Borsa italiana in parità: FTSE MIB -0,04%
Finanza/Economia / 28 dicembre 2017

Borsa italiana in parità: FTSE MIB -0,04%. Borsa italiana in parità: FTSE MIB -0,04%. Mercati azionari europei poco mossi. Wall Street in verde: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,16%, Nasdaq Composite +0,19%, Dow Jones Industrial +0,14%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a -0,04%, il FTSE Italia All-Share a +0,11%, il FTSE Italia Mid Cap a +0,65%, il FTSE Italia STAR a +0,84%. *Per quanto riguarda i dati macroeconomici di oggi segnaliamo che negli USA l’indice di fiducia dei consumatori del Conference Board e’ sceso *a 122,1 punti nel mese di dicembre dai 128,6 punti del mese precedente. Il dato e’ risultato nettamente inferiore alle previsioni degli addetti ai lavori pari a 128 punti. L’indice Pending Home Sales (vendite di case con contratti ancora in corso negli USA) ha evidenziato una crescita dello 0,2% nel mese di novembre dopo l’incremento del 3,5% rilevato a ottobre. Gli addetti ai lavori avevano stimato una variazione negativa pari allo 0,4% mese su mese. In Spagna a ottobre le vendite al dettaglio sono cresciute del 2% rispetto allo stesso periodo del 2016, in netta crescita rispetto alla lettura precedente fissata al +0,3% (rivisto dal -0,1%). Il dato risulta nettamente…

Spread Btp/Bund a 152 punti base
Finanza/Economia / 28 dicembre 2017

Spread BTP/Bund a 152 punti base nel pomeriggio. Spread BTP/Bund a 152 punti base nel pomeriggio. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni si attesta al 1,93%. (CC – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Oro: fixing a 1.279,40 dollari l’oncia
Finanza/Economia / 28 dicembre 2017

L’oro al secondo fixing della giornata a Londra cede 6 dollari a 1. L’oro al secondo fixing della giornata a Londra cede 6 dollari a 1.279,40 dollari l’oncia. (RV – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Mondadori: dal 18 al 22 dicembre acquistate 36 mila azioni proprie
Finanza/Economia / 28 dicembre 2017

Arnoldo Mondadori Editore S. Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (codice LEI 815600049A1F9AFE6666) comunica di aver acquistato sul Mercato Telematico Azionario, nel periodo tra il 18 e il 22 dicembre 2017, n. 36.000 azioni ordinarie (pari allo 0,014% del capitale sociale) al prezzo unitario medio di euro 2,1984 per un controvalore complessivo di euro 79.143,20. Tali operazioni sono state realizzate nell’ambito dell’autorizzazione all’acquisto di azioni proprie deliberata dall’Assemblea degli Azionisti del 27 aprile 2017 (già oggetto di informativa anche ai sensi dell’art.144 bis del Regolamento Consob 11971/99 e dell’art. 132 del D.Lgs. n. 58/98). A seguito delle operazioni finora effettuate, Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. detiene n. 920.000 azioni proprie pari allo 0,352% del capitale sociale. (RV – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

A2A: Milano valuta cessione quota
Finanza/Economia / 28 dicembre 2017

A2A (+0,1%) poco mossa nonostante le indiscrezioni di stampa secondo cui il comune di Milano (principale azionista con quello di Brescia, hanno il 25% più un’azione a testa) sta valutando l’ipotesi di vendere una quota dell’utility per chiudere il bilancio triennale al 2020. A2A (+0,1%) poco mossa nonostante le indiscrezioni di stampa secondo cui il comune di Milano (principale azionista con quello di Brescia, hanno il 25% più un’azione a testa) sta valutando l’ipotesi di vendere una quota dell’utility per chiudere il bilancio triennale al 2020. Il patto parasociale tra i due comuni vincola il 42% complessivo fino a inizio 2020: possibile quindi la vendita del 4%, ma non prima del 2019. (SF – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

A Piazza Affari la corte è ancora riunita
Finanza/Economia / 28 dicembre 2017

Piazza Affari rafforza la sensazione di aver perso la spinta propulsiva che aveva fatto dell’indice MIB uno dei più brillanti al mondo alla fine del terzo trimestre. Il licenziamento definitivo della riforma fiscale, fortemente voluta dall’amministrazione Trump, induce gli investitori americani a passare alla cassa: con 15 miliardi netti di deflussi, la raccolta dei fondi di investimento USA ha fatto registrare la contrazione più marcata dal referendum britannico per la permanenza nell’Unione Europea. Ragionevole che ciò abbia per il momento sacrificato il “Santa Claus Rally”. Naturalmente, non è detto che la mossa risulti azzeccata. Al contrario, il disimpegno potrebbe rivelarsi imprudente, in un mercato che ha rivelato la presenza di potenziali compratori disposti a rompere gli indugi e ad accaparrarsi azioni al primo, frazionale ripiegamento. Lo comprova quest’anno la straordinaria assenza di sedute da +/- 2%, mentre nel 2017 le sedute che hanno visto il mercato ripiegare (o, se è per questo, salire) in misura superiore al punto percentuale, sono state appena 8: per ritrovare un contesto più moderato, bisogna risalire al 1964. Un anno, come già visto – mentre altri si cullavano in improbabili confronti con il 1987… – straordinariamente simile a quello che non senza rimpianto stiamo per…

Wall Street: luce verde senza azzardi, con fiducia verso il 2018
News / 28 dicembre 2017

Dow Jones, acquisti su American Express e McDonald’s. Nyse, azioni Floor & Decor Holdings sugli scudi. Settore retail, tornano le vendite. Nasdaq, Tesla: KeyBanc taglia stime consegne Model 3. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street. Chiusura poco mossa ed moderato rialzo oggi per la piazza azionaria di Wall Street. Il Dow Jones, infatti, ha guadagnato lo 0,11% a 24.774,30 punti, mentre il Nasdaq non è andato oltre un aumento frazionale dello 0,04% a 6.939,34 punti. Semaforo verde pure per l’S&P 500 che ha guadagnato lo 0,08% a 2.682,62 punti.  Dow Jones, acquisti su American Express e McDonald’s Tra le Blue Chips, semaforo rosso a fine seduta per le azioni NIKE, Inc. (NKE), -1,10% a $ 62,95, The Goldman Sachs Group, Inc. (GS), -0,68% a $ 255,96, e The Walt Disney Company (DIS), -0,46% a $ 107,62, mentre hanno chiuso in denaro American Express Company (AXP), +0,57% a $ 99,14, McDonald’s Corporation (MCD), +0,77% a $ 172,61, e Visa Inc. (V), +0,92% a $ 114,03.    Nyse, azioni Floor & Decor Holdings sugli scudi Al New York Stock Exchange, le azioni della Floor & Decor Holdings, Inc (FND) hanno piazzato un rally del 7,98% a…

Piazza Affari: lo scenario non cambia. Le attese per domani
News / 28 dicembre 2017

Il Ftse Mib è rimasto sui valori del close di venerdì scorso senza fornire nuovi spunti: i market mover della prossima seduta. Il rientro agli scambi dopo il lungo ponte legato alle festività del Natale è avvenuto senza particolari scossoni per le Borse europee che hanno archiviato la seduta odierna in maniera contrastata. Ad avere la meglio è stato il Ftse100 che ha guadagnato lo 0,37%, seguito dal Cac40 che è salito dello 0,08%, mentre il Dax30 ha chiuso in frazionale calo dello 0,02%.  Seduta piatta per il Ftse Mib Segno meno anche a Piazza Affari dove il Ftse Mib si è fermato a 22.201 punti, con un lieve ribasso dello 0,04%, dopo aver segnato nell’intraday un massimo a 22.295 e un minimo a 22.121 punti.  La seduta odierna, come era logico attendersi, è stata caratterizzata da volumi di scambio inferiori alla media e da movimenti contenuti, in un range inferiore ai 200 punti.  Di fatto non cambia il quadro di fondo per il Ftse Mib che dopo aver avvicinato l’area dei 22.500 punti la scorsa settimana ha ripreso la via del ribasso, riportandosi nella parte bassa del range attraversato ormai da metà novembre. La situazione non cambierà fino a…

Borse: c’è ottimismo, ma prevale la cautela
News / 28 dicembre 2017

Sono in molti a puntare ancora sulle azioni anche per il 2018, ma, almeno in Europa questo quarto trimestre ha visto un mercato molto prudente. La prima seduta post-natalizia è spesso vista con un certo sospetto, si parla sempre di “clima festivo” e si rimarcano i ridotti volumi di scambi, insomma non gli si dà troppo peso. Se poi, come è accaduto oggi, il nostro indice di riferimento termina praticamente piatto ecco che … tutto torna. In effetti in questi giorni, più che di bilanci si parla di previsioni, come è andato in Borsa il 2017 … lo sappiamo tutti, i risparmiatori/investitori sono più interessati a sapere come andrà il 2018. Ed ecco allora che gli analisti si abbandonano a questo “gioco”, ben sapendo che nessuno il prossimo anno andrà a vedere cosa avevano detto dodici mesi prima. La giornata odierna, tuttavia, a mio parere non è stata soltanto una tappa di trasferimento in vista della fine dell’anno, anche oggi, infatti, dopo una apertura positiva hanno prevalso le vendite, ed ancora una volta è stata Wall Street a far tornare il buonumore facendo così recuperando le perdite ai principali indici del Vecchio Continente. Alla fine la migliore è risultata Londra…

Banco BPM tonico: gruppo solido, escluso aumento di capitale
News / 28 dicembre 2017

Il titolo è in pole position tra i bancari sulla scia delle dichiarazioni dell’AD Castagna, apprezzate da alcune banche d’affari. Le strategie degli esperti. In una giornata in cui Piazza Affari mostra una certa debolezza, con bassi volumi di scambio e una volatilità decisamente contenuta, spicca l’andamento positivo di Banco BPM che mette a segno la migliore performance nel settore bancario, occupando una delle prime posizioni nel paniere del Ftse Mib. Il titolo, dopo aver archiviato la sessione di venerdì scorso con un calo di quasi un punto e mezzo percentuale, oggi ha imboccato da subito la via dei guadagni, mantenendo in rialzo in controtendenza rispetto al mercato. Negli ultimi minuti Banco BPM viene scambiato a 2,614 euro, con un vantaggio del 2,67% e quasi 15 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, rispetto alla media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 29 milioni di pezzi. Migliorato il target di riduzione degli Npe Banco BPM catalizza gli acquisti sulla scia delle dichiarazioni rilasciate dall’AD del gruppo nell’ambito di un’intervista al Sole 24 Ore. Giuseppe Castagna ha affermato che il target di riduzione delle esposizioni non performanti sarà migliorato di 3 miliardi di euro, citando inoltre 0,7-1 miliardo…