Guido Gentili confermato direttore editoriale del Gruppo 24 ORE
Finanza/Economia / 10 agosto 2017

In data odierna il Consiglio di Amministrazione de Il Sole 24 Ore S. In data odierna il Consiglio di Amministrazione de Il Sole 24 Ore S.p.A., a seguito della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro con l’ex Direttore Roberto Napoletano e in considerazione dell’ottimo lavoro svolto in questi mesi, ha provveduto a confermare Guido Gentili direttore editoriale del Gruppo 24 ORE e direttore responsabile del quotidiano Il Sole 24 Ore, di Radio 24, Radiocor Plus e delle altre testate specializzate del Gruppo 24 ORE. Cessa pertanto il suo “interim” essendo stato confermato nella carica a pieno titolo. (AM – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Chiusura borse europee: Euro Stoxx 50 -1,34%
Finanza/Economia / 10 agosto 2017

Euro Stoxx 50 -1,34%;Francoforte (DAX) -1,12%;Parigi (CAC 40) -1,40%;Londra (FTSE 100) -0,59%. Euro Stoxx 50 -1,34%;Francoforte (DAX) -1,12%;Parigi (CAC 40) -1,40%;Londra (FTSE 100) -0,59%. (SF – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Via libera dell'Antitrust UE a PSA/BNP Paribas sulle finanziarie Opel
Finanza/Economia / 10 agosto 2017

La Commissione Europea ha approvato l’acquisizione del controllo delle attività di General Motors dedicate al finanziamento dei veicoli Opel/Vauxhall e operative in Europa da parte di Peugeot SA (gruppo PSA) e BNP Paribas. La Commissione Europea ha approvato l’acquisizione del controllo delle attività di General Motors dedicate al finanziamento dei veicoli Opel/Vauxhall e operative in Europa da parte di Peugeot SA (gruppo PSA) e BNP Paribas. (GD – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Borsa italiana negativa: Ftse Mib -0,91%
Finanza/Economia / 10 agosto 2017

Borsa italiana negativa: Ftse Mib -0,91%. Borsa italiana negativa: Ftse Mib -0,91%. *Mercati azionari europei in rosso. Wall Street debole: *a ridosso della chiusura delle borse europee, S&P 500 -0,29%, Nasdaq Composite -0,53%, Dow Jones Industrial -0,33%. A Milano il Ftse Mib ha terminato a -0,91%, il Ftse Italia All-Share a -0,87%, il Ftse Italia Mid Cap -0,76%, il Ftse Italia Star a -0,82%. La seduta è stata condizionata dalle tensioni tra USA e Corea del Nord e il presunto attentato ad alcuni militari francesi a Parigi. *Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata odierna segnaliamo che negli USA le scorte di petrolio *(dato EIA) alla fine della scorsa settimana risultavano in calo di 6,451 milioni di barili, un flessione molto più ampia delle attese (consensus -2,720 milioni). L’indice della produttività del lavoro (non agricolo) del secondo trimestre del 2017 negli Stati Uniti ha registrato una crescita dello 0,9% secondo il Bureau of Labor Statistics. Gli analisti si attendevano una crescita dello 0,7% sul trimestre precedente e la rilevazione precedente è stata rivista allo 0,0% da una prima lettura -0,6 per cento. I costi unitari del lavoro dei settori non agricoli sono cresciuti dello 0,6% con un incremento dell’1,6%…

Sole 24 Ore, Guido Gentili confermato direttore
Finanza/Economia / 10 agosto 2017

