Vacchi: tra un balletto e l'altro anche un bebè in arrivo?
News / 22 aprile 2017

Da qualche tempo a questa parte non è estate senza il balletto di Gianluca Vacchi il quale, però, potrebbe avere progetti molto più grandi in testa. Estate in arrivo,almeno secondo il calendario, un po’ meno secondo il meteo. E con lei anche i preparativi per la prova costume. Estate e Vacchi sono sinonimi  Ma da qualche tempo a questa parte non è estate senza il balletto di Gianluca Vacchi, l’eccentrico imprenditore, che con la sua fidanzata Giorgia Gabriele, ha trovato su Instagram la sua nuova vena creativa. Migliaia di follower che seguono i suoi fantasiosi balletti e che presto potrebbero vederlo alle prese con pappe, pannolini e biberon. Sì perché il pensiero della paternità è arrivato a sfiorare persino lui. Da Miami, dove attualmente si trova insieme alla sua fidanzata, tra un balletto e l’altro il Vacchi si deve anche essere reso conto dei 3 anni ormai passati al fianco della Gabriele, ormai 31 enne e forse non intenzionata ad ancheggiare ancora per molto. Il precedente dell’eroica impresa Ecco allora arrivare le confidenze in un’intervista rilasciata a Diva e Donna in cui si prospettano le ultime confidenze della coppia e si scopre un lato inedito dell’imprenditore, quello di un potenziale…

Borse caute, Piazza Affari debole
News / 22 aprile 2017

Sale di nuovo Leonardo, bene anche Prysmian, Generali ed Intesa Sanpaolo. Vendite invece su Unicredit, scende di nuovo Atlantia, male il lusso. Al termine della mattinata Borsistica il nostro indice principale era tornato in territorio positivo, ma prima dell’apertura a Wall Street eravamo di nuovo sotto la linea della parità, al fixing abbiamo lasciato sul terreno oltre mezzo punto percentuale. Prese di beneficio su alcuni titoli che nei giorni scorsi avevano ritoccato i loro massimi storici, e vendite sulle utilities hanno pesato sul Ftse Mib (-0,54%) risultato il peggior indice di giornata nel Vecchio Continente, lo spread è salito di quasi un punto percentuale. Parigi (-0,4%) e Londra (-0,0%) hanno maggiormente limitato le perdite, mentre Francoforte (+0,2%) ha concluso la settimana con una freccia verde. Le elezioni francesi forse hanno consigliato cautela agli investitori, ma non penso che possano verificarsi sorprese clamorose. Dati macro positivi nell’eurozona e negativi Oltre Oceano hanno influito relativamente sulla seduta, Wall Street in questo momento non si discosta molto dalla parità, insomma, almeno apparentemente, calma piatta. Sul fondo della classifica troviamo Banca Generali (-2,24%), ma la maglia nera dell’ottava spetta di diritto ad Atlantia (-2,04%), un bilancio (-7,8%) raggelante per l’ex Autostrade dopo la manifestazione…

Atlantia: pesano incertezze su deal Abertis. La view dei broker
News / 22 aprile 2017

Il titolo anche oggi è stato penalizzato dalle vendite in attesa di chiarezza sull’acquisizione di Abertis. Il focus è sull’aumento del leverage: le indicazioni degli analisti e le strategie per il titolo. Anche la seduta odierna non ha riservato nulla di buono per Atlantia che, dopo aver archiviato la giornata di ieri con un ribasso di oltre due punti e mezzo percentuali, ha continuato a perdere terreno oggi. Il titolo, che ha occupato la penultima posizione nel paniere del Ftse Mib, si è fermato a 22,14 euro, con un calo del 2,04% e volumi di scambio sostenuti, visto che a fine sessione sono transitate sul mercato oltre 4,3 milioni di azioni, circa il doppio della media giornaliera degli ultimi tre mesi. Incertezze su entità cassa ed effetti su politica dividendi Atlantia continua a pagare pegno in Borsa in attesa di capire come evolverà la situazione sul fronte dell’acquisizione di Abertis di cui si parla da qualche giorno. Gli investitori attendono di vedere quale sarà l’entità di cassa che potrebbe essere impiegata per l’operazione e quali effetti si potrebbero avere sulla politica futura dei dividendi del gruppo. L’AD di Atlantia vuole un’operazione friendly Quest’oggi intanto l’AD di Atlantia nel corso dell’assemblea…

Presidenziali francesi. Perché i mercati prezzano calma piatta?
News / 22 aprile 2017

