Enel in rialzo grazie anche alla spinta di Barclays
Finanza/Economia / 19 dicembre 2017

Il titolo ha sovraperformato l’indice di riferimento beneficiando della conferma bullish degli analisti. Nuova chiusura in rialzo per Enel che, dopo aver guadagnato poco meno di mezzo punto percentuale venerdì scorso, quest’oggi ha mostrato ben più vivacità. Il titolo si è fermato a 5,46 euro, con un progresso dell’1,96% e circa 29 milioni di azioni scambiate, contro la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 25 milioni di pezzi.  Enel ha performato meglio del mercato beneficiando anche del giudizio bullish di Barclays che ha confermato il titolo tra le sue top pick europee, con una raccomandazione “overweight” e un prezzo obiettivo a 5,85 euro.  Gli analisti credono che la società con buona probabilità continuerà a sovraperformare il settore europeo delle utilities. Il titolo offre ancora opportunità di crescita del valore a multipli non cari.    fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Generali in positivo dopo piccola cessione in Irlanda
Finanza/Economia / 19 dicembre 2017

La compagnia triestina ha ceduto Generali PanEurope: l’operazione avrà un impatto positivo di circa lo 0,4% sul Solvency II. Chiusura positiva oggi per Generali che, dopo essersi fermato sulla parità venerdì scorso, si è spinto un po’ in avanti oggi, mostrando meno maggiore debolezza relativa rispetto al Ftse Mib. Il titolo si è fermato a 15,52 euro, con un vantaggio dello 0,45% e circa 4,8 milioni di azioni scambiate, sostanzialmente in linea con la media giornaliera degli ultimi tre mesi.  Generali ha ceduto, a Life Company Consolidation Group, Generali PanEurope, il cui contributo al risultato operativo della compagnia triestina è stato pari a circa 20 milioni nel 2016. Generali incasserà 230 milioni di euro, a cui saranno aggiunti gli interessi maturati alla chiusura dell’operazione, e un possibile earn out da 10 milioni di euro. La società assicurativa riceverà anche 56 milioni quale rimborso di alcuni finanziamenti infragruppo. La cessione avrà un impatto positivo sul Solvency II di circa 0,4 punti percentuali e porterà una plusvalenza netta da 56 milioni di euro. Gli analisti di Equita SIM ricordano che la cessione rientra nell’opera di razionalizzazione prevista dal piano industriale. Confermato sul titolo il rating “hold”, con un prezzo obiettivo a 17…

Borsa italiana in netto progresso: FTSE MIB +1,34%
Finanza/Economia / 19 dicembre 2017

Borsa italiana in netto progresso: FTSE MIB +1,34%. Borsa italiana in netto progresso: FTSE MIB +1,34%. Mercati azionari europei positivi. Wall Street in ottima forma: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,59%, Nasdaq Composite +0,79%, Dow Jones Industrial +0,71% (nuovi massimi storici per i tre indici). A Milano il FTSE MIB ha terminato a +1,34%, il FTSE Italia All-Share a +1,28%, il FTSE Italia Mid Cap a +0,99%, il FTSE Italia STAR a +0,63%. Per quanto riguarda i dati macroeconomici di oggi segnaliamo che negli USA e’ stato reso noto che l’indice del mercato immobiliare NAHB si e’ attestato nel mese di dicembre a 74 punti, dai 70 punti del consensus e dai 69 punti della rilevazione precedente (rivista da 70 punti). Eurostat ha comunicato che nel mese di novembre il dato relativo all’Indice dei prezzi al consumo (CPI definitivo) è cresciuto dell’1,5% su base annuale in linea con le attese e in crescita del +1,4% di ottobre. In crescita dello 0,1% l’inflazione mensile. L’indice Core (esclusi i prezzi di energia, cibo, alcool e tabacco) cresce dello 0,9% rispetto a novembre 2016. L’Istat ha reso noto che in Italia a ottobre 2017 il surplus commerciale si è…

Al Gruppo 24 ORE la raccolta pubblicitaria di Radio KISS KISS
Finanza/Economia / 19 dicembre 2017

