Psichiatra incaricata dal Congresso: Trump presto impazzirà

6 gennaio 2018

Sono tante le voci che, da tempo, insinuano che il Presidente degli Usa Donald Trump possa soffrire di seri problemi di salute.

Sono tante le voci che, da tempo, insinuano che il Presidente degli Usa Donald Trump possa soffrire di seri problemi di salute.

Il caso 

All’inizio di dicembre alcuni membri del Congresso Usa avevano chiesto una consulenza alla dottoressa Sandy X. Lee, docente di psichiatria all’università di Yale sullo stato di salute mentale del presidente Trump. La diagnosi è stata impietosa: sul presidente Trump sono già evidenti i primi segni di squilibrio dovuto allo stress derivante dalla carica di presidente. Uno stress che lo sta facendo crollare come si evidenzia dal suo uso compulsivo di Twitter. Già prima della sua elezione, complice la sua età che lo ha reso il più anziano tra i presidenti degli Usa, Trump, come anche la sua rivale e in realtà tutti i suoi predecessori, ha dovuto presentare, all’inizio di dicembre del 2016, regolare referto medico per confermare il suo stato di salute definito buono.

O quasi

Sì, perché se allora venivano esclusi possibili sintomi di demenza senile o altre malattie neurodegenerative (che causarono la morte del padre) l’allora candidato presidente risultava comunque in sovrappeso (120 kg per un metro e 84 di altezza) a causa di una vita effettivamente troppo sedentaria, e sotto farmaci per il controllo di pressione e colesterolo. A quanto pare già da allora qualche piccolo dubbio esisteva, dubbio che però coinvolse anche la sua avversaria, la democratica Hillary Clinton, a sua volta vittima di una polmonite (questa la versione ufficiale) che la vide traballante e malferma durante le commemorazioni di Ground Zero, l’11 settembre del 2016. Quest’anno, invece, Trump, come promesso, si sottoporrà alla visita di rito prevista per tutti i presidenti Usa, al Walter Reed National Military Medical Center con conseguente pubblicazione degli esiti.

fonte: http://www.trend-online.com/prp/rss.xml

Nessun commento

I commenti sono chiusi.