MC-link: Luca Aniasi è il nuovo Amministratore Indipendente del Gruppo
Finanza/Economia / 14 marzo 2017

MC-link, società quotata sul mercato AIM Italia, organizzato e gestito da Borsa Italiana, tra gli operatori di riferimento nel mercato italiano delle comunicazioni elettroniche e, più specificamente, nei segmenti della trasmissione dati, telefonia, accesso ad Internet, servizi di data Center e Cloud, annuncia che in data odierna il Consiglio di Amministrazione della Società, a seguito alla prematura scomparsa del dott. MC-link, società quotata sul mercato AIM Italia, organizzato e gestito da Borsa Italiana, tra gli operatori di riferimento nel mercato italiano delle comunicazioni elettroniche e, più specificamente, nei segmenti della trasmissione dati, telefonia, accesso ad Internet, servizi di data Center e Cloud, annuncia che in data odierna il Consiglio di Amministrazione della Società, a seguito alla prematura scomparsa del dott. Marco Artiaco in data 8 ottobre 2016, ha nominato per cooptazione il dott. Luca Aniasi quale nuovo Amministratore Indipendente della Società, in quanto in possesso dei requisiti di indipendenza ai sensi dell’art. 148 comma 3 del TUF e in conformità con quanto previsto dall’art. 16 dello Statuto della Società. Aniasi, managing partner dello studio di dottori commercialisti Aniasi Leonetti, ha ricoperto dal 2010 al 2014 il ruolo di Presidente dell’INAA, una delle più prestigiose organizzazioni internazionali di accountants e auditors….

GPI consolida la presenza in Polonia
Finanza/Economia / 14 marzo 2017

GPI (GPI:IM), società quotata su AIM Italia, partner tecnologico di riferimento nel mercato della Sanità e del Sociale, comunica di aver incrementato dal 19% al 60% la partecipazione in SALURIS SP. GPI (GPI:IM), società quotata su AIM Italia, partner tecnologico di riferimento nel mercato della Sanità e del Sociale, comunica di aver incrementato dal 19% al 60% la partecipazione in SALURIS SP. Z.O.O., società con sede in Lublin (Polonia) attiva nella promozione e nella distribuzione di soluzioni informatiche e tecnologiche nel settore sanitario. Saluris svolge il ruolo di distributore di GPI per il mercato polacco e il mercato dei paesi baltici. Con questa operazione GPI intende assumere il controllo della società per imprimere maggiore spinta commerciale ai propri prodotti e alle proprie soluzioni nei mercati di riferimento di Saluris. Fabio Rossi, Direttore Commerciale estero del Gruppo GPI: “Questa operazione si inserisce nel quadro del potenziamento della struttura internazionale del Gruppo. In particolare Saluris rappresenta un importante trampolino per lo sviluppo del mercato di GPI verso la stessa Polonia e verso i paesi baltici, dove sono in corso importanti iniziative commerciali.” _ _ (AM) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Si è riunito oggi il CdA de Il Sole 24 ORE S.p.A.
Finanza/Economia / 14 marzo 2017

Si è riunito oggi, sotto la Presidenza del dott. Si è riunito oggi, sotto la Presidenza del dott. Giorgio Fossa, il Consiglio di Amministrazione de Il Sole 24 ORE S.p.A. che ha deliberato di prendere atto della richiesta del Direttore Napoletano e, per l’effetto, di collocarlo in aspettativa non retribuita, ai sensi dell’art. 23 del CNLG, assegnando ad interim le relative funzioni al dott. Guido Gentili. Il Consiglio di Amministrazione ha, inoltre, dato mandato all’amministratore delegato di porre in essere le più opportune iniziative e azioni in ogni competente sede, a tutela dell’immagine e degli interessi della Società, anche in relazione agli sviluppi dell’indagine dell’Autorità Giudiziaria in corso. (AM) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Il Sole 24 Ore, precisazione dell'ad Franco Moscetti
Finanza/Economia / 14 marzo 2017

