Riforma delle intercettazioni telefoniche: controlliamo il lavoro della polizia giudiziaria!
News / 25 settembre 2017

Riforma delle intercettazioni telefoniche: controlliamo il lavoro della polizia giudiziaria!   In nostro Ministro della Giustizia oggi ci onora di parlare di procedura penale, di codice antimafia: novità assoluta, posto che nell’ultimo semestre l’ho sempre sentito a parlare di come mandare in panchina il Segretario del partito democratico e come unire la Sinistra. Dopo le note “trascrizioni di intercettazioni telefoniche” nelle “Informative di polizia giudiziaria alla Scafarto[1]”, l’intervista pubblicata sul Sole di oggi esordisce con la prima domanda riguardante la esigenza di conciliare la necessaria “riservatezza delle intercettazioni telefoniche legata per lo più ad esigenze investigative e il contestuale diritto all’informazione dell’opinione pubblica?” Nella prima fase, sarà importante stralciare quelle conversazioni del tutto irrilevanti ai fini del reato per cui si procede, anche immaginando il ricorso ad un  giudice terzo per una selezione non condivisa fra accusa e difesa. E per l’eccesso di discrezionalità ancora oggi presente nella bozza in discussione assegna alla polizia giudiziaria, già a monte, al momento della trascrizione? Per questo, continua il Ministro Orlando, si sta pensando a introdurre un “doppio brogliaccio”, uno integrale e uno con le conversazioni stralciate, utile sia per verificare da parte del PM la qualità della selezione sia per recuperare eventuali…

Testamento biologico o suicidio assistito: emergenza ad oltranza e viaggi oltre confine!
News / 25 settembre 2017

Testamento biologico o suicidio assistito: emergenza ad oltranza e viaggi oltre confine!   In Italia, quasi mai riusciamo a fare una legge in condizioni di normalità, si aspetta sempre l’emergenza, un caso nazionale che scuota le coscienze e tocca il cuore di tutti, in primo luogo quello di Santa Madre chiesa. Da tempo è ferma al Senato una legge travagliata che tutti vogliono, il Testamento biologico, detta anche una legge sul fine vita, ma si fa fatica a votarla perché i nostri politici, per lo più, sono pavidi e temono di perdere consenso. Ogni tanto la cronaca ci ricorda che per morire in pace, quando si sono da tempo perse le speranze di una vita decorosa, ci si può recare all’estero, basta pagare, tutto è possibile. Si finisce sulla cronaca dei media, sulla stampa urlata e scritta, spesso viene inquisito quello sventurato che ha deciso di accompagnarti, accusato di “Istigazione o aiuto al suicidio”. L’articolo 580 del Codice penale parla chiaro: “Chiunque determina altri al suicidio o rafforza l’altrui proposito al suicidio, ovvero ne agevola in qualsiasi modo l’esecuzione, è punito, se il suicidio avviene, con la reclusione da cinque a dodici anni”.  Insomma, aiutare qualcuno a cessare di soffrire…

Antiriciclaggio e lotta al terrorismo: un flop, dice la Guardia di finanza
News / 25 settembre 2017

Antiriciclaggio & lotta al terrorismo: un flop secondo la Guardia di finanza!   Il dossier della Guardia di finanza parla chiaro: il dispositivo di contrasto al terrorismo attraverso il sistema di prevenzione antiriciclaggio fa acqua da tutte le parti, insomma un fallimento. Ottanta pagine scritte da un Organismo qualificato, da un addetto ai lavori quale è appunto il Nucleo Speciale di polizia valutaria che riceve, insieme alla Direzione nazionale antimafia tutte le Segnalazioni di Operazioni Sospette inviate alla Uif da tutti i soggetti obbligati operanti sul territorio nazionale. L’analisi, partendo dalla evoluzione della finanza islamica nel nostro Paese, traccia una radiografia dei flussi finanziari e dei canali di finanziamento dell’intera minaccia jihadista. Insomma un settore delicato e pericoloso, come sempre quando si tratta di terrorismo religioso. In questo quadro, un intero capitolo è dedicato al “fallimento” del sistema antiriciclaggio mettendo in discussione l’intero dispositivo di contrasto che meriterebbe urgenti aggiustamenti. Segnalazioni di sospetto “terrorismo” L’analisi ha interessato l’ultimo quadriennio per il periodo compreso nelle annualità dal 2013/16  aggiungendo che . Il meccanismo in essere, come ricorda anche la Banca d’Italia che non a caso avverte che “non deve intendersi né tassativo e né esaustivo”, si basa su indicatori standard e…

Mappa italiana tassazione: a Nord il maggior carico fiscale, staccati Sud e Isole
News / 25 settembre 2017