Siglato l’accordo tra System 24, la concessionaria del Gruppo 24 ORE, e Radio Kiss Kiss per la concessione in esclusiva della raccolta pubblicitaria della storica emittente radiofonica nazionale on air da oltre 40 anni. Siglato l’accordo tra System 24, la concessionaria del Gruppo 24 ORE, e Radio Kiss Kiss per la concessione in esclusiva della raccolta pubblicitaria della storica emittente radiofonica nazionale on air da oltre 40 anni. System 24 arricchisce quindi la propria offerta nel settore radiofonico aprendo alle concessioni di editori terzi con l’inserimento nel suo portafoglio, accanto a Radio 24, dell’emittente nazionale Radio Kiss Kiss, arrivando a offrire così ai suoi clienti un bacino di oltre 4,5 milioni di ascoltatori (Fonte TER, dati semestre maggio-ottobre 2017). Radio Kiss Kiss, unico network nazionale del sud Italia, è nata nel 1976 dalla felice intuizione di Ciro Niespolo, proseguita nel corso degli anni dai suoi 5 figli Lucia, Ida, Antonio, Marcello e Davide, imprenditori della radiofonia italiana, che l’hanno fatta crescere fino a posizionarsi al *9° posto nel ranking delle radio nazionali con 2.424.000 ascoltatori nel giorno medio *(Fonte TER). È una radio dinamica e frizzante nella musica e nella conduzione, particolarmetne attenta al mondo dei social network, alle esigenze…

Manpower guarda al futuro
Finanza/Economia / 19 dicembre 2017

ManpowerGroup in Italia si appresta a celebrare il suo primo ventennio raggiungendo il traguardo di tre milioni e mezzo di contratti di lavoro stipulati e oltre un milione e mezzo di persone avviate ad un’occupazione in oltre 100mila aziende italiane. ManpowerGroup in Italia si appresta a celebrare il suo primo ventennio raggiungendo il traguardo di tre milioni e mezzo di contratti di lavoro stipulati e oltre un milione e mezzo di persone avviate ad un’occupazione in oltre 100mila aziende italiane. Era il 23 dicembre 1997 quando Manpower ottenne dal Ministero del Lavoro l’autorizzazione a operare, come prima azienda in Italia, in qualità di agenzia di fornitura di lavoro temporaneo. Da allora l’azienda è cresciuta in Italia accompagnando, e in alcuni casi anticipando, l’evoluzione economica e storico-sociale del Paese. Manpower ha contribuito all’affermazione della cultura della flessibilità del lavoro, supportando le aziende nella comprensione delle dinamiche e, al contempo, favorendo la costruzione di un sistema di tutele e diritti per i lavoratori temporanei. Parallelamente, l’azienda ha investito in innovazione per essere all’altezza delle sempre più sofisticate soluzioni *richieste dalle aziende e per adeguare i *servizi e strumenti ai candidati. Nel suo messaggio di saluto per i 20anni di ManpowerGroup, il Ministro…

Azioni che aumenteranno il dividendo nel 2018
Finanza/Economia / 19 dicembre 2017

Nell’ultimo anno ho raccomandato un certo numero di società di dividendi quando erano a prezzi ragionevoli. Nell’ultimo anno ho raccomandato un certo numero di società di dividendi quando erano a prezzi ragionevoli. In questo articolo vorrei dare un seguito a quella linea guida, segnalare altre società importanti che aumenteranno i dividendi nel 2018. Segnalarle tutte è impossibile, quindi vi mostrerò solo quelle che secondo il mio punto di vista sono le migliori.  La crescita dei dividendi è un fattore di vitale importanza per gli investitori che puntano al reddito nel lungo periodo. Questi infatti tendono a scegliere società con ottimi fondamentali che abbiamo un prezzo di mercato giusto e aumentano i loro dividendi ogni anno, al fine di aumentare la loro ricchezza e battere facilmente l’inflazione. Io personalmente sono uno dei pochi rimasti Buy and Hold, nell’era dei Bitcoin che salgono alle stelle, delle speculazioni dei cfd che pare rendano milionari chiunque, cerco di concentrarmi su una scuola di pensiero più conservativa, società che forniscono dividendi sempre crescenti con plusvalenze interessanti. Nell’ultimo anno ho raccomandato un certo numero di società di dividendi quando erano a prezzi ragionevoli. In questo articolo vorrei dare un seguito a quella linea guida, segnalare altre…

Unicredit: attenzione ad area 16,50
Finanza/Economia / 19 dicembre 2017

Unicredit (UCG) è in fase di completamento del conteggio ciclico sul nostro sistema ShoTrading (operatività di breve-brevissimo periodo). Unicredit (UCG) è in fase di completamento del conteggio ciclico sul nostro sistema ShoTrading (operatività di breve-brevissimo periodo). Oggi (18 dicembre) le quotazioni si muovono poco sopra area 16,0 €. Prestiamo attenzione ad area 16,50 in quanto in caso di accenno di recupero verso quest’area potremmo avere tra il 19 e il 20 dicembre un segnale di acquisto per operatività “mordi e fuggi” veloce. Valuteremo il preciso livello di entrata probabilmente nel primo pomeriggio di domani (19 dicembre), sempre che le quotazioni non cedano sotto area 16 € (in questo caso il titolo rimarrebbe in situazione di debolezza).   fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml

Sarà molto difficile fare altrettanto bene nel 2018
Finanza/Economia / 19 dicembre 2017

Alla faccia della scaramanzia il Duemila 17 sta per andare in archivio con performance eccezionali. Alla faccia della scaramanzia il Duemila 17 sta per andare in archivio con performance eccezionali; alla faccia di chi dava il mercato azionario per spacciato già dodici mesi fa (anche molto prima, se è per questo). Quando abbiamo pubblicato l’Outlook annuale, l’esame della stagionalità suggeriva, per metà dicembre, uno S&P in crescita in misura compresa fra il 19.1 e il 20.9%: l’indice ci ha appagati in pieno, portando a casa un saldo, a venerdì, del 19.5%. Come si può rilevare dalla figura, non solo è stata conseguita l’attesa profondità del movimento, ma anche la “morfologia” della tendenza. Dubitiamo che il 2018 potrà rivelarsi altrettanto gratificante in termini di efficacia previsiva: sarà molto difficile ripetersi in questi termini spettacolari. Chi si fosse assentato dalla Terra per un viaggetto interplanetario della durata di un anno, una volta appresi i consuntivi sarebbe stato portato a credere che gli investitori nuotassero in una condizione di euforia irrefrenabile, di ottimismo dilagante motivato dalle plusvalenze accumulate. Nulla di tutto ciò: secondo il Boston Consulting Group, al 46% del totale (il 32% un anno fa, il 19% a fine 2015) gli investitori…

Lettera finanziaria. Prima in Europa, poi in Italia
Finanza/Economia / 19 dicembre 2017

Gli asiatici ed il Nikkei sopratutto, che rifiatano un po’, dopo la lunga corsa autunnale. Nonostante negli Usa continuino a scambiare e ad imperversare al Chicago Board i due futures su Bitcoin, prima in Europa e poi da venerdì in Italia, sono stati sospesi dalle contrattazioni od invitati a toglierli dal mercato rispettivamente, detti strumenti, ritenuti dagli organi di vigilanza molto pericolosi e poco trasparenti. Proprio come noi avevamo spiegato ai nostri abbonati in una nostra lettera una decina di giorni fa e risposto ad una successiva intervista su trend online e altri media ad inizio di settimana. Dobbiamo già preoccuparci dei tanti fatti non proprio limpidi delle nostre banche, che hanno coinvolto milioni di investitori e risparmiatori, che non potevamo certo far passare in sordina questo ultimo  episodio. Per il resto, un fine settimana denso di comunicazioni delle banche centrali, che hanno rispettato in pieno tutte le regole e le aspettative, anche quella del “sell on news” di cui abbiamo già scritto. Il quadro si presenta ,come dipinto nelle scorse settimane, con tre velocità .Con gli Usa che continuano imperterriti a ritoccare i massimi avvicinandosi ai 24000 di Dow e rimanendo sempre fra i 23000 ed i 24000. Gli…

Wall Street sempre audace, il rally non conosce limiti?
News / 19 dicembre 2017

Nyse, azioni Twitter sui massimi degli ultimi due anni. Chimica, LyondellBasell Industries in denaro grazie a Citigroup. Amplify Snack Brands in orbita sul takeover di The Hershey Co.. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street, e le trimestrali di martedì 19 dicembre 2017. Inizio d’ottava sui nuovi massimi storici per la piazza azionaria di Wall Street che ha prolungato l’ascesa registrata venerdì scorso. Nel dettaglio, a guidare i rialzi è stato il Nasdaq che ha chiuso con un +0,84% a 6.994,76 punti dopo aver superato per la prima volta nell’intraday la soglia psicologica dei 7 mila punti. Luce verde a fine giornata pure per l’S&P 500, +0,54% a 2.690,16 punti, e per il Dow Jones, +0,57% a 24.792,20 punti.   Nyse, azioni Twitter sui massimi degli ultimi due anni Al New York Stock Exchange le azioni della Twitter, Inc. (TWTR), società dell’omonimo social network, hanno piazzato un rally dell’11,09% a $ 24,69 attestandosi sui massimi degli ultimi due anni. E questo dopo che oggi, lunedì 18 dicembre del 2017, gli analisti di JPMorgan Chase hanno rivisto al rialzo la raccomandazione sul titolo portandola da ‘Neutral’ ad ‘Overweight‘ (sovrappesare). Chimica, LyondellBasell Industries in denaro grazie a Citigroup…