STM sale dopo anticipazioni su nuovi iPhone. La view di Equita
News / 28 febbraio 2018

Gli ultimi rumors, se confermati, sarebbero positivi per STM e coerenti con l’indicazione data dalla società di una forte crescita nella seconda metà del 2018. Seduta volatile quella odierna per STM che è riuscito comunque a guadagnare terreno per la terza giornata consecutiva. Il titolo, dopo aver archiviato la giornata di ieri con un rialzo dello 0,13%, quest’oggi ha avviato gli scambi in salita, salvo poi indietreggiare e scivolare al di sotto della parità. In seguito il titolo è stato in grado di recuperare terreno, tanto da terminare gli scambi in positivo a 18,87 euro, con un vantaggio dello 0,99%, mostrando una sovraperformance rispetto all’indice di riferimento. Poco brillanti i volumi di scambio visto che a fine sessione si registrano oltre 2,6 milioni di azioni trattate, al di sotto dela media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 3,9 milioni di pezzi. Apple avvia test su nuovi smartphone La seduta odierna di STM è stata condizionata dai rumors riportati da Bloomberg, secondo cui Apple avrebbe iniziato i test con i fornitori sui nuovi smartphone che verranno lanciati dopo l’estate. Si tratterebe di 3 prodotti: uno smarphone con un schermo molto grande, uno con le stesse dimensioni dell’iPhone X e…

L’uomo che comprò due pizze per 10.000 Bitcoin ha comprato altre due pizze in Bitcoin
News / 28 febbraio 2018

Si tratta dell’aneddoto più famoso su Bitcoin. Il 22 maggio 2010 un ragazzo acquistò per 10.000 Bitcoin due pizze del valore di 30 dollari in una cittadina della Florida. Obiettivo: dimostrare che la valuta digitale funzionava. Che ci si poteva davvero comprare qualcosa. Era Laszlo Hanyecz, uno sviluppatore, e oggi è tornato a far parlare di sé dopo che qualche giorno fa ha comprato dopo otto anni altre due pizze con Bitcoin. Questa volta però lo ha fatto per dimostrare l’efficienza di un nuovo progetto, che sta facendo molto discutere la comunità dei ‘bitcoiner‘: Lightning Network.    La nuova sfida di Laszlo Hanyecz Si tratta di una tecnologia che corre “in parallelo” ad una blockchain, il protocollo digitale che permette e registra gli scambi di Bitcoin in tutto il mondo. Attualmente ogni transazione per essere validata deve essere approvata dalla metà più uno dei nodi della rete della ‘catena di blocchi’. È un po’ il cuore stesso di ciò che permette a Bitcoin di funzionare. Lightning Network ha elaborato un sistema nuovo, ancora in fase sperimentale, che permetterebbe però di accelerare le transazioni e abbattere i costi di commissione. L’esperimento ad Hanyecz è andato a buon fine: ha pagato le sue pizze sta volta 0,00649 Bitcoin, circa 60 dollari, con una commissione di 10 centesimi invece i 10 che gli sarebbero serviti alle allora…

Bonus casa: una guida di Mutui.it alle agevolazioni 2018
News / 28 febbraio 2018

(articolo in collaborazione con Facile.it) La sottoscrizione di un mutuo casa tra i più e i meno resta un impegno economico di lunga durata e di grande importanza, per cui muoversi con attenzione nella scelta è fondamentale. Ma niente panico. Per capire quanto è diventato facile oggi avere una stima della rata che si andrebbe a pagare mensilmente, in base alle variabili di importo, durata e tasso prescelte, è sufficiente provare a calcolarla con mutui.it, un esempio di quanto i comparatori on line siano di aiuto in questo campo. E non solo per farsi un’idea in autonomia e senza pressioni di quello che offre il mercato, ma anche per compilare materialmente più preventivi, confrontarli e verificare se e come il progetto è sostenibile. Certamente questo è solo il primo passo, perché una volta selezionata l’offerta più interessante, sarà necessario fare in modo che la richiesta di finanziamento sia accettata. Posto che lo scoglio più grande da affrontare è quello di avere sufficienti garanzie da offrire alla banca, se si tratta di acquistare la prima casa si può innanzitutto verificare se si possiedono i requisiti per accedere al fondo statale di garanzia e ad altre agevolazioni che fanno parte della voce bonus…

Storia di La Perla, l’ultimo simbolo (sexy) del made in Italy acquistato all’estero
News / 28 febbraio 2018

