Carabinieri: Stupro all’Arma!
News / 11 settembre 2017

Al netto della verità giudiziaria ch si cercherà di trovare, la vicenda dei due carabinieri – uno scelto ed un appuntato con venti anni di servizio – accusati dello stupro in danno di due studentesse americane, peraltro in stato confusionale per effetto dell’assunzione di alcool e marijuana, è sconvolgente. L’episodio si sarebbe svolto in conseguenza dell’intervento della pattuglia in una discoteca di Firenze, a tarda notte, per sedare alcuni tafferugli, al termini dei quali gli stessi militari si sarebbero offerti di accompagnare le due studentesse con l’auto di servizio. “Violenza sessuale, aggravata, commessa da due pubblici ufficiali in servizio”, questa è l’accusa dalla quale i militari dovranno difendersi. Intanto sono stati ambedue sospesi per alcune violazioni oggettive commesse, a cominciare dal fatto di aver fatto salire sull’autovettura di servizio due persone senza alcuna ragione giustificativa – arresto o soccorso. Dalle prime indiscrezioni emerse e riferite dalla stampa sembra che uno dei due protagonisti della vicenda abbia ammesso di aver avuto un rapporto sessuale, riferito dallo stesso come “consensuale” e quindi privo di alcuna rilevanza penale. In attesa di conoscere l’esito degli accertamenti penso che il comportamento tenuto dai militari, laddove confermato, sia grave e vada stigmatizzato con la massima fermezza,…

Antiriciclaggio: Indagini giudiziarie & chiusura rapporti di conto!
News / 11 settembre 2017

Antiriciclaggio: Indagini giudiziarie & chiusura rapporti di conto!   I poliziotti impegnati a contrastare la “camorra” a Napoli si sono più volte lamentati perché dicono di trovare i rapporti di conto sempre in rosso o addirittura estinti, quando si arriva in banca per notificare una Misura patrimoniale come un sequestro preventivo nei confronti di un presunto appartenente alla criminalità organizzata. Mentre per un immobile, un albergo, dicono, una volta provato il collegamento con l’associazione camorristica, rimane li e non scappa e alla confisca ci si arriva, per le risorse finanziarie invece è un’altra storia perché queste si volatilizzano con maggiore facilità e non si trova mai niente. Trovandomi a Napoli a fare una giornata di formazione sulle Tecniche di contrasto al riciclaggio di denaro sporco a beneficio di DIA, ROS, GICO e Criminal pool nel quadro di un progetto del Ministero degli Interni di qualche anno addietro sui “Beni confiscati alla criminalità organizzata”, mi sono visto rivolgere questa domanda dalla platea dei discenti: “Perché troviamo i conti in rosso o addirittura estinti quando arriviamo in banca per sequestrare i soldi ai camorristi?”. Quando questo succede, risposi, nove volte su dieci la colpa è della banca che ha disatteso il dettato…

Mercato un po' stanco, ma il match finale è ancora da giocare
News / 11 settembre 2017

Il Ftse Mib fatica a valicare l’ostacolo dei 22.000 punti, ma al contempo si mantiene al di sopra di importanti supporti che tengono in vita la struttura rialzista. I market movers da seguire in avvio di settimana. La prima settimana completa di settembre si è conclusa con una seduta contrastata per le Borse europee che non sono riuscite a muoversi tutte nella stessa direzione. Gli indici hanno terminato gli scambi con segni diversi, ma con variazioni percentuali contenute, visto che il Ftse100 ha ceduto lo 0,26%, mentre il Cac40 ha riportato un frazionale calo dello 0,02% e il Dax30 è salito dello 0,06%. Ad avere la meglio è stata Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib fermarsi a 21.776 punti, con un progresso dello 0,25%, dopo aver segnato nell’intraday un massimo a 21.827 e un minimo a 21.581 punti. Lo spunto rialzista dell’ultima giornata non ha impedito una chiusura negativa per il bilancio settimanale, visto che nelle ultime cinque sedute l’indice delle blue chips è sceso dello 0,37% rispetto al close del venerdì precedente. Ftse Mib ancora ingabbiato: rottura al rialzo o al ribasso? Nell’ultima ottava il Ftse Mib ha continuato a muoversi in laterale, ma lo ha fatto…