La CGIA (Confederazione Generale Italiana dell’Artigianato, meglio nota come Confartigianato Imprese dal 2006) ha i diffusi i dati inerenti alla tassazione in Italia. Una sorta di mappa regionale del carico fiscale, che vede la Lombardia al primo posto partendo dalle regioni più tassate. I cittadini della Lombardia, infatti, versano ogni anno al fisco 11.898 euro. Seguono a ruota il Trentino Alto Adige e l’Emilia Romagna, rispettivamente con 11.029 euro e 10.810 euro annui versati sottoforma di tasse da destinare allo Stato, alle regioni ed agli Enti locali (dati riferiti al 2015). La CGIA, nella sua disamina, continua mettendo in evidenza come al Sud e nelle Isole la tassazione sia circa pari alla metà in confronto alle regioni del Nordovest italiano. In Campania, Sicilia e Calabria, ad esempio, il tesoretto arriva rispettivamente a quota 5.703 euro, 5.610 euro e 5.436 euro annui. A conclusione dello studio, il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo, dice che “il nostro sistema tributario grava maggiormente sulle regioni dove la concentrazione della ricchezza è più elevata ed il numero di grandi aziende è maggiore, anche se i cittadini e le imprese di queste aree dispongono, nella stragrande maggioranza dei casi, di servizi pubblici migliori rispetto…

Antiriciclaggio: sanzione estinta per l’amministratore, ma paga la società!
News / 25 settembre 2017

Antiriciclaggio: sanzione estinta per l’amministratore, ma paga la società!   Se la fa franca il rappresentante legale per estinzione dell’illecito – per omessa notificazione nel termine prescritto[1]  – scaturito da un irregolare trasferimento di denaro contante in violazione alle regole antiriciclaggio, paga la società in quanto responsabile in solido con l’autore principale della violazione. La responsabilità solidale scaturisce dal contenuto del 3° comma dell’art.6 della legge 689/81 che testualmente recita: . SS.UU Civili della Cassazione Con la sentenza n.22082 del 22 settembre 2017, le Sezioni Unite della Cassazione  hanno definitivamente chiarito il significato dell’ultimo comma dell’articolo 14 della legge 689/81 rispondendo ai diversi e contrastanti orientamenti passati, riassuntivamente enunciati nella nota in appendice[2]. In pratica, la Corte ha certificato che la solidarietà prevista dalla legge non persegue soltanto un principio di garanzia, ma anche una natura pubblicistica di generale deterrenza nei confronti di tutti, persone fisiche od enti che hanno cooperato con il trasgressore rendendo possibile la contestata violazione. Quanto detto, fermo restando, come la stessa sentenza precisa è che gli effetti del danno economico ricadranno sempre ed in via definitiva sull’autore del fatto verso il quale la stessa società potrà rivalersi. In pratica, se è vero che la persona…

Nuovi record nonostante il pericolo Corea
News / 25 settembre 2017

Nonostante i timori internazionali i mercati azionari fanno registrare nuovi record RENDIMENTO PORTAFOGLIO MIDCAP +63.24% FTSE MIB +17.14 Nonostante le rinnovate tensioni internazionali tra Corea del Nord e USA prosegue l’ottimo stato di forma dei principali mercati azionari internazionali che chiudono al rialzo una nuova settimana con il “focus” che, messe da parte le decisioni della FED, ora si concentrerà sia verso le elezioni tedesche (fa paura la risalita dell’estrema destra) che verso il Referendum dell’Indipendenza della Catalogna. Sul mercato delle valute poco da segnalare rispetto allo scorso weekend con l’EURO che, rimanendo sotto la soglia degli 1.20 nei confronti del DOLLARO, si mantiene a metà strada tra i primi supporti posti nei pressi degli 1,85 e le resistenze in area 1.209 Tra le MATERIE PRIME il “risk-on” indebolisce l’ORO con i prezzi che testano i primi supporti situati in area 1295$ l’oncia sotto i quali sono possibili nuove vendite. Nuova ottava (2^ consecutiva) sotto il segno degli acquisti per il FTSE Mib (+1.36% il saldo settimanale) con i prezzi che chiudono oltre i 22500 punti; rispetto agli ultimi aggiornamenti non cambia la view sul nostro indice principale le cui attese sono di una continuazione del movimento in atto in…

A Piazza Affari non c’è spazio per gli orsi: per quanto ancora?
News / 25 settembre 2017

Il Ftse Mib ha violato anche la resistenza dei 22.500 punti e conferme oltre tale soglia lo proietteranno verso i prossimi obiettivi. I market movers in avvio di settimana. Anche nell’ultima seduta della scorsa settimana gli acquisti hanno avuto la meglio, ma in linea con quanto accaduto nella sessione precedente, uno degli indici hanno terminato gli scambi in controtendenza. Giovedì era stato il Ftse100 a scendere in controtendenza, mentre venerdì è toccato al Dax30 uscire fuori dal coro, con un calo dello 0,06%, mentre il Cac40 e il Ftse100 sono saliti rispettivamente dello 0,27% e dello 0,64%. Ftse Mib con il vento in poppa: i prossimi target di breve In positivo anche Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato gli scambi a 22.530 punti, con un progresso dello 0,17%, dopo aver segnato nell’intraday un massimo a 22.613 e un minimo a 22.437 punti.  Positivo anche il bilancio settimanale visto che nelle ultime cinque sedute l’indice delle blue chips ha guadagnato l’1,35% rispetto al close del venerdì precedente. Il Ftse Mib ha continuato ad aggiornare i massimi dell’anno durante la scorsa settimana, con una salita lenta ma graduale che lo ha portato a chiudere l’ottava al di sopra dell’ostacolo dei…