Chiusura borse europee: Euro Stoxx 50 +0,20%
Finanza/Economia / 4 agosto 2017

Euro Stoxx 50 +0,20%;Francoforte (DAX) -0,22%;Parigi (CAC 40) +0,46%;Londra (FTSE 100) +0,85%. Euro Stoxx 50 +0,20%;Francoforte (DAX) -0,22%;Parigi (CAC 40) +0,46%;Londra (FTSE 100) +0,85%. (SF – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Borsa italiana tonica con UniCredit: Ftse Mib +1,02%
Finanza/Economia / 4 agosto 2017

Borsa italiana tonica con UniCredit: Ftse Mib +1,02%. Borsa italiana tonica con UniCredit: Ftse Mib +1,02%. Mercati azionari europei in ordine sparso. Wall Street debole: a ridosso della chiusura delle borse europee, S&P 500 -0,19%, Nasdaq Composite -0,21%, Dow Jones Industrial +0,02%. A Milano il Ftse Mib ha terminato a +1,02%, il Ftse Italia All-Share a +0,91%, il Ftse Italia Mid Cap +0,10%, il Ftse Italia Star a +0,35%. *Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata odierna segnaliamo che negli USA l’Institute for Supply Management *ha comunicato che l’indice ISM non manifatturiero è diminuito nel mese di luglio a 53,9 punti dai 57,4 punti di giugno. Le previsioni degli economisti erano fissate su un indice pari a 57 punti. Il Dipartimento del Commercio U.S. ha annunciato che nel mese di giugno gli ordini industriali sono cresciuti del 3% dopo due mesi consecutivi di flessione. La rilevazione precedente aveva mostrato una contrazione dello 0,3% (dato rivisto da una lettura precedente di -0,8%). Gli economisti avevano stimato un incremento del 2,9% su base mensile. Le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti nella settimana tra il 23 ed il 29 luglio sono calate a 240 mila unità da 245…

F.I.L.A.: utile normalizzato semestre in crescita a 17,6 mln
Finanza/Economia / 4 agosto 2017

Il Consiglio di Amministrazione di F. Il Consiglio di Amministrazione di F.I.L.A. – Fabbrica Italiana Lapis ed Affini, riunitosi in data odierna ha discusso e approvato i risultati del primo semestre 2017. Queste in sintesi le indicazioni principali. Ricavi della gestione caratteristica 1H2017 pari a 260,5mln di Euro, in crescita del +29,3% rispetto al 1H2016 (59,0mln di Euro), principalmente grazie all’effetto delle acquisizioni portate a termine nel corso dell’esercizio precedente; Crescita organica del fatturato in misura pari al 2%, al netto dell’effetto delle acquisizioni effettuate e dei cambi. Crescita condizionata nella prima parte dell’anno dall’integrazione logistica con i prodotti Daler e Canson nell’area nord americana; recupero del fatturato previsto nella seconda parte dell’anno; EBITDA normalizzato a 43,8mln di Euro, +19,9% rispetto ai 36,6mln di Euro del 1H2016 di cui -2,8% organico, prevalentemente per il temporaneo ritardo di fatturato nel Nord America dovuto alle sopra citate circostanze, che hanno accentuato gli effetti di stagionalità rispetto al primo semestre dello scorso esercizio; Utile normalizzato in crescita a 17,6mln di Euro (17,1 mln di Euro nel 1H2016); Posizione Finanziaria Netta a -285,6 mln di Euro al 30 giugno 2017, in linea con l’effetto della stagionalità del business sul capitale circolante netto ed in…

Azioni europee pronte per un acquisto già ad agosto
Finanza/Economia / 4 agosto 2017

È giunto il momento di concentrarsi sulle aree più difensive del mercato che hanno storicamente eseguito bene durante questo periodo dell’anno. È giunto il momento di concentrarsi sulle aree più difensive del mercato che hanno storicamente eseguito bene durante questo periodo dell’anno. Tuttavia, i rischi per gli investitori sono in aumento con i sentiment economici in chiaro scuro e le attese ogni giorni sui tassi di interesse e i QE. L’investitore dovrebbe posizionarsi su titoli azionari con una liquidità non altissima, società che hanno rilasciato già le trimestrali, e sono state positive, buoni dividendi nel caso, e settori in crescita. Da agosto a settembre storicamente sono i peggiori due mesi dell’anno per i titoli. Dal 1980 lo S&P500 è sceso in media dello 0,1% e dello 0,7% in questo periodo, i soli due mesi dell’anno che mostrano un ritorno negativo in media. Gli investitori sono mal preparati per qualsiasi tipo di downturn. Secondo l’ultimo sondaggio AAII sui singoli investitori, le persone stanno mantenendo le loro posizioni in fondi dal 2000 in un momento in cui i titoli si avvicinano ai livelli storici di sovravalorizzazione, eclissando ogni singolo guadagno avvenuto negli ultimi 8 anni, i migliori dal 1929. Ma se uno…