Con riferimento al comunicato del Cdr del quotidiano Il Sole 24 Ore, l’Amministratore delegato del Gruppo 24 ORE Franco Moscetti precisa di non aver ricevuto alcun mandato dal Consiglio di Amministrazione per individuare un Direttore in tempi brevi. Con riferimento al comunicato del Cdr del quotidiano Il Sole 24 Ore, l’Amministratore delegato del Gruppo 24 ORE Franco Moscetti precisa di non aver ricevuto alcun mandato dal Consiglio di Amministrazione per individuare un Direttore in tempi brevi. Le risultanze del Consiglio di Amministrazione sono quelle riportate nel comunicato ufficiale della Società. (AM) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Precisazione dell'AD del Gruppo 24 Ore Moscetti su Comunicato del CDR
Finanza/Economia / 14 marzo 2017

Con riferimento al comunicato del Cdr del quotidiano Il Sole 24 Ore, l’Amministratore delegato del Gruppo 24 ORE Franco Moscetti precisa di non aver ricevuto alcun mandato dal Consiglio di Amministrazione per individuare un Direttore in tempi brevi. Con riferimento al comunicato del Cdr del quotidiano Il Sole 24 Ore, l’Amministratore delegato del Gruppo 24 ORE Franco Moscetti precisa di non aver ricevuto alcun mandato dal Consiglio di Amministrazione per individuare un Direttore in tempi brevi.Le risultanze del Consiglio di Amministrazione sono quelle riportate nel comunicato ufficiale della Società. (AC) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Stop loss: perché evitare di mediarlo
Finanza/Economia / 14 marzo 2017

Ogni volta che apriremo delle operazioni a mercato, non avremo mai la sicurezza che queste possano andar bene. Ogni volta che apriremo delle operazioni a mercato, non avremo mai la sicurezza che queste possano andar bene. Uno degli errori principali è quello di mediare il nostro stop loss, pensando che il mercato invertirà di qualche punto per poi proseguire nella direzione da noi scelta. Purtroppo questo in buona parte dei casi non avviene, permettendo di trasformare una perdita pianificata in una rovina per il nostro conto di trading, specialmente se lavoriamo con leve molto alte. Perché non dobbiamo modificare il nostro stop loss e quali possono essere i vantaggi di subire una perdita? In questo piccolo video didattico cercheremo di dare risposta a questa domanda. La spiegazione è a scopo didattico e non rappresenta suggerimento per investimenti. fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml

C’è più valore in Generali
Finanza/Economia / 14 marzo 2017

Gli analisti di Morningstar si aspettano un miglioramento della profittabilità del gruppo e alzano il fair value del titolo. Le attuali quotazioni di mercato e le finanze della compagnia assicurativa, però, suggeriscono prudenza.  Il fair value di Generali sale a 15,30 euro, ma gli analisti continuano a raccomandare prudenza. Le aspettative per i prossimi cinque anni sono per una crescita media del fatturato del 3% e un allargamento del margine netto (utile/ricavi) dall’attuale 2,25% al 3% nel 2020 (report pubblicato in data nove marzo 2017), tuttavia il titolo è scambiato a tassi di sconto troppo limitati per aprire una posizione in questa fase di mercato. La nuova strategia Il business di Generali è ancora fortemente concentrato sul ramo vita, un segmento in cui la competizione è molto alta e, data la standardizzazione dei servizi offerti, è difficile riuscire a costruire una posizione di vantaggio competitivo. “Al fine di limitare la sensibilità dei risultati alle fluttuazioni dei tassi di interesse, il gruppo assicurativo sta cercando di spostare il focus delle sue attività verso servizi fee-based (dai quali ottengono delle commissioni fisse) come le polizze Unit Linked (nelle quali il premio assicurativo confluisce in un fondo comune di investimento o in una…

Come è stato festeggiato l'ottavo anno di bull market?
Finanza/Economia / 14 marzo 2017

