Oro, rompe forte resistenza ma solo in dollari
Finanza/Economia / 30 agosto 2017

Oro, rompe forte resistenza ma solo in dollari. Oro, rompe forte resistenza ma solo in dollari. L’oro ha superato gia’ in avvio di ottava la forte resistenza offerta a 1295/96 dollari dai massimi di aprile e giugno segnalando quindi l’intenzione di volere andare a prendere almeno il lato alto del canale crescente che parte dai minimi di dicembre 2016, passante a 1350 dollari circa. Attenzione tuttavia perche’ contro euro il metallo giallo, pur avendo superato la trend line ribassista che parte dal top di aprile, e’ ancora sotto la media mobile a 100 giorni, passante a 1115 euro per oncia. Solo oltre quei livelli ci sarebbero segnali in favore del test della parte alta del canale quasi laterale disegnato dai massimi di luglio 2016 passante a 1210 euro circa. Per l’investitore in euro quindi meglio attendere la rottura di area 1115 prima di intervenire al rialzo sull’oro. (AM – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Exor pesante: impatto limitato da uragano Harvey per Partner RE?
Finanza/Economia / 30 agosto 2017

Ad Equita SIM risulta che gli eventi catastrofici rappresentino meno del 10% del portafoglio della società di riassicurazione posseduta da Exor. Terza seduta consecutiva in ribasso per Exor che ha continuato a perdere terreno oggi, rimangiandosi parte del rally messo a segno la scorsa settimana. Il titolo, archiviata la giornata di ieri con un calo di mezzo punto percentuale, oggi è stato colpito da forti vendite, fermandosi a 51,65 euro, con un calo del 2,64% e oltre 500mila azioni scambiate, contro la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 340mila pezzi. Exor ha pagato pegno alle incertezze legate alla stima dei danni provocati dall’uragano Harvey abbattutosi sul Texas. Bloomberg riporta le dichiarazioni delle principali società di riassicurazione quotate quali MunichRe, SwissRe e  HannoverRe, che considerano prematuro trarre conclusioni.Hannover Re si è sbilanciato dicendo che i danni di Harvey stimabili sono meno di 3 miliardi di dollari, ben inferiori agli 80 miliardi di Katrina e 36 miliardi di Sandy. Gli analisti di Equita SIM segnalano che l’impatto negativo per Partner RE, compagnia di riassicurazione interamente posseduta da Exor, dovrebbe essere limitato, anche perché agli esperti risulta che gli eventi catastrofici rappresentino meno del 10% del portafoglio della società di…

Chiusura borse europee: DAX -1,48%
Finanza/Economia / 30 agosto 2017

Chiusura borse europee: Euro Stoxx 50 -0,97%;Francoforte (DAX) -1,48%;Parigi (CAC 40) -0,94%;Londra (FTSE 100) -0,89%. *Chiusura borse europee: * Euro Stoxx 50 -0,97%; Francoforte (DAX) -1,48%; Parigi (CAC 40) -0,94%; Londra (FTSE 100) -0,89%. (CC – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Piazza Affari chiude in deciso calo
Finanza/Economia / 30 agosto 2017

La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in deciso calo a causa delle nuove tensione geopolitiche dopo il nuovo test missilistico della Corea del Nord. La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in deciso calo a causa delle nuove tensione geopolitiche dopo il nuovo test missilistico della Corea del Nord. L’indice Ftse Mib ha lasciato sul terreno l’1,46% a 21.408,62 punti, il Ftse Italia All Share l’1,34%, il Ftse Italia Mid Cap lo 0,41% e il Ftse Italia Star lo 0,64%.Perdite attorno al punto percentuale anche per le altre piazze europee. Sempre forte l’Euro nei confronti del dollaro a 1,203 dollari. L’oro ha raggiunto i massimi da inizio anno a oltre 1.300 dollari l’oncia. Ribassi generalizzati su tutti i comparti (tutti negativi i titoli del Ftse Mib). Male in particolare le banche con Banco BPM in calo del 3,8%, BPER Banca del 2,6%, Intesa Sanpaolo dell’1,82% e Unicredit del 2,65%. Banca Generali ha perso oltre 3 punti percentuali (-3,16%) dopo che Citigroup ha ridotto il suo giudizio a Sell tagliando il target price a 26 euro.Negativa Telecom Italia (-2,7%), ancora sotto i riflettori per il dossier “golden power”. Secondo quanto riportato da Il Sole 24Ore, in questi giorni…

Mediaset, maglia nera del Ftse Mib
Finanza/Economia / 30 agosto 2017

Mediaset è tra i titoli peggiori del listino milanese. Mediaset è tra i titoli peggiori del listino milanese. Il titolo perde quasi il 4% toccando nuovi minimi annuali a 3,13 euro. (CC – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

La fine del QE europeo, l'importanza dell'inflazione e i rischi
Finanza/Economia / 30 agosto 2017

Non è una novità, il QE europeo sta per volgere al termine, prima o poi doveva accadere, il mercato ha reagito male all’inizio, ma alla fine ha scontato tutto, quasi come sapesse tutto in anticipo. Non è una novità, il QE europeo sta per volgere al termine, prima o poi doveva accadere, il mercato ha reagito male all’inizio, ma alla fine ha scontato tutto, quasi come sapesse tutto in anticipo. Draghi ha cominciato a lanciare i primi segnali già con gli incontri di Giugno, poi prima del Simposio di Jackson Hole e durante lo stesso Simposio. Dopo la pausa estiva molti più investitori mostrano più attenzione alle principali riunioni di politica monetaria in tutto il mondo, dando il via con la riunione della Banca centrale europea, il 7 settembre, che molti trader ritengono potrebbe essere il giorno dell’annuncio di un cambiamento di politica monetaria in Europa. Sappiamo che la Banca Centrale Europea (BCE) ama informare di modifiche al suo approccio della politica monetaria ben prima che siano attuate. Ecco perché ci aspettiamo un annuncio imminente dal presidente della BCE Mario Draghi, su una ipotetica data sul suo programma di attenuazione del quantitative easing (QE) il prossimo anno. L’annuncio potrebbe essere…