In data odierna il Consiglio di Amministrazione de Il Sole 24 Ore, a seguito della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro con l’ex Direttore Roberto Napoletano e in considerazione dell’ottimo lavoro svolto in questi mesi, ha provveduto a confermare Guido Gentili direttore editoriale del Gruppo 24 ORE e direttore responsabile del quotidiano Il Sole 24 Ore, di Radio 24, Radiocor Plus e delle altre testate specializzate del Gruppo 24 ORE. In data odierna il Consiglio di Amministrazione de Il Sole 24 Ore, a seguito della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro con l’ex Direttore Roberto Napoletano e in considerazione dell’ottimo lavoro svolto in questi mesi, ha provveduto a confermare* Guido Gentili *direttore editoriale del Gruppo 24 ORE e direttore responsabile del quotidiano Il Sole 24 Ore, di Radio 24, Radiocor Plus e delle altre testate specializzate del Gruppo 24 ORE. Cessa pertanto il suo “interim” essendo stato confermato nella carica a pieno titolo. (GD – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Evasione fiscale & Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte: I rischi aumentano anche per l’antiriciclaggio
News / 10 agosto 2017

Quando un cittadino, in modo artificioso,  si fa trovare con le “tasche vuote” per non onorare gli impegni con il fisco, può essere condannato a pagare due volte: danno patrimoniale e danno morale a favore dell’Agenzia delle entrate. La sentenza della suprema Corte di Cassazione n.38932 dell’altro giorno è emblematica. Gli Ermellini, chiamati a pronunciarsi sulla condotta di un imprenditore immobiliare che, attraverso la costituzione di un Fondo patrimoniale apposito su un appartamento lo intesta alla moglie, al solo fine di sottrarlo all’appetito fiscale dell’Agenzia delle entrate. Lo stesso imprenditore, è giunto in Cassazione eccependo la sentenza della Corte di appello, lamentando in primo luogo l’assenza di alcuna verifica sui beni della società sia pure esistenti, ancorché in stato di complessivo dissesto. Il ricorso alla suprema Corte da parte dell’imprenditore era fondato sul fatto che l’Agenzia aveva assalito i beni personali in luogo di quelli della società, ovvero l’assenza di dolo della propria condotta e la possibilità di liquidare un danno morale a favore dell’Agenzia delle entrate. La Corte ha avuto terreno facile a smontare le tesi del ricorrente: Quando manca la prova circa la concreta esistenza di beni in capo all’azienda e senza procedere a particolari verifiche, il ricorso…

Tesla, Elon Musk raccoglie 600 milioni a New York per finanziare Model 3
News / 10 agosto 2017

Tesla ha lanciato un bond da 1,5 miliardi per finanziare la produzione della sua nuova Model 3, l’auto elettrica più “economica” in vendita a 35 mila dollari presentata alla fine di luglio 2017. L’emissione del bond non è nata sotto i migliori auspici: dopo l’annuncio, Standard & Poor’s ha confermato l’outlook negativo su Tesla e assegnato un rating B- al bond. In occasione di un incontro degli acquirenti di bond a Manhattan lo scorso lunedì, Elon Musk ha ottenuto ordini per 600 milioni di dollari, quasi la metà del previsto, dopo poche ore. La sessione era parte di una extravaganza di quattro giorni per le offerte di debito volta a raccogliere 1,5 miliardi per sostenere Model 3. Secondo una routine ben consolidata, l’imprenditore visionario Musk ha cercato di convincere gli acquirenti facendo leva sul “sogno” e il suo pitch a quanto sembra ha dato gli effetti sperati. Il miliardario Elon Musk ha risposto alle domande degli investitori al New York Palace Hotel mentre un esemplare in blu brillante della Model 3 era in mostra nel cortile. A favorire gli acquisti, secondo Kevin Mathews, di Aviva Investors Americas, è l’halo effect, l’effetto alone di cui gode Tesla e che ha favorito…

Dieci anni dopo l’inizio della crisi, la Bce è un’istituzione diversa
News / 10 agosto 2017