Il muro di paura è per fortuna sempre ben drizzato. Gli investitori hanno accolto l’ottavo compleanno del bull market con un misto di stizza e indifferenza: perlopiù profetizzandone l’imminente rovinoso esaurimento, come se qualcuno suonasse la campanella sul massimo (o sul minimo, se è per questo). Al di là dei sondaggi di opinione, è l’esame dei flussi a rivelare un clamoroso abbaglio: da marzo 2009, i fondi obbligazionari mondiali hanno raccolto 1500 miliardi di dollari, pari al 66% delle masse amministrate; i fondi azionari, nel medesimo arco di tempo, hanno portato a casa mezzi freschi per appena 256 miliardi, pari al 3% del patrimonio gestito. Le giustificazioni di tale comportamento sono le più disparate e talvolta grottesche, ma non si può certo affermare che sia in atto una frenesia speculativa generalizzata e fuori controllo. Il muro di paura è per fortuna sempre ben drizzato. Adesso la minaccia più pressante sembra rappresentata dall’imminente nuovo rincaro del costo del denaro: una probabilità pressoché assoluta, dopo i dati economici di venerdì; e dire che appena un mese fa questa prospettiva era prezzata a non più del 25%. La reazione del dollaro non si è fatta attendere, ma curiosamente è risultata anche in questo…

Dollaro debole… petrolio debole
Finanza/Economia / 14 marzo 2017

Replicare anche in seduta di lunedì, l’invito operativo, dato ai nostri abbonati venerdì pomeriggio con pillola su Cucinelli. Sono rare le occasioni in cui si può approfittare di un acquisto di dollaro debole  e petrolio, ma anche commodities, come argento ….deboli, e vanno prontamente sfruttate. Il dollaro contro euro è arrivato proprio a sfiorare gli 1,07 (1,0699 massimo intraday) e potrebbe ancora svalutarsi fino a 1,0760 /90 max, complice la calma piatta e mancanza di notizie a ulteriore sostegno  della valuta, ma contemporaneo invece,sostegno dell’euro da parte della Bce, con la rassicurante conferenza stampa di Draghi (fra meno di un anno potrebbe iniziare una prima misura restrittiva sui tassi). Acquistare quindi già dall’inizio di settimana Treasury a 10 anni con un rendimento sui 2,60%, ma meglio anche le due emissioni GS, a 8 e 10 anni con un rendimento cedolare,  i primi due anni,  rispettivamente del 4,5% e del 6 %. Dettagli tecnici nella prossima pillola e lettera lunedì. Astenersi da operazioni sul wti, ormai giunto sul, apparente, bel supporto dei 48$, che potrebbe invogliare l’incauto investitore”fai da te”, dopo aver perso quasi il 10 % nell’ultima settimana, ad una puntata/ scommessa, degna di quella di un tavolo di roulette….

Wall Street congela la tendenza, non aspetta che la Fed
News / 14 marzo 2017

Dow Jones, Intel compra Mobileye per $ 15,3 miliardi cash. Azioni compagnie aeree bersagliate dalle vendite. Nyse, Snap si allontana dai massimi. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street. Inizio d’ottava in terreno misto per la piazza azionaria americana con il Nasdaq che, al suono della campanella, ha strappato un rialzo dello 0,24% a 5.875,78 punti, mentre il Dow Jones ha perso lo 0,10% a 20.881,48 punti. Luce verde invece per l’S&P 500 che non è  comunque andato oltre un rialzo frazionale dello 0,04% a 2.373,47 punti. Il mercato azionario a stelle e strisce, per ora privo di direzione, si avvicina così all’appuntamento con la decisione della Federal Reserve sui tassi di interesse che è attesa nel pomeriggio americano di mercoledì prossimo, 15 marzo del 2017.     Dow Jones, Intel compra Mobileye per $ 15,3 miliardi cash Tra le grandi capitalizzazioni, le azioni del colosso dei microprocessori Intel (INTC) hanno archiviato la giornata di scambi con un calo del 2,09% a $ 35,16 dopo che si è appreso che la società ha annunciato un accordo per l’acquisizione di Mobileye (MBLY) per quello che è un take over da 15,3 miliardi di dollari in contanti. …