Le ultime volontà di uno sconosciuto, da un testamento autentico
News / 7 agosto 2017

  Rovistando fra vecchie carte, ho ritrovato un foglio sgualcito che ho riletto volentieri, di cui voglio rendere partecipi i tanti lettori della rivista, riportante alcune “volontà testamentarie” di uno sconosciuto che, data la fattura, pur nella sua drammaticità, mi ha sempre suscitato una profonda riflessione, perché a mio avviso rappresenta, comunque, un profondo spaccato di vita vissuta (1). “””””””””Nota di trascrizione Risultante dal verbale di pubblicazione e deposito di testamento olografo, rogato dal dott. Francesco de Rossi, notaio in Catanzaro il giorno 21 maggio 1943 in corso di registrazione. a favore Briuccia  Provvidenza fu’Michele, Cimino Calogero, Matteo e Giuseppe fu’ Salvatore c o n t r o Cimino Salvatore fu Vincenzo. con il sopra citato testamento il de cuius ha disposto delle sue sostanze nel modo che seguente: Perfettamente sano di corpo e di mente formulo il mio testamento nel modo che segue: prima di tutto raccomando la mia anima a dio ed alla vergine santissima da cui ho ricevuto infinite grazie e specialmente la pazienza di sopportare quella donna che per mia disgrazia, riuscì ad essere mia moglie e che non era fatta per un compito tanto serio come quello del matrimonio che, secondo lei, è un atto…

Piazza Affari fuori dal trading range: il rialzo può continuare
News / 7 agosto 2017

Il Ftse Mib chiuso la scorsa ottava su nuovi massimi dell’anno, candidandosi ad ulteriori allunghi nel breve. I prossimi obiettivi e i market movers da seguire in avvio di settimana. L’ultima seduta della scorsa settimana è stata archiviata con il segno più dalle Borse europee che, dopo una mattinata debole, sono riuscite ad imboccare la via dei guadagni, presentandosi al close in rialzo. Il Ftse100 è salito dello 0,49%, ma sono riusciti a fare meglio il Dax30 e il Cac40 che hanno guadagnato rispettivamente l’1,18% e l’1,42%. In salita anche Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato gli scambi a 21.935 punti, su nuovi top dell’anno, con un progresso dello 0,65%, dopo aver segnato nell’intraday un massimo a 21.961 e un minimo a 21.722 punti. E’ preceduto dal segno più anche il bilancio settimanale visto che nelle ultime cinque sedute l’indice delle blue chips ha guadagnato il 2,36% rispetto al close del venerdì precedente. Nuovi top dell’anno per il Ftse Mib: i prossimi target al rialzo L’indice delle blue chips nelle prime sedute della scorsa settimana ha continuato ad oscillare intorno all’area dei 21.500/21.600, violata nella giornata di giovedì. Prima del week-end si è avuto l’allungo decisivo che ha…

Edilizia: Unimpresa, mezzo milione di immobili in dissesto
News / 7 agosto 2017

(AGI) – Roma, 6 ago. – In Italia c’e’ quasi mezzo milione di immobili in dissesto, parzialmente o totalmente inutilizzabili. Si tratta esattamente di 452.410 costruzioni classificate, secondo i parametri catastali, come degradati. Ne da’ notizia Unimpresa, rivelando che il rapporto rispetto agli edifici “sani”, che in totale sono 62.861.919, e’ pari allo 0,72%. Sono 10 le province piu’ a rischio, la maggior parte situate nel Sud del Paese, ma spiccano alcune realta’ del Nord Ovest (In Piemonte e Val d’Aosta): Frosinone, Cosenza, Cuneo, Benevento, Foggia, Aosta, Siracusa, Piacenza, Verbania Cusio Ossola, Vibo Valentia. In tutto il resto del Paese si contano 345.848 costruzioni degradate e 58.393.439 edifici “sani”, con un rapporto dello 0,58%. “Al di la’ delle preoccupazioni sul versante della sicurezza, l’area che abbiamo fotografato, ovvero degli immobili catastalmente rovinati, rappresenta una possibile fonte di sviluppo dell’economia, per il settore dell’edilizia e per tutto l’indotto, dall’arredamento agli accessori”, commenta il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara. “Bisogna insistere anche per quanto riguarda la valorizzazione di alcuni beni sul fronte artistico e culturale, con tutto quello che se ne puo’ trarre anche per il turismo”, aggiunge Ferrara. Secondo l’analisi di Unimpresa, basata su dati della Corte dei conti e dell’Agenzia…