Seduta positiva per Falck Renewables
Finanza/Economia / 28 febbraio 2018

Giornata di borsa intonata al rialzo per Falck Renewables: il titolo ha chiuso le contrattazioni con un vantaggio di 4,56 punti percentuali sul riferimento e si è riportato a 2,085 euro dopo un allungo intraday a 2,145 che ha messo nuovamente sotto pressione la resistenza posta su quel livello dai top dello scorso 11 gennaio 2018. Giornata di borsa intonata al rialzo per Falck Renewables: il titolo ha chiuso le contrattazioni con un vantaggio di 4,56 punti percentuali sul riferimento e si è riportato a 2,085 euro dopo un allungo intraday a 2,145 che ha messo nuovamente sotto pressione la resistenza posta su quel livello dai top dello scorso 11 gennaio 2018. Notevoli i volumi di scambio contro oltre 3,28 milioni di pezzi passati di mano a fronte di una media giornaliera dell’ultimo mese di 1,4 milioni di azioni. (GD – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Aumentano i depositi O/N della Bce
Finanza/Economia / 28 febbraio 2018

Aumentano i depositi overnight presso la Bce. Aumentano i depositi overnight presso la Bce. L’ultima rilevazione giornaliera indica che i depositi di breve delle banche europee presso la Banca centrale europea ammontano a 681,594 miliardi di euro, dai 677,558 miliardi della lettura precedente. Scendono a 25 milioni di euro i prestiti marginali da 37 milioni di euro della rilevazione precedente. (CC – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Amplifon resta aggrappata a un supporto critico
Finanza/Economia / 28 febbraio 2018

Amplifon (-0,91%) sta cercando di rimanere aggrappata al supporto offerto a 13 euro circa dalla base del canale che sale dai minimi di fine 2016. Amplifon (-0,91%) sta cercando di rimanere aggrappata al supporto offerto a 13 euro circa dalla base del canale che sale dai minimi di fine 2016. La permanenza sopra questo riferimento permette di conservare intatte le attese di rialzo per target a 14,61 euro, massimi di gennaio. Conferme in tal senso oltre 13,50 circa. La violazione di area 13, seguita da discese sotto 12,70, potrebbe invece minacciare la struttura rialzista di medio termine. (CC – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Fondo Socrate: utile dell’esercizio a circa 665 mila euro
Finanza/Economia / 28 febbraio 2018

Il Consiglio di Amministrazione di Fabrica Immobiliare SGR, riunitosi in data odierna, ha approvato la Relazione di Gestione al 31 dicembre 2017 di “Socrate – Fondo Comune di Investimento Immobiliare di Tipo Chiuso” (il “Fondo”). Il Consiglio di Amministrazione di Fabrica Immobiliare SGR, riunitosi in data odierna, ha approvato la Relazione di Gestione al 31 dicembre 2017 di “Socrate – Fondo Comune di Investimento Immobiliare di Tipo Chiuso” (il “Fondo”). Il valore complessivo netto del Fondo (NAV o Net Asset Value) si è attestato a 121,10 milioni di euro (124,71 milioni al 31.12.16). Il valore unitario della quota è pari a 509,967 euro (525,169 euro al 31.12.16). Il decremento rispetto al valore precedente è da imputare, oltre al rimborso parziale di euro 18,00 pro-quota distribuito nel 2017 a fronte dei disinvestimenti effettuati, all’effetto netto tra la gestione ordinaria del Fondo e le minusvalenze derivanti dai valori di stima degli immobili. Ciononostante, il 2017 si è chiuso con utile pari a circa 665 mila euro (1,44 milioni di euro al 31.12.16). Considerate le perdite registrate nei precedenti esercizi, non si evidenziano al 31 dicembre 2017 proventi distribuibili ai sensi dell’art. 13 del regolamento di gestione del Fondo. Si segnala che i…

Bancari in buona forma: FTSE Italia Banche +1,1%
Finanza/Economia / 28 febbraio 2018

