Criptovalute: Ripple registra la peggior performance di inizio anno

31 marzo 2018

La peggior performance nel mercato delle criptovalute la registra Ripple. Tra le prime cinque cripto-valute per capitalizzazione di mercato, Ripple ha affrontato il peggio, in calo di oltre il 74 per cento quest’anno a seguito di un aumento epico del 35.000% nel 2017, secondo CoinMarketCap.

Quest’anno l’intero settore delle criptovalute ha avuto un impatto negativo a causa di preoccupazioni normative e di un annuncio di un prossimo giro di vite. Secondo CoinMarketCap, la capitalizzazione di borsa totale per le criptovalute è diminuita di oltre il 50% nel 2018. Secondo CoinMarketCap, all’origine di questa recessione troviamo Ripple, che quest’anno ha perso oltre il 74%. Secondo i dati di CoinMarketCap, anche le due maggiori valute digitali per capitalizzazione di mercato, il Bitcoin e l’Ethereum sono in calo di oltre il 40%.

Ripple, con sede a San Francisco, sta sviluppando una rete per pagamenti finanziari rapidi e globali e secondo i dati di CoinMarketCap, nel 2017 ha raggiunto il 35.000 percento arrivando al top a gennaio vicino ai 3,50 dollari fino a scambiare 54 centesimi ieri. XRP, che ha un tetto di mercato superiore a 21 miliardi di dollari, è quotata in più di 60 borse, ma non è ancora disponibile sulla popolare borsa statunitense Coinbase. Proprio la speculazione su quando potrebbe essere aggiunta a Coinbase ha fatto salire i prezzi all’inizio di quest’anno.

Intanto dall’ultima  riunione del G20, tenutosi a Buenos Aires dal 18 al 20 marzo scorsi è emerso un verdetto preciso per le criptovalute.

“Non sono un pericolo per la stabilità del sistema economico, ma è bene monitorarle per intervenire qualora risulti necessario, viste le problematiche di volatilità e i rischi connessi alla protezione di consumatori e investitori, integrità del mercato, evasione fiscale, riciclaggio di denaro e finanziamenti al terrorismo. Le criptovalute non realizzano le funzioni chiave di una moneta sovrana e le istituzioni devono continuare a monitorare le cripto-attività e i loro rischi e a valutare una risposta multilaterale, se necessario nella convinzione che l’innovazione tecnologica, compresa quella alla base dei cripto-asset, abbia il potenziale per migliorare l’efficienza e l’inclusività del sistema finanziario e dell’economia più in generale”.

 

L’articolo Criptovalute: Ripple registra la peggior performance di inizio anno sembra essere il primo su Wall Street Italia.

fonte: http://www.wallstreetitalia.com/feed/

Nessun commento

I commenti sono chiusi.