Enel schiva il sell-off. Ecco perché per Goldman Sachs è buy
News / 8 luglio 2017

Enel sfugge all’ondata di vendite che ha colpito oggi il Ftse Mib grazie una nota di Goldman Sachs, che fornisce 3 ragioni per comprare il titolo. Seduta dai contorni positivi a Piazza Affari per Enel, che nonostante il clima negativo prevalente oggi sul Ftse Mib riesce a strappare un frazionale rialzo e a collocarsi anche nella seconda parte della giornata tra le pochissime quotate milanesi scampate al sell-off.    Il titolo dell’utility elettrica italiana, mossosi per tutta la seduta in uno stretto range di prezzo posizionato tra 4,7 e 4,75 euro, viene fotografato alle 14:30 a quota 4,72 euro, in rialzo dello 0,38% e con circa 15 milioni di pezzi scambiati, ben lontano comunque dai volumi medi di scambio giornaliero degli ultimi tre mesi, pari a circa 33,5 milioni di pezzi.  Enel resta in Conviction Buy List di Goldman Il merito della performance in controtendenza di Enel è da attribuire in parte alla forte indicazione di fiducia manifestata questa mattina verso il titolo dalla banca d’affari americana Goldman Sachs. Tornando ad occuparsi del titolo all’interno di una nota di settore sulle utility europee, il broker ha infatti confermato la presenza della società nella sua “Conviction List Buy”, decidendo altresì di alzare il prezzo obiettivo sull’azione da…

Piazza Affari in calo. Banche Venete: via libera al decreto
News / 8 luglio 2017

Alle 13 il Ftse mib registrava un passivo dello 0,75% (20.928 punti), come anche il resto delle borse europee ad eccezione di Londra. Il Dax infatti quotava un -0,21% e il Cac40 di Parigi non andava oltre il -0,32%. Le borse hanno chiuso la mattinata con un saldo parziale negativo. Alle 13, infatti, il Ftse mib registrava un passivo dello 0,75% (20.928 punti), come anche il resto delle borse europee ad eccezione di Londra. Il Dax infatti quotava un -0,21% e il Cac40 di Parigi non andava oltre il -0,32%. Unica eccezione, come detto, il Ftse100 di Londra a +1%. La questione delle banche venete Sul fronte interno si registra il via libera per il decreto del salvataggio delle banche venete con il Governo che ha ritirato l’emendamento depositato ieri in commissione Finanze alla Camera. Il prossimo appuntamento è fissato per lunedì, in Aula per la discussione generale. Un’occasione, secondo il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, che potrebbe essere presa al volo come esempio per una generale revisione del settore del credito italiano e per una stabilizzazione del segmento dei crediti deteriorati. un argomento che sarà al centro delle discussioni delaprosisma riunione dei ministri delle finanze europei prevista per lunedì e martedì…

Alimentare:Strada dei Vini rilancia sfida per il futuro del Garda
News / 8 luglio 2017

(AGI) – Roma, 7 lug. – “Abbiamo creato le basi di un percorso destinato a dare nuovo slancio all’azione della Strada dei Vini e dei Sapori del Garda: ora dobbiamo concretizzare le alleanze con le altre realta’ del territorio per marciare uniti con un obiettivo condiviso”.E’ il messaggio lanciato dalla presidente Giovanna Prandini ai Soci della Strada dei Vini e dei Sapori del Garda, riuniti in assemblea all’agriturismo Macesina di Bedizzole per l’approvazione del bilancio oltre che per il rinnovo delle cariche sociali: fra gli ospiti Alessandro Luzzago, presidente del Consorzio Valtenesi, e Gianluca Ginepro, responsabile comunicazione del Consorzio Garda Lombardia. “Termino il mio mandato con un bilancio molto positivo – ha detto Giovanna Prandini -. In particolar modo sono felice di aver posto le basi per una nuova politica unitaria di promozione del territorio gardesano, stringendo nuove ed importanti alleanze con il Consorzio Garda Lombardia, rinsaldando la collaborazione con il Consorzio dell’Olio Garda Dop e con i Consorzi del Vino: la presenza delle cantine nella nostra base sociale e’ un patrimonio importante, che rappresenta per altro un elemento fondante della nostra Associazione. Il dialogo e il confronto anche dialettico sono importanti per definire al meglio i rispettivi ruoli e…

