Forte rialzo in avvio di ottava per le Borse europee

15 agosto 2017

Forte rialzo in avvio di ottava per le Borse europee con il Ftse mib che con il suo +1,72% circa batte Parigi e Francoforte (ma viene superato da Madrid che sale dell’1,9%).

Forte rialzo in avvio di ottava per le Borse europee con il Ftse mib che con il suo +1,72% circa batte Parigi e Francoforte (ma viene superato da Madrid che sale dell’1,9%). Il miglioramento del quadro all’interno del quale si muovono i listini e’ dovuto in buona parte alla presa di posizione della Cina che con la sua decisone di sospendere le importazioni di materie prime dalla Corea del Nord segnala di volere abbandonare l’atteggiamento di neutralita’ nella disputa fra gli Usa e Pyonyang. A Piazza Affari ha tenuto banco Fca, +8,15% il saldo finale, sostenuta dalle indiscrezioni del sito Automotive News secondo le quali una nota azienda automobilistica cinese avrebbe avanzato un’offerta per acquisire il controllo del gruppo (offerta per il momento respinta ma solo perche’ troppo bassa) ma sarebbe un errore pensare che il rimbalzo sia legato solo a questa notizia. Le banche hanno fatto bene infatti in tutta Europa (Société Générale, Deutsche Bank e Santander tutte sul 3% di guadagno) e in Italia si sono distinte Unicredit, Ubi e Banco Bpm contribuendo al rialzo dell’indice. Il Ftse Mib ha ricoperto per intero il gap ribassista dell’11 agosto con lato alto a 21647 punti e si e’ spinto con i massimi di quota 21778,61 a toccare la media mobile a 10 giorni, terminando poi la seduta a 21722 punti circa. I prezzi si sono quindi rimangiati la violazione della linea rialzista disegnata dai minimi dello scorso novembre, passante a 21450 circa, e potrebbero tentare ora, in caso di superamento di area 21778, il ritorno sui massimi dell’8 agosto a 22065 punti. Solo oltre quei livelli le recenti incertezze verrebbero accantonata e l’indice potrebbe puntare al test di area 23100 (resistenze intermedie a 22350 e 22650). Sotto i 21600 punti rischio di nuovo test di 21450 la cui violazione riproporrebbe lo scenario ribassista con target a 21150 e 29830 circa.

(AM – www.ftaonline.com)

fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Nessun commento

I commenti sono chiusi.