Pochi sanno che La Perla ha vestito, se di vestito si può parlare, anche l’attore Daniel Craig che nel 2006 nel film di 007 Casino Royale, indossò un costume da bagno Grigioperla. Cimelio che nel 2012 è stato poi battuto dalla casa d’aste Christiès in occasione del cinquantenario del primo film di James Bond, per 44.450 sterline (oltre 50 mila euro). Comunque sia, La Perla è sempre stato sinonimo di lingerie di gran lusso, ed ora diventa un altro di quei gran pezzi del Made in Italy che se ne va, venduta al fondo olandese Sapinda. Il nome dell’azienda venne ispirato da una scatola foderata in velluto rosso, simile ad un cofanetto da gioielliere, in cui erano inserite le prime collezioni. E quindi La Perla venne scelto come nome per simboleggiare l’armonia, il lusso e la femminilità. Per oltre 60 anni, è stato così un marchio celebre principalmente per la produzione di lingerie, e poi in seguito anche di costumi da bagno, dalla linea estremamente raffinata e con materiali e tecnologie di pregio (ad esempio il ricamo Cornelly, il macramè, la seta soutache, l’antica tecnica del ricamo a frastaglio e la dentelle de Calais). Guidata dalla fondatrice Ada Masotti dal…

Fca chiude in calo. Verso abbandono del diesel dal 2022?
Finanza/Economia / 27 febbraio 2018

Secondo la stampa estera Fca starebbe programmando l’abbandono della produzione delle auto diesel a partire dal 2022. La view di Equita SIM. Tra le blue chips che oggi non sono riuscite a sintonizzarsi con l’andamento leggermente positivo del Ftse Mib troviamo Fca. Il titolo, che ha perso terreno per la terza seduta consecutiva, dopo aver chiuso la sessione di venerdì scorso con un calo di quasi un punto percentuale, oggi è sceso dello 0,54% a 17,524 euro, con oltre 8 milioni di azioni scambiate, al di sotto della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a quasi 13 milioni di pezzi. Secondo il Financial Times, FCA starebbe programmando l’abbandono della produzione delle auto diesel a partire dal 2022, quale conseguenza del forte aumento dei costi di adeguamento della tecnologia agli standard legislativi.Per gli analisti di Equita SIM è da valutare l’impatto, considerando che nel 2017 circa il 40% delle auto vendute da FCA in Europa, pari a circa il 13% del totale di gruppo. era diesel. In ogni caso, se questo scenario venisse confermato, la SIM milanese non esclude che anche altre case possano effettuare la medesima scelta.Non cambia intanto la strategia della SIM milanese che su Fca mantiene una…

Finlogic: nuovo contratto con Euroetik in esclusiva per l’estero
Finanza/Economia / 27 febbraio 2018

Finlogic, azienda quotata su AIM Italia attiva dal 2003 nel settore dell’Information Technology con soluzioni complete per la codifica e l’identificazione automatica dei prodotti, ha sottoscritto in data odierna un contratto di agenzia in esclusiva per il mercato estero con Euroetik Automation S. Finlogic, azienda quotata su AIM Italia attiva dal 2003 nel settore dell’Information Technology con soluzioni complete per la codifica e l’identificazione automatica dei prodotti, ha sottoscritto in data odierna un contratto di agenzia in esclusiva per il mercato estero con *Euroetik Automation *S.r.l. società specializzata nella progettazione e costruzione di macchine etichettatrici, stampanti termiche, sfogliatori e dispositivi pick & place per prodotti piani, sistemi di trasporto e impianti speciali di etichettatura. L’accordo affida a Finlogic la gestione e finalizzazione dei contratti di vendita con tutti i clienti esteri di Euroetik, nonché la promozione e lo sviluppo di tutti i suoi prodottiin tutti i Paesi europei. Il contratto di agenzia – che ha durata annuale e al termine del quale si intenderà tacitamente rinnovato a tempo indeterminato – consentirà a Finlogic di allargare in modo significativo la sua presenza commerciale su quasi tutti i paesi europei, ad oggi focalizzata principalmente su Francia e Spagna. Oltre a rappresentare Euroetik…

Staffetta al vertice delle compagnie assicurative Uniqa in Italia
Finanza/Economia / 27 febbraio 2018

