Snam in calo. Equita commenta l'accordo con ENI
Finanza/Economia / 27 maggio 2017

Snam ha siglato un accordo per installare stazioni di distribuzione gas presso la rete di Eni. La seduta odierna si è conclusa in calo anche per Snam che, dopo aver guadagnato quasi un punto percentuale ieri, ha frenato un po’ il passo oggi. Il titolo ha terminato le contrattazioni a 4,082 euro, con un calo dello 0,39% e circa 9 milioni di azioni scambiate, poco sotto la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 9,5 milioni di pezzi. Snam ha siglato un accordo con Eni per installare stazioni di distribuzione gas presso la rete di Eni. Dopo l’accordo con API per aprire 150 distributori di gas, l’accordo con la società del cane a sei zampe, scrivono gli analisti di Equita SIM, aumenta la visibilità sul target di aprire 300 stazioni entro il 2021 per investimenti complessivi di 150 milioni di euro, di cui 90 milioni regolati. A detta della SIM milanese si tratta di una notizia positiva per Snam, anche se si parla di circa il 3% delle spese per investimenti al 2021 del gruppo. Confermata la view neutrale sul titolo che resta da mantenere in portafoglio con un prezzo obiettivo ridotto del 4% a 4,1 euro, per…

Chiusura borse europee: Euro Stoxx 50 -0,15%
Finanza/Economia / 27 maggio 2017

Euro Stoxx 50 -0,15%;Francoforte (DAX) -0,15%;Parigi (CAC 40) -0,01%;Londra (FTSE 100) +0,40%. Euro Stoxx 50 -0,15%;Francoforte (DAX) -0,15%;Parigi (CAC 40) -0,01%;Londra (FTSE 100) +0,40%. (SF – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Andamento indici USA
Finanza/Economia / 27 maggio 2017

Wall Street in parità: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,01%, Nasdaq Composite +0,04%. Wall Street in parità: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,01%, Nasdaq Composite +0,04%. (SF – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Oro: fixing LBMA a 1265,05 dollari
Finanza/Economia / 27 maggio 2017

Il fixing LBMA dell’oro è stato posto nel pomeriggio a Londra a 1265,05 dollari l’oncia, in leggero rialzo sulla rilevazione di stamane a 1265,0 dollari. Il fixing LBMA dell’oro è stato posto nel pomeriggio a Londra a 1265,05 dollari l’oncia, in leggero rialzo sulla rilevazione di stamane a 1265,0 dollari. (GD – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Settimana laterale per il Dax
Finanza/Economia / 27 maggio 2017

Settimana laterale per il Dax. Settimana laterale per il Dax. L’indice Dax ha trascorso l’ultima settimana oscillando per vie laterali, senza riuscire a dare un seguito al tentativo di rimbalzo messo a segno il 18 maggio dai minimi di quota 12490. La reazione si e’ arenata infatti in area 12700, testata sia il 23 sia il 25 maggio, dove si colloca il 61,8% di ritracciamento del ribasso dai massimi del 16 maggio. Questo riferimento, ricavato dalla successione di Fibonacci, e’ lo spartiacque tra un movimento di correzione ed uno di inversione di tendenza. In altre parole solo superando area 12700 il Dax segnalera’ l’intenzione di tornare a mettere sotto pressione i record di quota 12841 punti. Fino a che la resistenza non sara’ alle spalle restera’ invece elevato il rischio che le oscillazioni delle ultime sedute siano solo una pausa del ribasso intrapreso a meta’ maggio che potrebbe quindi riprendere (conferme in questo senso sotto i 12490 punti) per dirigersi almeno fino a testare il top del 3 aprile a 12375 punti. Sotto quei livelli rischio poi di ricopertura del gap rialzista del 24 aprile con base a 12091 punti. Al di sopra di 12700 invece possibile non solo il…

Diasorin…. ed i 70€/azione!
Finanza/Economia / 27 maggio 2017

Le quotazioni del titolo Diasorin, qui presentate su grafico giornaliero, mostrano una dinamica orientata al rialzo ormai da inizio anno. Le quotazioni del titolo Diasorin, qui presentate su grafico giornaliero, mostrano una dinamica orientata al rialzo ormai da inizio anno. La soglia “Psicologica” dei € 70 È stata sfiorata durante le prime sedute del mese di Maggio 2017 ed andando a concentrarci su un intervallo di 7/8 candele a partire da quelle del 2-3/5/2017, si riesce a notare come ci sia stato un doppio massimo sporcato che ha portato successivamente ad una breve inversione, conclusasi in area € 66. Con l’occasione di pullback i buyers sono tornati nuovamente forti, i quali hanno colto la palla al balzo acquisendo ancora una volta il controllo del mercato e riportando i prezzi, negli ultimi giorni,  vicini alla soglia dei massimi citata in precedenza. Ovviamente questo punto diventa importantissimo, lo sviluppo delle quotazioni proprio in prossimità di € 70, in quanto questo livello adesso, si sta trasformando in una discriminante fondamentale per gli scenari future nel breve periodo. Che cosa ci possiamo aspettare allora? Molta attenzione a possibili falsi segnali rialzisti al di sopra quota €70: delle upper shadow con conseguente chiusura daily al di sotto di essa, potrebbero generare dei…

