ChemChina-Syngenta: Usa approvano fusione
Finanza/Economia / 5 aprile 2017

Via libera dalle autorità Usa alla fusione tra la cinese ChemChina e la svizzera Syngenta. Via libera dalle autorità Usa alla fusione tra la cinese ChemChina e la svizzera Syngenta. (RV ) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Calcio: Lazio in finale di Coppa Italia
Finanza/Economia / 5 aprile 2017

E’ terminata poco fa con il punteggio di 3-2 la semifinale di ritorno tra Roma e Lazio. E’ terminata poco fa con il punteggio di 3-2 la semifinale di ritorno tra Roma e Lazio. All’andata i biancocelesti avevano battuto per 2-0 i giallorossi. In finale va quindi la Lazio che affronterà la vincente tra Napoli e Juventus. (RV ) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Usa: Lacker lascia la Fed dopo aver violato policy
Finanza/Economia / 5 aprile 2017

Jeffrey Lacker, presidente della Federal Reserve di Richmond, si è dimesso per aver violato la policy di comunicazione. Jeffrey Lacker, presidente della Federal Reserve di Richmond, si è dimesso per aver violato la policy di comunicazione. Lacker nel 2012 aveva avuto contatti con un analista. (RV ) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Wall Street chiude in leggero rialzo
Finanza/Economia / 5 aprile 2017

Gli indiciLa Borsa di New York ha chiuso la seduta in leggero rialzo. Gli indiciLa Borsa di New York ha chiuso la seduta in leggero rialzo. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,19%, l’S&P 500 lo 0,06% e il Nasdaq Composite lo 0,07%. I dati macro del giornoNel mese di febbraio la bilancia commerciale ha segnato un deficit pari a 43,6 miliardi di dollari, in calo rispetto al disavanzo di 48,2 mld del mese precedente. Gli analisti avevano previsto un deficit di 44,8 mld.Gli ordini industriali sono aumentati a febbraio dell’1% dopo l’incremento dell’1,5% registrato a gennaio. Gli economisti avevano stimato una crescita dell’1% su base mensile. *I titoli in evidenza *Nvidia -7,01%. Pacific Crest ha peggiorato la raccomandazione sul titolo del produttore di processori grafici a underweight da sector weight.Conn’s +28,99%. Il rivenditore di mobili ha comunicato un risultato netto rettificato positivo per 0,05 dollari per azione nel quarto trimestre. Gli analisti avevano previsto una perdita di 12 centesimi per azione. Meglio del previsto anche i ricavi a 433 milioni di dollari contro i 431 milioni del consensus. Movado +0,94%. Il produttore di orologi ha confermato l’outlook per l’esercizio fiscale 2018 ed ha annunciato che il presidente Ricardo Quintero…

Iliad: Niel cede l'1,72% per 210,5 milioni di euro
Finanza/Economia / 5 aprile 2017

Xavier Niel ha concluso la cessione, attraverso un collocamento privato, di 1. Xavier Niel ha concluso la cessione, attraverso un collocamento privato, di 1.015.400 azioni Iliad, pari all’1,72% del capitale, a 207,32 euro per azione, pari ad un controvalore di 210,5 milioni di euro. Dopo l’operazione Niel detiene il 52,43% del capitale dell’operatore telecom francese. (RV ) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

FIB/Ftse MIB: nuovo segnale il 5 o 6 aprile
Finanza/Economia / 5 aprile 2017

Ieri nel pomeriggio è poi iniziata la correzione che ha portato sotto 19950 alla definitiva chiusura del ciclo. FIB/Ftse MIB: si è chiuso ieri il ciclo dell’ultimo segnale long che tramite il nostro Indicatore ShoTrading (impulsi di brevissimo + cicli di breve) avevamo dato lo scorso 28 marzo. Il segnale ha raggiunto comodamente tra il finale di venerdì 31 e gran parte della seduta di ieri, 3 aprile, l’area del nostro target d’impulso di brevissimo (sempre 200-300 punti; in questo caso era piazzata a 20035-20135 di FIB). Ieri nel pomeriggio è poi iniziata la correzione che ha portato sotto 19950 alla definitiva chiusura del ciclo. Ora prestiamo attenzione in quanto il nostro indicatore sta già entrando in nuova fase di completamento del conteggio ciclico, di conseguenza potremmo avere un nuovo segnale tra il pomeriggio di domani (5 aprile) e quello di giovedì 6. Al momento possiamo ipotizzare che in caso di tenuta sopra i livelli attuali e piccolo rimbalzo di ritorno verso area 19900, con fallimento nuovo break sopra 20.000, allora potremmo avere un segnale short. Ma valuteremo da domani la situazione in base al nostro indicatore perchè le cose possono cambiare improvvisamente. Come sempre non bisogna voler prevedere la…