Mancano 2 giorni alle elezioni presidenziali francesi e i mercati si apprestano a chiudere la settimana in un clima sostanzialmente disteso. Mancano 2 giorni alle elezioni presidenziali francesi e i mercati si apprestano a chiudere la settimana in un clima sostanzialmente disteso. L’OAT decennale francese, allo 0.90% di rendimento, ricorda più la calma di un giardiniere che scenari da rivoluzione alla Le Pen o alla Mélenchon. Oggi l’OAT rende 9 volte più di un anno fa, ma sempre pochissimo per un decennale. I rendimenti francesi fino alle scadenze a 4 anni sono addirittura ancora negativi, crogiolandosi nel nobilissimo (e sempre più raro) rating tripla A di cui ancora godono. Il BTP decennale italiano, al 2.25%, incurante dell’altissimo rapporto tra debito e prodotto interno lordo al 133%, del rating al limite dell’investment grade e dei possibili “effetti contagio” da elezioni francesi, rende come l’affidabilissimo TNOTE americano. Il rendimento del Bund, allo 0.24%, mantiene l’andamento che da anni ricorda un encefalogramma piatto, in beffa alla vitalità dell’economia tedesca: sussulti di euforia che non superano l’1% di rendimento, nei momenti migliori, e frequenti tonfi depressivi che ne incollano il rendimento vicino allo zero. Il Gilt decennale britannico, dopo aver incassato con grande compostezza…

3 azioni made in China per sfruttare la crescita di Internet
News / 22 aprile 2017

La Cina sarà il prossimo orizzonte della crescita del settore tecnologico e in particolare dei social e delle piattaforme. La Cina sarà il prossimo orizzonte della crescita del settore tecnologico e in particolare dei social e delle piattaforme. Per questo motivo Larry Ramer suggerisce 3 titoli made in China per guadagnare nel prossimo futuro.  Tencent Holdings Ltd (OTCMKTS: TCEHY) A suo vantaggio sfrutta una fetta del 33% del mercato cinese dei pagamenti online, un mercato che, stando alle previsioni di JPMorgan potrebbe crescere del 400% entro il 2020. Tencent è anche molto ben posizionata per beneficiare degli aumenti della spesa che in Cina arriveranno per promuovere gli acquisti online. In crescita, inoltre, risulta essere anche la base di utenti dei diversi social media che fanno capo alla società, una realtà in crescita rapida molto più di quanto sta avvenendo con Facebook. Weibo Corp (ADR) (NASDAQ: WB) In più di un’occasione l’azienda è stata paragonata a Twitter con la differenza che i ricavi pubblicitari di Weibo sono aumentati del 42% l’anno scorso mentre la sua base utenti è aumentata del 33% nel 2016. Live streaming e video hanno contribuito ad aumentare la popolarità della piattaforma. A questo si aggiunga anche una interessante…

Governo debole e rischi populisti, ecco perché Fitch taglia rating Italia a BBB
News / 22 aprile 2017

Fitch ha tagliato il rating dell’Italia da ‘BBB+’ a ‘BBB’. L’outlook è stabile. Lo comunica l’Agenzia di rating spiegando che i rischi politici “sono aumentati” in Italia e sottolineando che i “rischi di un governo debole o instabile sono aumentati così come la possibilità che aumenti l’influenza politica di partiti populisti ed euroscettici”. Secondo Fitch, la crescita del populismo in Italia “può smorzare l’appetito della politica per le riforme, aumentare la pressione per un allentamento fiscale e pesare sulla fiducia degli investitori”. Gli attuali sondaggi, spiega l’agenzia di rating, indicano un’ulteriore perdita di terreno dei partiti più centristi e un panorama politico frammentato che potrebbe tradursi in un governo di minoranza.  Il governo presieduto da Paolo Gentiloni giura al Quirinale Come scrive Repubblica, sul piano economico, l’agenzia parla di “fallimento” sul fronte della riduzione dell’elevatissimo livello del debito pubblico, il che “espone maggiormente il Paese a potenziali shock sfavorevoli“, e prevede un aumento del Pil dello 0,9% nel 2017 e dell’1,0% nel 2018.  Necessario nuovo sostegno pubblico per le banche L’agenzia cita anche “le debolezze delle banche” italiane che accrescono i rischi al ribasso per l’economia e le finanze pubbliche e spiega che l’outlook per il settore bancario è negativo e riflette soprattutto il peso dei crediti deteriorati e della…

Nuove entrate e meno spese: così il governo corregge i conti
News / 22 aprile 2017

La ‘manovrina’ di correzione è quasi una ‘Finanziaria di metà anno’: un testo di 68 articoli per un valore di 5 miliardi di euro. Ora – si legge sulla Stampa – questa legge omnibus è a Palazzo Chigi ‘per i ritocchi’. Il governo promette di pubblicarla in Gazzetta al più presto, ma non è escluso che avvenga dopo il ponte del 25 aprile.  Ecco le nuove entrate Ritoccate le accise sui tabacchi – Ciò porterà nelle casse dello Stato un gettito su base annua di almeno 83 milioni di euro per l’anno 2017 e di 125 milioni di euro dal 2018.  Raddoppiata la tassa sulle vincite ai giochi –  Dal 6 al 12% per tutte le vincite sopra i 500 euro e l’aumento del prelievo per chi gestisce slot machine. La tassa scatterà dal primo ottobre 2017. Sale dal 6% all’8% il prelievo sulle vincite al Lotto mentre il Prelievo erariale unico sulle slot passa al 19% e quello sulle videolotterie al 6%.  Cedolare secca al 21% sugli affitti brevi- La norma riguarda, dal 1 giugno 2017, le case vacanze e gli immobili affitati attraverso i portali come Airbnb.  Multa da 200 euro per chi non paga il biglietto sui mezzi pubblici. Le spese…