Bancari in buona forma: l’indice FTSE Italia Banche segna +1,1%, l’EURO STOXX Banks +0,8%. Bancari in buona forma: l’indice FTSE Italia Banche segna +1,1%, l’EURO STOXX Banks +0,8%. In evidenza a Milano le due big Intesa Sanpaolo (+1%) e soprattutto UniCredit (+1,7% a 17,48 euro), forte della decisione degli analisti di HSBC di confermare la raccomandazione buy e incrementare il target da 19,30 a 21,00 euro. In verde anche Credito Valtellinese (+1,7%) e i diritti (+34,5% circa) relativi all’aumento di capitale da 700 milioni di euro, giunto al settimo giorno (i diritti saranno negoziabili fino a venerdì 2 marzo ed esercitabili fino a giovedì 8 marzo). (Simone Ferradini – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Wall Street confusa e infelice, abbassa la cresta con Powell
News / 28 febbraio 2018

Dow Jones, Boeing : nuova commessa dalla Casa Bianca? Nasdaq, Comcast lancia offerta per acquisire Sky Plc. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street, e le trimestrali di mercoledì 28 febbraio del 2018. Dopo due sedute in netto rialzo, la piazza azionaria di Wall Street nella sessione odierna di scambi ha prestato il fianco ad un flusso di vendite. Al suono della campanella di chiusura, infatti, il Dow Jones ha perso l’1,16% a 25.410,03 punti con a ruota il Nasdaq, -1,23% a 7.330,35 punti. Semaforo rosso pure per l’S&P 500 che ha perso l’1,27% a 2.744,28 punti. A pesare sul mercato sono state le parole di Jerome Powell, il nuovo numero uno della Federal Reserve, durante la sua prima audizione dinanzi al Congresso americano. In particolare, il presidente della Fed, pur affermando che le azioni di politica monetaria saranno graduali, non ha escluso una dinamica crescente del costo del denaro oltre le attese in caso di surriscaldamento dell’economia a stelle e strisce per effetto di una maggiore produttività, e di salari più alti anche in scia alla riforma fiscale del presidente degli Stati Uniti Donald Trump.  Dow Jones, Boeing : nuova commessa dalla Casa Bianca?…

Bitcoin: parte una causa da $10 mld contro il presunto inventore
News / 28 febbraio 2018

Craig Wright, l’uomo australiano che ha affermato di esser l’inventore del Bitcoin, va in tribunale con l’accusa di aver intascato indebitamente 5 miliardi in quote della fortunata criptovaluta che appartenevano a un suo collega morto nel 2013 Se come ha detto Jamie Dimon il mondo del Bitcoin è pieno di truffe, la prima e più clamorosa tra quelle perpetrate finora potrebbe essere opera nientemento che del suo misterioso creatore. Bitcoin: fondatore accusato di frode Craig Wright, l’uomo australiano che ha affermato due anni fa – salvo poi ritrattare – di esser l’inventore della blockchain celatosi per anni sotto l’identità fittizia di Satoshi Nakamoto, è stato infatti citato in tribunale con l’accusa di aver intascato indebitamente 5 miliardi di dollari, tra quote della “sua” fortunata criptovaluta e proprietà intellettuali, che appartenevano a un suo collega morto nel 2013. Wright-Satoshi avrebbe in sostanza utilizzato dei falsi contratti e delle false firme nel corso degli anni per farsi passare per Dave Kleiman, un informatico suo socio deceduto cinque anni fa e ben conosciuto anch’esso nella comunità cripto degli albori. Ad accusare l’uomo, depositando una citazione presso il tribunale di Palm Beach, in Florida, proprio i familiari di Kleiman, che hanno spiegato in un comunicato pubblico le ragioni alla…

Trenitalia e Italo: rimborsi per il maltempo. Le modalità
News / 28 febbraio 2018

