Saipem arretra. Cattive notizie dalla Turchia: la view di Equita

14 febbraio 2018

La Turchia ha bloccato la nave di perforazione Saipem 12000, noleggiata ad ENI e diretta ad un’area di trivellazione su licenza di Cipro.

Non si ferma la discesa di Saipem che oggi ha vissuto la quarta seduta consecutiva al ribasso, registrando la peggiore performance nel settore di riferimento. Il titolo, dopo aver ceduto quasi un punto percentuale ieri, ha terminato gli scambi oggi a 3,321 euro, con un ribasso del 2,04% e oltre 9 milioni di azioni trattate.

Saipem ha risentito della negativa intonazione del mercato e della flessione dei prezzi del petrolio, scesi al di sotto dei 59 dollari al barile.
Non sono state certo di aiuto le notizie dalle quali si è appreso che la marina militare turca ha intercettato e bloccato, venerdì notte, nel Mediterraneo orientale, la nave Saipem 12000, noleggiata a ENI e diretta a un’area di trivellazione su licenza di Cipro.

La nave è ferma a circa 50km dal luogo previsto per le esplorazioni di idrocarburi. La Turchia si oppone alle attività di trivellazione perché le definisce unilaterali e nell’area ha in corso esercitazioni militari, contestando al contempo i confini della zona economica esclusiva di Cipro.

Secondo gli analisti di Equita SIM è da valutare se e come verrà risolta la situazione, ma la loro idea è che l’impatto potenziale per Saipem sia comunque limitato per diversi motivi.
In primis, tipicamente i contratti nel drilling sono coperti da clausole che proteggono da situazioni di questo tipo. In secondo luogo, a partire dal 2019 la Saipem 12000 ha già un contratto relativo ad attività di perforazione in Mozambico per la durata di 15 mesi.

Da ultimo, nelle stime degli analisti la nave contribuisce con un EBITDA 2018 di circa 10-15 milioni di euro, pari all’1%-2% del totale di gruppo.
Non cambia la strategia di Equita SIM che su Saipem mantiene una view cauta con una raccomandazione “hold” e un prezzo obiettivo a 3,7 euro.

fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Nessun commento

I commenti sono chiusi.