Ceta: Isit, soddisfazione per protezione salumi Dop e Igp
News / 8 luglio 2017

(AGI) – Roma, 7 lug. – “L’accordo, anche se frutto di inevitabili compromessi, rappresenta un risultato sicuramente positivo nel percorso di salvaguardia dei prodotti della salumeria tutelata, nonche’ di trasparenza e corretta informazione nei confronti del consumatore finale sull’origine dei prodotti”. Lo ha dichiarato Lorenzo Beretta, Presidente ISIT (Istituto Salumi Italiani Tutelati), Associazione di riferimento dei Consorzi di Tutela dei salumi DOP e IGP che associa, ad oggi, 16 Consorzi e vanta una grande rappresentativita’ nel comparto delle produzioni tutelate.“Vediamo con estrema positivita’ – continua Beretta – che un Paese nord americano riconosca il principio delle Indicazioni Geografiche e delle relative denominazioni, offrendo cosi’ un valido strumento di tutela sul mercato canadese. Ricordiamo che la crescita dei nostri prodotti e’ sempre piu’ legata alle esportazioni nei Paesi Terzi e gli accordi di libero scambio portati avanti dall’Unione Europea diventano sempre piu’ in modo evidente strumenti fondamentali per l’apertura di nuovi mercati”.L’Isit,esprime dunque “una valutazione positiva dell’accordo, che consentira’ una tutela dei propri prodotti e una loro maggiore riconoscibilita’ in difesa del consumatore finale. Questo in particolare, per quei prodotti – come il Prosciutto di San Daniele e il Prosciutto Toscano – che potranno finalmente utilizzare la propria denominazione (preclusa fino…

“Creiamo un fondo pubblico sul modello francese per investire in startup”
News / 8 luglio 2017

Loro Macron, noi micron. Sarebbe il titolo perfetto per raccontare la distanza tra noi e la Francia in tema di startup. Ieri su Agi.it Riccardo Luna ha scrittoquesto post “Startup, sveglia Italia! Siamo fermi al palo”. La nostra è una vera “Emergenza Innovazione”, che stiamo provando ad indagare, coinvolgendo i massimi esperti sull’argomento. Ma ci piacerebbe coinvolgere tutti, anche quelli che massimi esperti non sono. Se volete contribuire scriveteci qui:dir@agi.it A presto.  Salvo Mizzi è amministratore delegato di Invitalia Ventures, fondo di investimento in venture capital della controllata del ministero dell’Economia. E’ stato il primo in queste settimane a parlare di “Emergenza nazionale” per quanto riguarda l’innovazione in Italia.  Se saranno confermati i dati del primo semestre (75 milioni), quest’anno potrebbe essere il primo dove gli investimenti in startup in Italia diminuiscono sull’anno precedente (-13%). Cosa non va?  “Una idea di paese, l’innovazione è un interesse strategico nazionale. Ma non è percepita come tale”. Sono 5 anni di legislazione sulle startup. Qualcosa è stato fatto. Basta?  “Tutto può essere migliorato. Rispetto a 5 anni fa il mondo è cambiato. Dopo Brexit il modello Macron o BPI è il nuovo standard. Tocca competere”. I risultati deludenti della crescita delle startup e degli investimenti in Italia sono…

Imprese: Guala Closures fa shopping in India e acquista Axiom
News / 8 luglio 2017

(AGI) – Milano, 7 lug. – Guala Closures, multinazionale attiva nel settore della produzione di chiusure di sicurezza per liquori, vino, olio e aceto, acqua e bevande e prodotti farmaceutici, ha firmato a Mumbai (India) un accordo per l’acquisto del 100% di Axiom Propack, societa’ indiana che opera nel comparto della produzione di chiusure di sicurezza per gli alcolici. Il completamento dell’operazione e’ previsto nei prossimi 3 mesi. Axiom, con un’unita’ produttiva in Karnataka, serve il mercato indiano Imfl (Indian Made Foreing Liquors) e ha iniziato l’attivita’ nel 2016 registrando un fatturato nel primo anno superiore a 6 milioni di euro. “Con questa acquisizione”, ha dichiarato Marco Giovannini, presidente e amministratore delegato di Guala Closures, “vogliamo rafforzare la nostra posizione nell’area e aumentare la nostra capacita’ per rispondere in modo corretto alla crescente richiesta di protezione contro la contraffazione dei prodotti”. (AGI) Red/Dan fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Pensioni: “Riscatto della laurea gratis per i nati tra il 1980 e il 2000”
News / 8 luglio 2017

Si tratta di una proposta, ma ha ricevuto un’apertura importante da parte del sottosegretario dell’Economia Pierpaolo Barretta.  Come riporta il quotidiano Il Messaggero oggi in edicola, che mette la notizia in prima pagina, se ne parlerà oggi all’iniziativa “Facciamolo sapere“, l’assemblea della rappresentanza studentesca dei Giovani democratici, dove Barretta spiegherà la sua idea. “Si tratta di una contribuzione gratuita fissa per gli studenti universitari che completano, entro la durata legale, il proprio percorso di studi”, scrive Andrea Bassi sul quotidiano romano. I pilastri sarebbero due:  “Il primo è che a beneficiare del riscatto gratuito, saranno soltanto i nati tra il 1980 e il 2000, i cosiddetti Millenials”.  Al ministero si sono accorti insomma che chi ha carriere discontinue rischia di non riuscire ad avere una pensione dignitosa alla fine del suo percorso di lavoro. “Il secondo”, continua l’articolo, “è che lo Stato verserà i contributi figurativi all’Inps solo per quei Millenials che avranno finito gli studi universitari nei tempi stabiliti. I fuori corso, insomma, non potranno avere accesso all’agevolazione”.  Non si sa ancora quanto questo costerà alle casse dello Stato. Ma la proposta è sul tavolo e al Tesoro stanno già facendo i conti. La proposta, lascia trapelare il Messaggero, potrebbe essere “meno…