Il Burian siberiano è arrivato come previsto e, come altrettanto previsto, ha creato non pochi disagi sui trasporti pubblici. Le modalità per il rimborso. Il Burian siberiano è arrivato come previsto e, come altrettanto previsto, ha creato non pochi disagi. Ritardi, interruzioni di servizio, blocchi della circolazione nonostante in molte zone le scuole (e in alcune anche gli uffici pubblici) siano rimaste chiuse. Per questo motivo sia Italo che Trenitalia hanno annunciato rimborsi del 100% sui biglietti. Ecco come ottenerli  Italo Fresco della sua acquisizione dal fondo americano Gip, il concorrente diretto di Trenitalia ha comunicato che “le richieste di rimborso potranno essere effettuate anche contattando lo 06-0708”. Nello specifico riguarderanno essenzialmente i ritardi superiori ai 60 minuti (con rimborso automatico entro l’11 marzo) e ai 120 minuti anche in caso di rinuncia del viaggio (rimborso totale invece del 50% previsto per regolamento)  Trenitalia  Diverso il discorso di Trenitalia: secondo quanto indicato dal sito (sul lin fonte: http://www.trend-online.com/prp/rss.xml

Piazza Affari in stallo fino al voto? Tanti i driver domani
News / 28 febbraio 2018

Il Ftse Mib si è mosso nello stesso intervallo di prezzi della vigilia, senza riuscire ad esprimere una precisa direzionalità. Numerosi gli appuntamenti in agenda domani. La conclusione positiva di ieri ha lasciato il posto ad un ritorno dell’incertezza sulle Borse europee che hanno chiuso gli scambi poco al di sotto della parità, dopo aver tentato invano di spingersi ancora in avanti. Il Cac40 ha registrato un impercettibile calo dello 0,01%, mentre il Ftse100 e il Dax30 sono scesi rispettivamente dello 0,1% e dello 0,29%. Diverso lo scenario se ci si sposta a Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni a 22.724 punti, con un frazionale rialzo dello 0,08%, dopo aver segnato nell’intraday un massimo a 22.853 e un minimo a 22.639 punti. Ftse Mib sempre in trading range: sarà così fino al voto? L’indice delle blue chips si è mosso sostanzialmente nello stesso intervallo di prezzi della vigilia, senza riuscire ad esprimere una precisa direzionalità. Le quotazioni hanno raggiunto nuovamente l’area dei 22.850/22.860 punti, già testata ieri e il 19 febbraio scorso, senza riuscire ad avere ragione di questo ostacolo. Inutile dire che sarà solo con il superamento di area 22.850/22.860 che il Ftse MIb potrà…

Borse: l’Europa non riparte
News / 28 febbraio 2018

Il mercato premia il piano di Poste che vuole “snellire” il personale di 3.000 unità all’anno. Nuovo record anche per Moncler. Campari penalizzata. Dopo l’ennesimo exploit che Wall Street aveva messo a segno nella seduta di ieri, forse qualcuno si era illuso che oggi le Borse europee avessero goduto dell’effetto traino, non è andata così, e lo si è capito fin dalle prime battute. Il mercato era nervoso e non riusciva a prendere una direzione, dopo tanti su e giù non restava che attendere di nuovo l’apertura dei listini americani. Wall Street in un primo momento sembrava avesse acceso il semaforo verde, ma ben presto il sentiment mutava anche al di là dell’Oceano. Le Piazze europee quindi ritornavano in territorio negativo terminando la seduta con leggeri ribassi. La sola a salvarsi era proprio la nostra Piazza Affari, il Ftse Mib (+0,08%) ritrovava in extremis la freccia verde grazie alla giornata sostanzialmente positiva del comparto bancario ed ad alcuni exploit. Come per esempio quello del best performer di giornata, Poste Italiane (+5,80%) il cui piano quinquennale ha avuto il pieno consenso nel mercato (tremila dipendenti in meno all’anno), il titolo ha così ritoccato il proprio massimo storico superando per la prima…