Banco BPM in rally, ma si rischia stallo sulla bancassurance

Il 17 ottobre il Cda potrebbe analizzare le offerte per la bancassurance fatte da Covea e Cattolica, ma Unipol potrebbe mettere i bastoni tra le ruote.

Dopo ben sette sedute consecutive al ribasso Banco BPM ritrova il segno più che lo porta ad occupare la prima posizione nel paniere del Ftse Mib. Il titolo, archiviata la sessione di ieri con un calo superiore ai due punti percentuali, oggi si è fermato a 3,19 euro, con un rally del 4,8% e oltre 53 milioni di azioni scambiate, più del doppio della media giornaliera degli ultimi tre mesi.
Questa mattina il Sole 24 Ore ha riportato alcune indiscrezioni secondo cui il Cda di Banco BPM in agenda il 17 ottobre ottobre potrebbe analizzare le offerte per la bancassurance fatte da Covea e Cattolica, ma Unipol non intenderebbe consentire la due diligence finchè non sia stato trovato un accordo. L’arbitrato dovrebbe concludersi a metà novembre, ma le parti sono lontane, visto che Unipol chiede almeno 700 milioni di euro, mentre Banco BPM non vuole pagare più di 350 milioni, e questo potrebbe allungare i tempi del riacquisto.
In attesa di novità Equita SIM mantiene una view bullish sul titolo, con una raccomandazione “buy” e un prezzo obiettivo a 4,2 euro.

fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml