Piazza Affari tenta un recupero, ma non è ancora fuori pericolo

4 gennaio 2018

Il Ftse Mib prova a risalire la china, restando però esposto al rischio di nuovi ribassi. Le attese per domani e i marker movers da seguire.

Archiviata la prima seduta dell’anno con il segno meno, le Borse europee sono riuscite a trovare gli spunti giusti per risalire la china oggi. Il Ftse100 ha guadagnato lo 0,3%, ma sono riusciti a fare meglio il Cac40 e il Dax30, saliti rispettivamente dello 0,81% e dello 0,83%. 

Il Ftse Mib risale la china, ma non basta per ora

In positivo anche la conclusione di Piazza Affari che però ha mostrato minore vivacità degli altri mercati, con il Ftse Mib fermatosi a 21.904 punti, in salita dello 0,27%, dopo aver segnato nell’intraday un minimo a 21.719 e un massimo a 21.941 punti. 

L’indice delle blue chips ha vissuto una seduta altalenante, ma dopo il test di area 21.700 ha avviato un bel recupero che lo ha portato a chiudere gli scambi a poca distanza dai massimi intraday. 

Ulteriori segnali di ripresa si avranno con la riconquista di area 22.000, preludio ad un allungo verso i 22.200 punti prima e i 22.500 in un secondo momento. Oltre quest’ultimo livello il Ftse Mib potrà allungare ulteriormente il passo in direzione dell’ostacolo intermedio dei 22.700/22.800 punti, superato il quale ci sarà spazio per un test dei massimi del 2017 in area 23.000/23.100. 

Il raggiungimento di quest’ultima soglia di prezzo appare prematuro nell’immediato, quantomeno fino a quando non ci sarà un pieno ritorno all’operatività al termine delle festività che si concluderanno il prossimo 6 gennaio. 

Fino a quando le quotazioni si manterranno al di sotto di area 22.000, sarà reale il rischio di assistere a nuove incursioni ribassiste con primo target i 21.600/21.500 punti. Oltre tale soglia si avrà un’accelerazione ribassista in direzione dell’area dei 21.000, con eventuali estensioni fin verso i 20.800 punti nella peggiore delle ipotesi. 

In queste prime giornate del nuovo anno consigliamo una buona dose di cautela in attesa del ritorno alla piena operatività, in modo da comprendere meglio quale sarà la direzione che verrà imboccata dal Ftse Mib. 

I market movers in America

Sul fronte macro Usa domani sarà diffusa la stima ADP relativa ai nuovi posti di lavoro nel settore privato che in riferimento al mese di dicembre dovrebbe mostrare un saldo positivo di 190mila unità, in linea con la lettura precedente. 

Per le nuove richieste di sussidi di disoccupazione si prevede un rialzo da 245mila a 248mila unità, mentre il dato finale dell’indice PMI servizi di dicembre è visto a 52,4 punti, in frenata rispetto ai 54,4 punti della lettura precedente. 

Nel pomeriggio sarà diffuso il consueto report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell’energia. Due ore e mezza prima della chiusura di Wall Street si segnala un discorso di James Bullard, presidente della Fed di St.Louis. 

Sul versante societario da segnalare prima dell’avvio degli scambi i risultati del primo trimestre dell’esercizio 2017/2018 di Monsanto e di Walgreens Boots Alliance che per non deludere le attese dovranno centrare l’obiettivo di un utile per azione pari rispettivamente a 0,42 e a 1,26 dollari. 

I dati macro in Europa

In Europa sarà reso noto il dato finale dell’indice PMI composito che a dicembre dovrebbe confermare la lettura preliminare a 58 punti, in rialzo rispetto ai 57,5 di novembre. Per l’indice PMI servizi di dicembre si stima una conferma a 56,5 punti in rialzo rispetto ai 56,2 del mese precedente.   

In Francia il dato finale dell’indice PMI servizi di dicembre è atteso a 59,4 punti, rispetto ai 60,4 di novembre, mentre lo stesso dato in Germania dovrebbe ribadire la lettura preliminare a 55,8 punti, in aumento rispetto ai 54,3 del mese precedente. In Italia l’indice PMI servizi di dicembre dovrebbe rimanere fermo a 54,7 punti. 

Titoli oil sotto la lente a Piazza Affari 

A Piazza Affari da seguire i titoli del settore oil in vista del report sulle scorte strategiche Usa in arrivo nel pomeriggio.

 

fonte: http://www.trend-online.com/prp/rss.xml

Nessun commento

I commenti sono chiusi.