Ftse Mib in bilico
Finanza/Economia / 27 maggio 2017

Il minimo del 18 maggio di 20.480 punti di future sull’indice Ftse Mib 40 è quindi un punto di riferimento importante e fondamentale. Se volessimo dare un’interpretazione ciclica del mercato italiano in questa sua fase più recente, potremmo notare un movimento rappresentato da 3 onde ascensionali costituite da onde 1, 3 e 5 (vedi Figura 1 in basso). Figura 1. Future FtseMib40 – grafico giornaliero. Il minimo del 18 maggio di 20.480 punti di future sull’indice Ftse Mib 40 è quindi un punto di riferimento importante e fondamentale per capire se l’up-trend sia finito, in quanto denota, in base all’analisi di Elliott, un possibile punto di inversione la cui violazione attrarrebbe i prezzi fino all’area di un doppio supporto grafico in area 19.500 – 19.450 (Figura 2). Figura 2. Future FtseMib40 – grafico giornaliero. Lì attenderebbe i prezzi anche la copertura di un gap che rappresenta, sempre in base all’ analisi tecnica, un convalidato polo attrattivo. In questo contesto comunque “positivo fino a prova contraria”, riusciranno alcuni titoli, sulle ali dell’euforia (o della bolla speculativa, a seconda dei punti di vista) a raggiungere nuovi massimi? La domanda può risultare pertinente a proposito di Bonifiche Ferraresi, il cui grafico settimanale sta…

Il punto sul FTSE MIB e DAX con l’analisi Candle Model
Finanza/Economia / 27 maggio 2017

Il segnale di breve sul Ftse Mib si contraddistingue dalla scarsa intensità in questa fase, in parte dovuto alla sua origine, l’intercettazione dello stop protettivo dell’allungo rialzista tentato proprio a metà maggio. Archiviato l’effetto benefico  Macron, la ripresina europea stenta ad ergersi a nuovo driver di periodo, con i listini azionari che sembrano piuttosto sospesi tra resilienza rispetto alla minaccia terroristica e qualche preoccupazione  sulla  portata delle difficoltà di Trump. La Cina intanto colleziona un cartellino giallo dall’agenzia internazionale di valutazione Moody’s, che degrada il paese del Dragone a causa dei timori sul rallentamento della crescita economica e sull’aumento del debito governativo. Sta di fatto che dopo due settimane in cui hanno fatto melina, tanto l’indice Dax quanto il Ftse Mib sono arrivati in test del trespolo dinamico rappresentato dalle rispettive medie mensili dei prezzi, solitamente crocevia dei destini direzionali di periodo. Procediamo alla ricognizione delle evidenze direzionali (Trend/segnali) ricavati dall’osservazione dei due indici. FTSE MIB QUADRO GIORNALIERO Il segnale di breve sul Ftse Mib si contraddistingue dalla scarsa intensità in questa fase, in parte dovuto alla sua origine, l’intercettazione dello stop protettivo dell’allungo rialzista tentato proprio a metà maggio. Intensità che è da rimpinguare nel momento in cui l’indice…

La volatilità cala, e gli hedge fund ci sguazzano…
Finanza/Economia / 27 maggio 2017

Il secondo bull market più duraturo di tutti i tempi è celebrato a Wall Street con la formazione di un nuovo, massimo storico. Il secondo bull market più duraturo di tutti i tempi – stiamo salendo da marzo 2009… – è celebrato a Wall Street con la formazione di un nuovo, massimo storico. Al contempo la volatilità torna su livelli “normali”, con il VIX a singola cifra percentuale: facendo la felicità di chi, negli anni più recenti, ha fatto dello “short volatility” la strategia prediletta per ammassare plusvalenze: martedì della passata settimana le posizioni corte sul VIX, da parte dei fondi hedge, hanno raggiunto un nuovo massimo storico, con ben 142 mila contratti netti al ribasso. Obiettivamente, il nuovo massimo storico dello S&P500 non è stato salutato con entusiasmo. Al NYSE, il rapporto fra azioni in rialzo e azioni in ribasso è a malapena superiore all’unità, mentre l’Up Volume è di poco superiore al 40% del totale; questa qualità deludente, unita al gap up di ieri, fa temere per la seduta odierna la possibilità di una pausa. Tuttavia nel breve periodo l’aspettativa è per una crescita fino alla prossima scadenza ciclica del Delta System, mentre nel medio periodo rimane valida…

Troppo ottimismo… fa scendere
Finanza/Economia / 27 maggio 2017

Dopo il corposo stacco dividendi di lunedì 22, l’indice FtseMib si scontra ancora con la resistenza a 21.400 (ex 21.700), per poi tornare a fine settimana in prossimità dei 21.000 punti. Dopo il corposo stacco dividendi di lunedì 22, l’indice FtseMib si scontra ancora con la resistenza a 21.400 (ex 21.700), per poi tornare a fine settimana in prossimità dei 21.000 punti. Molto spesso sui mercati capita che quando vi è un eccesso di ottimismo o pessimismo, il mercato comincia ad arrancare e inverte tendenza ed è quello che un po’ sta succedendo. Al momento risulta comunque prematuro parlare di inversione, anche perché due dei tre indici americani proprio ieri hanno segnato nuovi max storici ed è difficile assistere a una discesa senza il loro benchè minimo apporto. Tecnicamente comunque il nostro indice può ritracciare fino all’area 20.500 senza intaccare il trend rialzista in atto che si pone come obiettivi 21.700 e 22.200 per i mesi di giugno-luglio. L’eventuale rottura dei 20.500 punti farebbe invece invertire il trend di breve-medio con una reale possibilità di ulteriore discese, almeno fino al successivo supporto posto a quota 19.700. Dal punto di vista operativo, si consiglia di mantenere una buona dose di liquidità,…