Globalizzazione e capitalismo, la classe media sta morendo
News / 28 agosto 2017

Di R. Perfetto, R. Melillo Negli ultimi giorni di luglio la classifica dei paperoni di Forbes ha incoronato Jeff Bezos come l’uomo più ricco del mondo con un patrimonio stimato di poco sopra i novanta miliardi di dollari, togliendo lo scettro a Bill Gates. Il modello di business Amazon ha messo in difficoltà molti “brick and mortar”, punti vendita in “mattone e calcestruzzo. Macy’s, con un valore di mercato su i 24 miliardi di dollari nel 2015, adesso oscilla intorno ai 7 miliardi e prevede entro l’anno di chiudere 68 stores. Anche J.C. Penney, che a Marzo ne aveva già chiusi 138, ha visto le sue azioni crollare dai 10 dollari di gennaio ai 5 dollari degli ultimi giorni. E non sono gli unici nel settore. Senza dubbio Bezos è stato bravo con il suo modello di business a vedere l’opportunità di fare soldi: Amazon è cresciuta come valore di mercato dai circa 50 miliardi di dollari nel 2010 ai circa 450 miliardi del 2017 (quasi 10 volte in 7 anni). Come anticipato da Bloomberg a Luglio, c’è già chi pensa ad azioni dell’antitrust americana: ci ritornano in mente i tempi di Rockefeller e della Standard Oil smembrata per la…

Beneficenza criminale degli aiuti di Stato
News / 28 agosto 2017

Sovvenzionare l’impresa attraverso aiuti di Stato, ha rappresentato, nell’ultimo mezzo secolo, uno dei compiti più naturali della nostra finanza pubblica. È stata una rincorsa continua fra lo Stato e le amministrazioni locali, volta a foraggiare le tante e spesso fantasiose iniziative imprenditoriali, con una ricca legislazione in materia. Per limitarci al periodo più recente , voglio ricordare la legge 488/92 , utilizzata dal Ministero per lo sviluppo economico (già ministero dell’industria) per elargire contributi a fondo perduto (in conto capitale) o a tassi agevolati (in conto interessi), fino a raggiungere il 50% dell’investimento ammesso, nel settore dell’industria, delle costruzioni, servizi, turismo, commercio e artigianato. La principale novità contenuta nella citata legge, avrebbe dovuto essere rappresentata da un nuovo ruolo della banca deputata ad istruire la pratica di finanziamento che, nella veste di compartecipe al capitale di rischio della iniziativa imprenditoriale, avrebbe meglio valutato, si disse, il “merito creditizio” e la stessa affidabilità dell’impresa. A dare uno sguardo alle iniziative dell’ultimo quinquennio pare che le truffe in danno dello Stato e della Comunità europea non siano affatto diminuite, anzi, sembra che la beneficenza criminale continui, pur in presenza di metodi truffaldini abbastanza antiquati . È un sistema che si rigenera, perpetuandosi…

Intelligenza & cultura: inversamente proporzionale!
News / 28 agosto 2017

Intelligenza & cultura: inversamente proporzionale!   Si può essere intelligente ed essere dotato di buon senso a prescindere! La cultura, a giudicare dal gravissimo episodio registrato e diffuso dalla cronaca di questi giorni e di cui è cenno nella foto, sembra confermare questa considerazione che, per quanto ovvia, certamente sconcerta. L’uomo, è un essere parlante che agisce d’istinto come un animale, senza riflettere, danneggiando così facendo ed in modo irreversibile, l’intera convivenza civile. Come possiamo accettare la condotta non solo incivile di questo signore – se è vero,” imprenditore laureato” – che ha inveito con parole così pesanti, offensive e fuori luogo verso una persona portatore di handicap? Quali anticorpi si possono utilizzare per evitare in futuro condotte di tal fatta? Quando succedono episodi di questa gravità, quali difese abbiamo? Ecco, una serie di domande alle quali è molto difficile se non impossibile rispondere. A questo punto, mi chiedo: può essere sufficiente aprire un fascicolo contro questo “imprenditore-laureato” per perseguirlo sotto il profilo penale per il reato di diffamazione per il quale, anche nella forma più grave di cui al 3° comma dell’art.595 la sanzione, per il caso in commento, non appare certamente adeguata – >. A questo punto vado…

Settimana cauta con mercati sempre vicini ai massimi
News / 28 agosto 2017

Ultima settimana di Agosto all’insegna del consolidamento per i mercati azionari nonostante sulle sfondo rimangono presenti alcuni problemi. RENDIMENTO PORTAFOGLIO MIDCAP +61.36% FTSE MIB +13.06% E’ stata una settimana all’insegna del consolidamento l’ultima di Agosto sui principali mercati azionari internazionali con Wall Street che guarda sempre i suoi massimi di sempre nonostante i problemi presenti all’interno dell’amministrazione Trump; in questo contesto gli investitori, messo da parte il simposio di J.HOLE (nessuna novità di rilievo per quanto riguarda le prossime mosse in tema di politica monetaria), torneranno a concentrarsi sui prossimi dati macro (in primis PIL USA e inflazione europea). Sul mercato delle valute riprende forza l’EURO che nei confronti del DOLLARO breakka al rialzo le resistenze poste in area 1.19 oltre i quali si potrebbero avere allunghi in direzione degli 1.20 che rappresentano i massimi degli ultimi 31 mesi. La debolezza del settore finanziario (SPREAD in risalita) ha inciso negativamente sul nostro indice principale che ha chiuso l’ottava in leggero ribasso (-0.44%) con i prezzi che si sono fermati nei pressi dei 21750 punti facendo segnare tra il minimo (21541) e il massimo (21905) “solo” 364 punti di differenza; rispetto all’ultimo aggiornamento non cambia la view sul FTSE Mib che…

Piazza Affari: lotta tra rialzisti e ribassisti. Chi vincerà?
News / 28 agosto 2017

Il Ftse Mib si è mosso in uno stretto trading range nelle ultime giornate, reagendo sui supporti ma senza riuscire a superare le resistenze. I market movers in avvio di settimana. L’incertezza ha avuto la meglio nella parte finale della scorsa settimana e così dopo la chiusura contrastata di giovedì, le Borse europee si sono fermate poco sotto la parità prima del week-end, dopo una mattinata trascorsa in territorio positivo. A fine seduta il Cac40 e il Dax30 sono scesi dello 0,17% e dello 0,11%, mentre il Ftse100 è calato dello 0,08%. L’unica a spuntare il segno più è stata Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib fermarsi a 21.746 punti, con un frazionale rialzo dello 0,08%, dopo aver segnato nell’intraday un massimo a 21.852 e un minimo a 21.691 punti. Negativo il bilancio settimanale visto che nelle ultime cinque sedute l’indice delle blue chips ha ceduto lo 0,31% rispetto al close del venerdì precedente. Il Ftse Mib resta sotto i minimi dell’anno: le attese nel breve Dopo un avvio di ottava in calo il Ftse Mib ha recuperato terreno spingendosi verso area 21.900, salvo poi ritracciare in direzione dei 21.500 punti. L’avvicinamento di questa soglia di prezzo ha…