Trading mordi e fuggi: indicatore FIB
Finanza/Economia / 30 agosto 2017

onfine che l’indicatore ShoTrading abbasserà notevolmente rispetto a ieri dopo i movimenti del primo pomeriggio. Lo scorso 24 agosto tramite il nostro Indicatore ShoTrading FIB (impulsi di brevissimo + cicli di breve) davamo un segnale short a quota 21800 del Future. Oggi, 29 agosto, con l’apertura in ampio gap ribassista si è espresso abbondantemente l’impulso di brevissimo superando l’area di target che fissiamo sempre, sul “mordi e fuggi” più veloce, a 200-300 punti. Per quanto riguarda invece il movimento un po’ più ampio, cioè il ciclo di breve vero e proprio, ora c’è spazio di sicurezza che ci permette di gestire con calma il Confine di limite superiore. Confine che l’indicatore ShoTrading abbasserà notevolmente rispetto a ieri dopo i movimenti del primo pomeriggio. fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml

Wall Street sta uscendo dalla crioconservazione
Finanza/Economia / 30 agosto 2017

Non si può certo sostenere che manchino le cattive notizie, a disturbare il sonno degli investitori. Non si può certo sostenere che manchino le cattive notizie, a disturbare il sonno degli investitori. La Corea del Nord rilancia la sfida nucleare, la Casa Bianca è impantanata, fra veti incrociati e riforme che stentano a ripartire, mentre sullo sfondo il raggiungimento del tetto del debito federale, minaccia un clamoroso shutdown del governo. C’é chi paventa una riedizione del 1987 – e, perlomeno come tempistica, ci siamo: vedasi quanto commentato nel Rapporto Giornaliero di oggi; e ora ci si mette anche l’uragano Harvey. È naturale che gli operatori temano il peggio. Tuttavia, non si deve trascurare la possibilità che, lungi dall’impattare sulla tendenza di fondo del mercato, questa impressionante sfilza di notizie possa incidere soprattutto sulla volatilità. Nell’ultimo anno a Wall Street le sedute terminate con una variazione in valore assoluto superiore al punto percentuale, sono state appena 16, pari al 6% del totale: il mercato è crioconservato, se si considera ad esempio che, un anno e mezzo fa, il conteggio delle sedute volatili raggiunse le 83 unità (una su tre) nell’anno precedente. Un contenimento simile della vitalità di mercato è eccezionale. Lo…

Riciclaggio, la mera tracciabilità delle somme non cancella le responsabilità penali!
News / 30 agosto 2017

Corte d’Appello di Palermo – Sezione IV – Sentenza 10 aprile 2017 n. 1696   La tracciabilità dei movimenti relativi al di chiara provenienza illecita non cancella il delitto di riciclaggio. Questa decisione, presa dalla Corte di Appello di Palermo con la sentenza indicata in premessa ha confermato il giudizio di primo grado del Tribunale di Trapani e aggiungendo altresì che, l’aver creato delle «difficoltà» nella ricostruzione dei diversi passaggi dei soldi ne conferma ulteriormente l’impianto accusatorio. Il Tribunale di Trapani, infatti, aveva ritenuto colpevole l’imputato del reato previsto dall’ articolo 648 bis comma 3 del codice penale, «perché, avendo ricevuto sulla propria carta (attivata presso l’Ufficio Postale), la somma di 970,00 euro proveniente dal delitto di frode informatica, commesso in danno del c/c n. (…) intestato all’amministrazione di condominio dei civici n. (…), trasferiva tale somma di denaro a persona residente all’estero mediante vaglia effettuato presso intermediario finanziario» . Nell’atto di appello, l’imputato, da una parte, ha sostenuto che «alcun atto dissimulatorio richiesto per l’integrazione del reato di riciclaggio si era verificato, risultando che le movimentazioni del denaro erano rimaste sempre immediatamente tracciabili». Dall’altro, che l’imputato, «avanti negli anni e vedovo, nel tentativo di crearsi una nuova vita sentimentale, come documentato dai…

Legittima difesa – accertamento dei fatti!
News / 30 agosto 2017

 La norma sulla “Legittima difesa – art. 52 cp così recita: “Non è punibile chi ha commesso il fatto, per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio od altrui contro il pericolo attuale di una offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa”. Con le polemiche che sono seguite per l’uso infelice della parola “notte” nel disegno di legge n.3785, la Camera dei Deputati ha dato un primo SI alla modifica delle norme contenute nel Codice penale a proposito della “Legittima difesa”. Nelle more di leggere il nuovo testo normativo che uscirà dal Senato della Repubblica accontentiamoci oggi di leggere lee prime novità introdotte, quali: la prima novità riguarda le situazioni che vengono considerate “legittima difesa”; è introdotta una modifica al secondo comma dell’art. 52 cp., in base alla quale si considera legittima difesa la reazione a un’aggressione commessa in tempo di notte, ovvero la reazione a seguito dell’introduzione in casa, in negozio o in ufficio, con violenza alle persone o alle cose, ovvero con minaccia o con inganno; viene poi precisato l’ambito di applicazione della fattispecie dell’eccesso di legittima difesa: all’interno dell’art. 59 c.p. è inserita la seguente previsione: “la colpa dell’agente è sempre esclusa quando l’errore è conseguenza del grave turbamento…