BofA: l’Europa dopo la caduta della moneta unica
News / 5 aprile 2017

Come sarebbe l’Europa dopo la caduta dell’euro? Questa è la domanda che si pone Athanasios Vamvadikis, autore di un report di BofA, Bank of America, dal titolo emblematico “The day after the euro“. Lo scenario che apparirebbe con la caduta della moneta unica è ben lontano da quanto paventato dalla grande maggioranza dei media. I paesi del sud vedrebbero svalutazioni inferiori al 10%, con la lira del 3%, la moneta spagnola e greca del 7,5%, quella portoghese dell’1% e il franco francese del 5%. A pagare il prezzo più alto dall’uscita dell’euro e il conseguente ritorno alle valute nazionali dei singoli stati membri sarebbe la Germania, con il marco tedesco che vivrebbe un rafforzamento notevole rispetto all’euro, addirittura del 15% circa, con un impatto negativo sulle esportazioni. L’autore dello studio pubblicato da BofA sulla testata tedesca Die Welt si basa sul metodo CGER utilizzato dal Fondo Monetario Internazionale che è fondato essenzialmente sugli squilibri tra le singole economie nazionali. Vamvadikis sostiene che sia probabile che in breve tempo le valute periferiche vadano in overshooting, con un deprezzamento ancor più eccessivo. L’autore inoltre osserva che la politica monetaria decisa dalla Bce si arresterà ad un certo punto nel prossimo futuro e ciò…

Bancomat “trapanati”: un nuovo modo di rapinare i clienti
News / 5 aprile 2017

Una tipologia d’attacco low-tech permette di svuotare un bancomat munendosi di trapano portatile e di poco altro. Questo genere di attacchi sono stati riportati da Kaspersky, l’azienda russa sviluppatrice del noto antivirus. Lo sportello automatico, una volta colpito dal ladro “in guanti” presenta solo un buco sul frontale del diametro di una pallina da golf. Kaspersky è stato in grado di replicare il furto sui bancomat (il cui modello non è stato comunicato, sebbene “molto diffuso”) avvenuti sinora in Russia e in altri Paesi europei. La ricerca dell’impresa attiva nel settore della sicurezza informatica è stata presentata in occasione del summit annuale del Kaspersky Analyst dal ricercatore Igor Soumenkov. “Volevamo scoprire: in quale misura puoi controllare l’interno di un bancomat con un buco e connettendo un cavo? E’ saltato fuori che puoi farci tutto” e solo con l’aiuto “di un semplice microcomputer”, ha spiegato l’esperto. Sì, perché una volta operato il foro, il ladro avrà bisogno di innestare “un gadget artigianale che attiva il dispenser delle banconote” del costo di appena 15 dollari. A quel punto prima che il computer si possa accorgere che qualcosa non va e proceda al riavvio automatico, il criminale può estrarre l’equivalente di migliaia di dollari….

Trump: piano infrastrutture supererà i mille miliardi
News / 5 aprile 2017

Donald Trump è “molto contento” del deficit commerciale attuale degli Stati Uniti e anche dello stato di salute dell’economia americana, la quale ha un enorme potenziale e creerà tanti posti di lavoro. Detto questo, rimane la necessità di fare meglio nei rapporti commerciale con la Cina. Trump ha rinnovato l’impegno della sua amministrazione a riformare il settore dell’assistenza sanitari, delle banche e del fisco. Il presidente Usa ha intenzione inoltre di varare un piano di investimenti nelle infrastrutture superiore ai mille miliardi di dollari. Quanto al piano di de-regulation, l’amministrazione punta a rivedere la legge Dodd-Frank, la riforma di Wall Street voluta dall’amministrazione Obama per impedire il ripetersi di una crisi dei mutui subprime. Per l’inquilino della Casa Bianca c’è bisogno di una qualche forma di regolamentazione, ma questa non deve impedire le attività creditizie e “bisogna liberarsi delle leggi di controllo che non funzionano”. Il testo della Dodd-Frank pone un freno agli eccessi della finanza statunitense, garantendo al contempo la tutela dei consumatori e del sistema economico. In merito di geopolitica, il presidente Usa ha detto che discuterà della minaccia rappresentata dalla Corea del Nord con il suo omologo cinese Xi Jinping. Trump ha rilasciato le dichiarazioni al termine del lungo…

Addio voucher, sale costo datori lavoro
News / 5 aprile 2017

Aboliti i voucher, la grande platea di datori di lavoro che ne facevano uso per retribuire (almeno sulla carta) le prestazioni lavorative occasionali debbono ora fare i conti con soluzioni alternative. Nati per combattere il lavoro nero, i buoni lavoro sono finiti sul banco degli imputati per l’uso estensivo (un vero e proprio boom) che celava, a detta dei sindacati, una nuova forma di precariato. In attesa di nuovi decreti ad hoc per creare nuovi forme di pagamento sostitutive, resta praticabile soprattutto la strada del contratto a chiamata. Attraverso questa forma di rapporto di lavoro si possono retribuire prestazioni saltuarie, con limiti molto rigidi. E, in ogni caso, il conto da pagare sotto forma di contributi e imposte è più salato sia per i datori di lavoro che per il lavoratore. Al momento, il primo limite che si scontra con questo contratto è quello anagrafico: esso non può essere applicato ai lavoratori di età compresa fra i 25 e i 55 anni, poiché il legislatore ha inteso evitarne l’utilizzo nella fase di piena attività lavorativa. Questo strumento, inoltre, configura un rapporto di lavoro subordinato anche se il lavoratore ha la facoltà di decidere se accettare o meno la “chiamata”. Tale contratto…