5 titoli TV che Netflix non può battere

22 aprile 2018

Se Amazon ha rivoluzionato il mondo della vendita al dettaglio, creando non pochi problemi agli avversari, Netflix sta già dando filo da torcere ai suoi competitor.

Se Amazon ha rivoluzionato il mondo della vendita al dettaglio, creando non pochi problemi agli avversari, Netflix sta già dando filo da torcere ai suoi competitor. Tranne 5, stando a quanto esaminato da Tom Taulli.

Walt Disney Co (NYSE: DIS)

Un gigante storico come la fabbrica del divertimento per antonomasia ha una capitalizzazione di mercato superiore a Netflix solo di 9 miliardi di dollari. Ma il punto di vantaggio della ditta che creò Topolino è stato ed è tuttora la sua capacità di adattamento. La conferma arriva proprio dalla prossima creazione di alcuni canali in streaming che potranno sfruttare i contenuti originali che, finora, passavano proprio attraverso Netflix. Canali che conterranno anche argomenti di nicchia oltre che lo sport. Ovviamente a questo si deve aggiungere anche il vero tesoro oin mano alla società: Pixar, Marvel e il franchise Star Wars di George Lucas, ovvero cose che potrebbero permettere una trazione immediata per i canali che arriveranno. Il tutto corroborato anche dalle entrate dei parchi a tema.

 

 

CBS Corporation (NYSE: CBS )

Se si parla di flessibilità non si può fare a meno di pensare alla CBS che, fondata negli anni ’20 è stata in grado di gestire con successo i cambiamenti nel settore dei media attraverso la costante ricerca e creazione di contenuti accattivanti, una strategia vincente che l’attuale CEO, Leslie Moonves, ha già confermato di voler continuare affiancandola alla creazione di una piattaforma di streaming che potrebbero fornire 8 milioni di abbonati entro il 2020. La strategia potrebbe già permettere un’accelerazione con l’acquisizione (ancora non chiusa) di Viacom, Inc. (NASDAQ:VIAB ), che ha una ricca serie di contenuti come Paramount Studios, MTV, Comedy Central e Nickelodeon.

 

 

AT&T Inc. (NYSE: T)

Durante la sua storia ha visto acquisizioni e trasformazioni interne che le hanno permesso non solo di sopravvivere e prosperare ma anche di diventare uno dei principali attori sul palcoscenico dei media tradizionali. La società ha anche sfruttato le sue risorse per creare il proprio servizio di TV via Internet, DirecTV NOW che ha raccolto 1,2 milioni di abbonati nei soli primi 13 mesi di vita. Senza dubbio il punto centrale della strategia dell’azienda si basa sull’acquisizione della Time Warner Inc (NYSE: TWX), acquisizione che sembra sempre più vicina alla chiusura. Grazie a questa operazione AT&T riceverà in dote la Warner Bros., che ha incassato oltre $ 5 miliardi l’anno scorso; la piattaforma HBO, che è cresciuta di 5 milioni di abbonati nell’ultimo trimestre, e altre TV via cavo come come TBS, Cartoon Network e TNT.

  

Comcast Corporation (NASDAQ: CMCSA)

Non sembra spaventare la pessima performance (-16%) registrata da Comcast quest’anno, anche perché CMCSA ha un portafoglio diversificato sul fronte degli asset, portafoglio che permetterebbe comunque una crescita costante dei ricavi e dei flussi di cassa. Analizzando le singole voci, infatti, si va dagli Universal Studios (5 miliardi di dollari di incassi al botteghino negli ultimi anni) fino alla banda larga e alle offerte di telefonia mobile passando per la sua piattaforma video. La voce più interessante? La partnership cn Netflix per la quale Comcast impacchetterà il servizio di streaming per le sue offerte via cavo, telefono e internet.

 

 

DISH Network Corp (NASDAQ: DISH )

Meno conosciuta a livello mondiale delle altre, la società continua a risentire delle pressioni derivanti dal taglio del cavo. Anche in questo caso si parla di un’azienda che ha investito nello streaming (Sling TV) ricavando 2,2 milioni di abbonati , con un aumento del 47% su base annua. Una serie di potenzialità che potrebbero rendere DISH preda di un buyout, solleticando l’interesse di mostri sacri del calibro di Verizon Communications Inc. (NYSE: VZ ).

fonte: http://www.trend-online.com/prp/rss.xml

Nessun commento

I commenti sono chiusi.