Bond oggi: lira turca iper debole. Ma con yield al 10%
Finanza/Economia / 4 agosto 2017

La rincorsa dell’euro e la debolezza politico/economica della Turchia contribuiscono a far crollare la valuta di Ankara. I rendimenti obbligazionari (extra divisa) sono però da record.  Sui 4,19 Eur vs Try si è determinato un doppio massimo? Se lo chiedono in tanti, nella speranza che la folle corsa ribassista della lira turca abbia trovato un punto di arrivo. L’analisi tecnica del cambio non lo porta a sperare, mentre alcuni numeri riferiti all’economia di Ankara e dintorni sono più possibilisti.  Un’altra giornata di sofferenza Ieri di nuovo forte tensione sul cambio, con un ritorno ai 4,19, già toccati a gennaio scorso. Allora si registrò poi una veloce inversione. Andrà così anche ora? Indicatori e medie mobili dicono di no e ipotizzano “cross” a 4,20 e poi a 4,237 se la debolezza proseguirà. Tuttavia il trend di crescita del Pil resta positivo (+1,4% l’ultimo dato trimestrale +5% su base annua), sebbene la bilancia commerciale rimanga fortemente improntata al segno meno. Nel confuso contesto politico mediorientale la situazione turca non contribuisce a nessuna chiarezza ed è inevitabile che il tutto si ripercuota in termini di tensioni sul cambio in un momento in cui l’euro vola rispetto a tutte le altre valute. Per l’obbligazionista…

La Francia non cede i cantieri navali ma acquista le banche romagnole
News / 4 agosto 2017

La banca francese Credit Agricole starebbe per acquistare le casse di risparmio di Cesena, Rimini e San Miniato. L’offerta di acquisto degli istituti, in salute precaria, dovrebbe essere formalizzata a settembre. Se da una parte la Francia oppone resistenze alla cessione dei cantieri navali Saint Nazaire a Fincantieri, dall’altra è già in azione per conquistare il sistema bancario italiano. Credit Agricole controlla già Cariparma, Friuladria e Carispezia e hanno dato vita a un polo interbancario con una buona situazione. Sulla scia dell’acquisto delle banche venete da parte di Intesa, come condizione per l’acquisto il Credit ha chiesto che le banche romagnole siano sgravate di 3,1 miliardi di sofferenze e crediti deteriorati. Il presidente di Carim Sido Bonfatti ha ammesso che il destino delle banche sarà quello di un acquisto per mano francese. A settembre i vertici dell’istituto si attendono una proposta vincolante del Credit sottoposta ad alcune condizioni oppure una richiesta di prolungamento dell’esclusiva che servirebbe alla banca francese per acquisire elementi di valutazione aggiuntivi che in questo momento non ha. Quella di Credit Agricole è l’unica offerta pervenuta per gli istituti romagnoli. Nessuna proposta è arrivata dai grandi istituti bancari italiani. Potrebbe aver pesato sulle loro decisioni il fatto…

Politica – giudizi in libertà
News / 4 agosto 2017

Signora Ines LODDO in CUPERLO, avrebbe tuonato: “Berlusconi ha fatto meglio di RENZI”. Gentile signora Ines, capisco l’influenza nefasta di suo marito che notoriamente non ne azzecca una, ma arrivare a dire questo mi sembra veramente troppo. Le ricordo che l’ex cavaliere, quello che vinse le elezioni con una maggioranza bulgara,  nel recente periodo ha pubblicamente confessato di non essere riuscito a mantenere le promesse fatte in campagna elettorale, la prima, riduzione della pressione fiscale al 30%, perché gli alleati non lo hanno consentito. Poverino, non è riuscito, in venti anni. Ora a 80 anni suonati, ripete che vuole tornare per realizzare lo stesso programma di prima, come se un ventennio non fosse neanche trascorso! A me sembra preistoria. Il mondo è cambiato, i nostri competitor sui mercati internazionali, Germania, Francia, Spagna, solo per fare qualche esempio, corrono e noi, con queste regole, questa burocrazia completamente impazzita, una corruzione inarrestabile, non riusciamo neanche a stare in piedi. Urgono dei cambiamenti strutturali, semplificare il sistema istituzionale, accelerare i processi amministrativi, facilitare la vita alle imprese, ai cittadini, ridurre i costi della politica. Gentile signora Ines, le ricordo ancora che l’ex cavaliere, non solo, per sua stessa ammissione,  non ha mantenuto le…

