Alert banche: in 7 anni chiusi 7mila sportelli

15 agosto 2017

MILANO (WSI) – Una vera e propria cura dimagrante quella in atto per le banche italiane che, secondo il sindacato Fabi, hanno visto già oltre 22mila posti di lavoro tagliati a fronte di quasi 3600 assunzioni.

“Numeri importanti, ma si tratta di uscite volontarie con l’obiettivo raggiunto di evitare i licenziamenti perpetrati in tutta Europa e di garantire il ricambio generazionale“.

Così dalle pagine di Repubblica Lando Maria Sileoni. I numeri più pesanti? In Unicredit quasi 4mila uscita volontarie, contro 2mila nuove assunzioni. Nel piano 2017-2019 invece il gruppo Intesa/Popolari venete prevede 3900 uscite volontarie di cui circa 1.000 nelle Popolari venete e la chiusura di 600 sportelli.

Monte Paschi di Siena nel piano al 2021 prevede ben 5.500 uscite volontarie di cui 1.800 già concordate con i sindacati. Il Gruppo Ubi prevede nel piano 2017-20 2.750 uscite volontarie a cui si devono sommare le 1.500 delle 3 good bank (ex banca Marche, Banca Etruria e Carichieti).

Infine il Gruppo Banco Popolare Bpm prevede nel piano 2016-19 1.800 uscite a fronte di 400 nuove assunzioni.

Numeri che in totale per oltre 7 anni in Italia prevedono la chiusura di quasi 7.000 sportelli bancari, con un flessione del 26,22%.

“Non sono scelte di strategia aziendale ma scelte obbligate per non affogare. Non chiudono per una scelta oculata, chiudono indiscriminatamente per abbattere il costo della gestione. E fino a ora se ne avvantaggiano le banche di credito cooperativo e gli uffici postali”.

Il sindacato lancia un monito: il Fondo esuberi dei bancari “non deve essere toccato”, altrimenti “sarà guerra.

L’articolo Alert banche: in 7 anni chiusi 7mila sportelli sembra essere il primo su Wall Street Italia.

fonte: http://www.wallstreetitalia.com/feed/

Nessun commento

I commenti sono chiusi.