ENI scende ancora. Ignorata la conferma bullish di un broker

6 febbraio 2018

Il titolo ha ceduto terreno, complice anche l’arretramento dei prezzi del petrolio. Gli analisti però continuano a puntare su ENI.

Anche la seduta odierna si è conclusa in calo per ENI che, dopo aver ceduto oltre un punto e mezzo percentuale venerdì scorso, ha continuato a perdere terreno oggi. Il titolo si è fermato a 14,154 euro, con un calo dell’1,35% e quasi 17 milioni di azioni scambiate, al di sopra della media giornaliera degli ultimi 3 mesi pari a circa 12 milioni di pezzi.

ENI oggi ha pagato pegno non solo alla negativa impostazione di Piazza Affari, ma anche al netto arretramento del petrolio che continua a scivolare verso il basso, scendendo al di sotto dei 64 dollari al barile.
Il titolo non ha beneficiato in alcun modo della conferma bullish di Kepler Cheuvreux che ha ribadito la raccomandazione “buy”, con un prezzo obiettivo a 16 euro.

In vista dei conti del 2017 che saranno diffusi da ENI il prossimo 16 febbraio, il broker ritiene che l’attenzione andrà rivolta alla guidance sulla produzione e sulle spese per investimenti nel 2018. 

fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Nessun commento

I commenti sono chiusi.