In Australia è guerra contro il denaro contante
News / 4 agosto 2017

E’ in corso in Australia una vera lotta contro il denaro contante. La Black Economy Task Force australiana ha presentato 35 proposte “orientate ai consumatori” per contrastare il contante. La task force accusa i consumatori di tenersi il contante e di non farsi dare le ricevute. Il presidente della task force Michael Andrew propone di installare nanochips nelle banconote da 50 e cento dollari in modo che il governo possa sapere dove vengono conservate. Il denaro inoltre avrà una scadenza dopo un certo periodo di tempo. Secondo Andrew, la maggior parte delle leggi in vigore per contrastare l’economia nera riguardano le imprese e non si concentrano sui consumatori che invece sono parte del problema. “Non si tratta solo di imporre sanzioni, ma di iniziare un cambiamento culturale“, ha detto Andrew che ha spiegato come qualsiasi nuovo regime di pena dovrebbe essere calibrato: le sanzioni più pesanti vanno a chi mette in atto comportamenti esagerati o ripetitivi nel tempo. La proposta è stata una delle 35 presentate dalla task force al governo federale. I gruppi a difesa dei consumatori hanno sostenuto che il piano eliminerebbe ogni protezione legale per gli acquirenti che pagano in contante e non riescono a ottenere la…

Amazon sarebbe nel mezzo di una bolla speculativa
News / 4 agosto 2017

Amazon sarebbe la nuova bolla tecnologica, o almeno così scrive David Stockman sul Daily Reckoning. Il prezzo delle azioni della compagnia di Jeff Bezos è passato da 285 dollari per azione del gennaio 2015 a 575 dollari nell’ottobre di quell’anno fino a raggiungere la quota di mille dollari Una crescita simile l’hanno avuta anche gli altri big, che si possono raccogliere sotto la sigla FAANG + M e cioè Facebook, Apple, Amazon, Netflix, Google, Microsoft. Mentre la gran parte del mercato azionario restava piatta, soprattutto quelle sezioni legate a settori dell’economia reale che hanno vissuto difficoltà come il petrolio e il gas, il rapporto prezzo/utile per azione delle grandi aziende citate è cresciuto. Proprio come il NASDAQ 100 dopo il picco raggiunto nel marzo del 2000, scese del 70% e dell’82% a settembre 2002, così Amazon (in testa alle altre FAANG + M) sarebbe nel mezzo di una simile speculazione. Anche se il prezzo delle azioni è triplicato negli ultimi 30 mesi Amazon ha sperimentato due tagli, rispettivamente del 28% e del 12%. Le azioni di Amazon sono ora esplose a 1000 dollari. Le grandi aziende non riescono a sfuggire a una valutazione eccessiva del mercato. Amazon ha 24 anni,…

Ddl concorrenza è legge: Rc auto, pensioni, farmaci. Tutte le novità
News / 4 agosto 2017

ROMA (WSI) – Dall’Rc auto all’energia passando per le notifiche di multe alla norma booking: ecco tutte le misure più importanti che sono state introdotte con l’approvazione in via definitiva del DDl concorrenza diventato legge. Partendo dalle assicurazioni auto viene eliminato il tacito rinnovo per le polizze sui rischi accessori se sottoscritte insieme all’Rc auto. Ciò significa che tali polizze si risolvono automaticamente alla loro scadenza. Rimane il tacito rinnovo invece per le polizze diverse da quelle dell’auto. Sconti per chi installa la scatola nera e per i ‘virtuosi’ che non fanno incidenti da 4 anni e vivono nelle province a più alto tasso di sinistri, soprattutto al Sud Italia. Per quanto riguarda le liberalizzazione, la fine del mercato tutelato per l’energia e gas slitta al 1 luglio 2019 anziché al 30 giugno 2017. Inoltre viene eliminata la possibilità di mettere all’asta la fornitura di energia elettrica per i clienti che non hanno scelto il loto fornitore alla scadenza del sistema di maggior tutela oggi in vigore. Tra le altre novità si segnala il diritto dei consumatori alla rateizzazione delle bollette e la creazione presso il Ministero dello Sviluppo economico di un elenco ufficiale di soggetti abilitati alla vendita di…