Passaggio importante nel percorso verso la fusione per incorporazione in Italiana Assicurazioni delle compagnie del Gruppo Uniqa in Italia (Uniqa Assicurazioni, Uniqa Previdenza e Uniqa Life), recentemente acquisito da Reale Group. Passaggio importante nel percorso verso la fusione per incorporazione in Italiana Assicurazioni delle compagnie del Gruppo Uniqa in Italia (Uniqa Assicurazioni, Uniqa Previdenza e Uniqa Life), recentemente acquisito da Reale Group. * Michele Meneghetti lascia il ruolo di Amministratore Delegato di Uniqa Assicurazioni e di Uniqa Previdenza e di Presidente del Consiglio di Gestione di Uniqa Life, realtà che ha guidato a partire dal 2006, conseguendo importanti risultati in termini sia dimensionali sia di crescita della redditività. Lavoro che ha permesso al Gruppo Uniqa di diventare in Italia uno dei punti di riferimento nel mercato degli agenti plurimandatari, nonché delle reti di promotori finanziari indipendenti, sia per la gamma di offerta sia per la qualità del servizio. Al Dott. Meneghetti, che ha positivamente traghettato le società nel periodo particolarmente delicato di avvio del percorso di integrazione verso la fusione in Italiana Assicurazioni, vanno i più sentiti ringraziamenti di Reale Group. Nato a Padova nel 1958, Michele Meneghetti, membro del Comitato Direttivo dell’Ania, in Reale Group dal maggio 2017, ha…

EPS Equita PEP, ok dei soci alla business combination con ICF
Finanza/Economia / 27 febbraio 2018

In data odierna, l’assemblea degli azionisti di EPS Equita PEP, SPAC (Special Purpose Acquisition Company) di diritto italiano promossa da Equita e da Private Equity Partners e quotata sul mercato AIM Italia, ha approvato con ampia maggioranza (oltre l’88% dei presenti) l’operazione di business combination (l’”Operazione”) tra EPS e Industrie Chimiche Forestali (“ICF”). In data odierna, l’assemblea degli azionisti di EPS Equita PEP, SPAC (Special Purpose Acquisition Company) di diritto italiano promossa da Equita e da Private Equity Partners e quotata sul mercato AIM Italia, ha approvato con ampia maggioranza (oltre l’88% dei presenti) l’operazione di business combination (l’”Operazione”) *tra EPS e Industrie Chimiche Forestali *(“ICF”). L’Ing. Guido Cami, Amministratore delegato di Industrie Chimiche Forestali, ha commentato: “Siamo davvero orgogliosi di questo importante passo che ci avvicina sempre più allo sbarco in Borsa. Sono molto felice nel constatare che sia stata ampiamente apprezzata la forte vocazione industriale e manageriale del progetto, che favorisce la nascita di una public company. Il gruppo ICF negli ultimi 7 anni ha raddoppiato il fatturato, con una crescita a doppia cifra nel 2017, e una quota export vicina al 70%, continuando ad accrescere le proprie quote di mercato e anche i primi dati del 2018…

Brexit: Corbyn sostiene unione doganale con Ue
Finanza/Economia / 27 febbraio 2018

Il leader dei laburisti Jeremy Corbyn ritiene necessaria una unione doganale con la Ue in modo da avere tariffe comuni sull’importazione di merci all’interno dell’area. Il leader dei laburisti Jeremy Corbyn ritiene necessaria una unione doganale con la Ue in modo da avere tariffe comuni sull’importazione di merci all’interno dell’area. Corbyn, che per diversi mesi non è entrato sul dibattito sulla Brexit, ha svelato oggi il suo piano, spiegando che il 44% delle esportazioni è diretto in Europa e che il 50% delle importazioni viene dalla Ue. Non è chiaro però come il programma di Corbyn possa essere accettato dai leader europei che hanno più volte ribadito che la Gran Bretagna non può scegliere solo i vantaggi della membership europea senza sottostare alle regole comunitarie. (CC – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

A che punto è la ricomposizione delle fratture tecniche?
Finanza/Economia / 27 febbraio 2018

Restiamo in attesa di appurare se e in quale misura le rilevate “fratture tecniche” saranno ricomposte. Si conclude una settimana all’insegna del consolidamento, dopo lo spunto della precedente ottava, che mediamente ha recuperato la metà delle pesanti perdite patite all’inizio del mese. Un mese che si avvia a chiuder in territorio negativo, negli Stati Uniti per la prima volta dopo dieci mesi: tipicamente, un viatico per ulteriori progressi nel medio periodo, come già rilevato sul Rapporto Giornaliero. Restiamo in attesa di appurare se e in quale misura le rilevate “fratture tecniche” saranno ricomposte. Obiettivamente, visti i livelli raggiunti in fase calante, a questo punto faremmo volentieri a meno di assistere alla sollecitazione dei supporti interessati: su diversi fronti si correrebbe il rischio di abbandonare il sentiero di crescita inaugurato lo scorso autunno; quando non due anni fa. Apprezzeremmo un moderato declino, condito da una capitolazione degli investitori non ancora formalizzata appieno – la scorsa settimana sono stati registrati flussi netti in entrata per ben 13 miliardi di dollari – e seguito da una convincente prova di ripartenza. Il processo di riallineamento al percorso ideale, abbandonato all’inizio del mese, è complesso e finora ha seguito gli step delineati; sarebbe un peccato…