Come ricorda Bloomberg, dieci anni fa, il 9 agosto 2007, cominciavano a vedersi i primi cenni della crisi finanziaria che avrebbe sconvolto tutto il mondo a partire dal 2008. Il 9 agosto 2007, la banca francese BNP Paribas congelò tre fondi di investimento legati ai mutui immobiliari subprime statunitensi. I tassi di interesse sul dollaro sono schizzati in alto. Tutte le principali banche centrali sono state costrette a immettere liquidità. La Banca centrale europea, allora presieduta da Jean-Claude Trichet. ha immesso sul mercato 95 miliardi di euro e la Fed 25 miliardi di dollari. Secondo Bloomberg, la Bce e i suoi colleghi hanno così iniziato “una battaglia senza precedenti contro i fallimenti delle banche, la recessione, le turbolenze del debito sovrano, che ha cambiato il paesaggio economico e ha costretto a un ripensamento su ciò che la politica economica può e dovrebbe fare”. Nel 2007 né Trichet né i suoi colleghi avevano intuito la portata del rischio. Dieci anni dopo, mentre le banche centrali pensano a rallentare la politica di stimolo monetario, la Bce è un’istituzione diversa. Se si pensa “alle sofferenze che l’istituzione ha dovuto affrontare dalla crisi, il cambiamento delle sue politiche, la lentezza con cui ha iniziato…

Cosa succederebbe all’economia mondiale in caso di conflitto fra Stati Uniti e Corea del Nord
News / 10 agosto 2017

Negli ultimi giorni è salita la tensione fra la Corea del Nord e gli Stati Uniti. Martedì sera il presidente Usa Donald Trump ha promesso che se il regime di Kim Jong Un continua con le minacce, il Paese dovrà “fare i conti con le fiamme e con una furia che nessuno ha mai visto“. In risposta dalla Corea del Nord hanno detto di star valutando un piano per colpire l’isola di Guam, nel Pacifico, dove c’è una base militare Usa. Un conflitto fisico ancora improbabile ma gli analisti cominciano alle conseguenze che potrebbe avere, oltre alla perdita di molte vite umane. Una nota circolata a Capital Economics, compagnia di ricerche macroeconomiche, ha analizzato il potenziale distruttivo di ogni tipo di conflitto sull’economia mondiale. Nei precedenti conflitti, successivi alla Seconda Guerra Mondiale, i Paesi coinvolti hanno visto crolli significativi nella loro produzione economica. La guerra in Siria ha portato a un crollo del 60% del Pil del Paese. Il più disastroso è stato il conflitto fra Nord e Sud Corea dal 1950 al 1953 che per la Corea del Sud ha significato un calo del Pil dell’80%. Una guerra Usa – Corea del Nord provocherebbe problemi economici nella penisola coreana,…

“Bomba economica” in arrivo per la Germania. Merkel trema
News / 10 agosto 2017

BERLINO (WSI) – Appuntamento al 24 settembre per le elezioni tedesche ma Frau Merkel è sicura di vincere. Gli ultimi sondaggi danno il suo partito, la Cdu al 39% mentre la Spd di Martin Schulz al 25%. Alle spalle tutti gli altri: AfD, Fdp e Linke al 9%, i Verdi al 7%. “Per un buon lavoro e buoni stipendi”, “Per una Germania in cui viviamo bene e volentieri”, “Per le famiglie deve essere più semplice” sono alcuni dei motti che appaiono sui manifesti elettorali della Cdu svelati proprio ieri. Ma nonostante i sondaggi rosei per Frau Merkel arriva una nuvola all’orizzonte che potrebbe cambiare radicalmente l’esito delle elezioni tedesche e ha a che fare con la Brexit. Il commissario al bilancio Gunther Oettinger ha spiegato, in una intervista alla Bild, che sul lungo periodo mancheranno nel bilancio Ue tra i dieci e i dodici miliardi di euro l’anno, ma i britannici dovranno pagare anche dopo l’uscita del 2019 per tutti i programmi sottoscritti prima di Brexit. In ogni caso Londra dovrà continuare a dare soldi a Bruxelles come minimo fino al 2020. Successivamente i soldi mancanti saranno recuperati attraverso un’azione di risparmio e con più alti contributi dei Paesi membri….