIN: IT0005197881 Tipo: Put Strike: 0.9 EUR Scadenza: 15.06.2017 Denaro: 0.0145 EUR Lettera: 0.0155 EUR Delta%: -78 kV: 336 fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml