Seduta decisamente positiva per il Dax
Finanza/Economia / 3 maggio 2018

Seduta decisamente positiva per il Dax che supera il 12800 punti. Seduta decisamente positiva per il Dax che supera il 12800 punti. A sostenere le borse europee in generale e quella tedesca in particolare e’ il deciso rafforzamento del dollaro Usa, sceso al di sotto della soglia di 1,1980 che nella seduta del 1° maggio aveva invece fornito lo spunto per un tentativo di rimbalzo. Il dato su inflazione armonizzata tedesca per il mese di aprile e’ stato inferiore alle attese facendo quindi salire le probabilita’ che l’inflazione preliminare di aprile dell’area Euro nel suo complesso possa essere nell’ordine dell’1,20%, inferiore alle attese dell’1,3%: si tratterebbe di un ulteriore elemento in favore del proseguimento della politica monetaria accomodante della Bce, e quindi un fattore che favorisce la debolezza dell’euro sul dollaro. Del rafforzamento della moneta Usa si avvantaggiano le aziende esportatrici, di cui la Germania e’ ricca. Donald Trump ha inoltre concesso all’Europa altri 30 giorni di tempo per arrivare ad un accordo in merito al commercio di alluminio e acciaio, facendo allentare le tensioni su questo versante. Il Dax ha superato nettamente in area 12680 la duplice resistenza offerta dalla media mobile a 100 giorni (che era stata tagliata…

Dollaro sui massimi da inizio gennaio contro euro su attese FOMC
Finanza/Economia / 3 maggio 2018

Dollaro sui massimi da inizio gennaio contro euro. Dollaro sui massimi da inizio gennaio contro euro. EUR/USD ha toccato 1,1953 (ora 1,1966) in vista della riunione del FOMC (Fed) in serata: non sono previste mosse sui tassi da parte della banca centrale USA ma bensì conferme alle previsioni che indicano un incremento nel meeting del mese prossimo. (Simone Ferradini – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Francia: tassa su vendita di criptovalute passa dal 45% al 19%
Finanza/Economia / 3 maggio 2018

Il Consiglio di Stato della Repubblica Francese ha modificato l’aliquota fiscale sulla vendita di criptovalute, portandola al 19% per ogni tipo di transazione da un massimo variabile del 45% precedente. Il Consiglio di Stato della Repubblica Francese ha modificato l’aliquota fiscale sulla vendita di criptovalute, portandola al 19% per ogni tipo di transazione da un massimo variabile del 45% precedente.La modifica alla normativa fiscale è stata possibile grazie ad una nuova classificazione del Bitcoin (BTC), ora differente per attività commerciali e non commerciali.Verranno tuttavia esonerati dal tasso fisso i profitti generati dal mining di criptovalute, considerata un’attività non commerciale, e i guadagni di imprese professionali, che verranno invece tassate come attività industriali e commerciali. (CC – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

CAD IT, conferite le deleghe
Finanza/Economia / 3 maggio 2018

Il Consiglio di Amministrazione CAD IT, società leader nel mercato italiano del software finanziario, quotata al segmento STAR di Borsa Italiana, riunitosi in data odierna, ha conferito le deleghe di poteri agli amministratori, determinando i compensi degli amministratori esecutivi. Il Consiglio di Amministrazione CAD IT, società leader nel mercato italiano del software finanziario, quotata al segmento STAR di Borsa Italiana, riunitosi in data odierna, ha conferito le deleghe di poteri agli amministratori, determinando i compensi degli amministratori esecutivi. Conseguentemente a quanto precede, il Consiglio di Amministrazione che rimarrà in carica sino alla data dell’Assemblea chiamata ad approvare il Bilancio di Esercizio al 31 dicembre 2018, risulta così composto: 1. Paolo Dal Cortivo (presidente e amministratore delegato) 2. Giulia Dal Cortivo (vicepresidente e amministratore delegato) 3. Debora Cremasco (amministratore non esecutivo e indipendente) 4. Flavio Piva (amministratore non esecutivo e indipendente) 5. Lamberto Lambertini (amministratore non esecutivo) 6. Cecilia Rossignoli (amministratore non esecutivo) 7. Luigi Marco Libroia (amministratore non esecutivo e indipendente). A Paolo Dal Cortivo sono stati conferiti in qualità di presidente tutti i poteri di ordinaria e di straordinaria amministrazione, esclusi soltanto quelli riservati all’assemblea o al consiglio di amministrazione per norma di legge, nonché quelli riservati alla competenza…

Acquisti sulle quattro ruote europee
Finanza/Economia / 3 maggio 2018

Seduta decisamente positiva per il settore automobilistico europeo con un indice STOXX Europe 600 Automobiles & Parts in rialzo dell’1,99 per cento. Seduta decisamente positiva per il settore automobilistico europeo con un indice *STOXX Europe 600 Automobiles & Parts *in rialzo dell’1,99 per cento. *Volkswagen *guadagna a Francoforte il 3,57%, *BMW *l’1,09% e *Daimler *il 2,2 per cento. A incoraggiare le performance delle quattro ruote tedesche contribuirebbero vendite in crescita negli Stati Uniti ad aprile, nonostante un mercato sfidante. Anche *FCA *ha registrato lo scorso mese nel suo principale mercato buoni risultati e adesso guadagna a Piazza Affari il 2,57 per cento. Da notare a Milano anche i rialzi di *Ferrari *(+4,02%), di *Pirelli *(+2,55%) e di *Brembo *(+5,63%). A Parigi *Peugeot *cede invece l’1,57% e *Renault *guadagna lo 0,44%, anche se il mercato dell’auto francese è cresciuto del 9% lo scorso mese. (GD – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Colpo di reni per Stoxx600
Finanza/Economia / 3 maggio 2018

La candela più significativa è quella del 26 aprile che inverte la turbolenza del 25 chiudendo sui massimi di seduta con un’estensione dell’1,14%. Con la solita lentezza che lo contraddistingue da anni, lo Stoxx600 supera la resistenza data dai massimi di febbraio e dalla media mobile a 250 periodi, portandosi in campo Neutrale/Positivo con un rialzo del 6,4% dai minimi del 26 marzo. La candela più significativa è quella del 26 aprile che inverte la turbolenza del 25 chiudendo sui massimi di seduta con un’estensione dell’1,14%. I prezzi puntano così all’area 390/391 zona di volumi che storicamente ha attratto le quotazioni prima di un movimento direzionale. Supporti di breve in area 379/378. Analizzando i singoli settori dello Stoxx600 troviamo degli spunti molto interessanti ed inaspettati. Si conferma in campo positivo il settore Oil che viene raggiunto dalle Utilities e sorprendentemente dai Retail che mettono a segno un allungo di oltre 11 punti percentuali dai minimi di aprile. Si tratta di una poderosa inversione che ora avrà come test la resistenza in area 313/315. Settore da monitorare attentamente, trascinato da Kering ma con poche altre salite significative. Fra i settori neutrali segnaliamo l’interessante recupero degli assicurativi mentre i bancari rimangono al…

Wall Street annulla tutti i guadagni del 2018
Finanza/Economia / 3 maggio 2018

Piazza Affari mette a segno un recupero considerevole, nell’appena passato mese di aprile. Piazza Affari mette a segno un recupero considerevole, nell’appena passato mese di aprile; considerevole, ma non eccezionale, se si considera che un saldo superiore al 6%, dal 1990 ad oggi, è già stato messo a segno in 8 anni su 25: una volta ogni tre anni, in pratica. Il punto più rilevante essendo, invece, che malgrado una simile performance, tengono ancora le resistenze: anche in termini “total return”, come si può notare, la reazione conseguente al test della solita media mobile, non basta per avere definitivamente ragione del massimo di inizio anno e soprattutto della barriera che da tempo contiene la borsa italiana. Quella americana invece chiude mestamente il mese di aprile. Probabilmente si tratta di sistemazioni tecniche. Sta di fatto che Wall Street non riesce proprio a ripartire in modo convincente, e per poco evita l’onta di chiudere negativamente per il terzo mese di fila, dopo un gennaio spumeggiante: un setup mai sperimentato, dal Dopoguerra ad oggi. Confermato con il segno negativo invece il bilancio del primo quadrimestre: una circostanza che mancava da ben nove anni. Se considerassimo anche il saldo positivo del primo mese dell’anno,…

Deutsche Telekom: posizioni lunghe sopra 14,12
Finanza/Economia / 3 maggio 2018

Il 66% delle azioni che compongono lo STOXX 600 ha registrato un rialzo venerdí. Il 66% delle azioni che compongono lo STOXX 600 ha registrato un rialzo venerdí. Il 81% delle azioni scambia al di sopra della media mobile a 20 periodi contro il 80% di giovedí (al di sotto della media mobile a 20 period). Il 57% delle azioni scambia al di sopra della media mobile a 200 periodi contro il 56% di giovedí (al di sotto della media mobile a 20 period). DEUTSCHE TELEKOM La nostra valutazione Posizioni lunghe sopra 14,12 con target a 15,10 e 15,75 in estensione. Scenario alternativo Sotto 14,12 ci aspettiamo un ulteriore ribasso con 13,70 e 13,45 di target. Commento tecnico Gli investitori devono rimanere cauti perché questi livelli possono suscitare un realizzo di profitti. FTSE MIB La nostra valutazione Posizioni corte sotto 24157,00 con target a 23680,00 e 23443,00 in estensione. Scenario alternativo Sopra 24157,00 ci aspettiamo un ulteriore rialzo con 24430,00 e 24580,00 di target. Commento tecnico L’indice attualmente fronteggia un’impegnativa zona resistenza a 24157,00. fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml

Gamma Capital Markets sbarca in Italia e guarda a professionisti consulenza
News / 3 maggio 2018

Si registra un nuovo arrivo, in Italia, tra le società di gestione. Gamma Capital Markets ha aperto una sede a Milano e uffici a Torino con l’obiettivo di costruire portafogli personalizzati che riflettano realmente le esigenze di investimento della clientela private e istituzionale. Caratterizzata da uno stile di gestione marcatamente attivo, Gamma Capital Markets offre sia servizi di consulenza finanziaria pura che di gestioni patrimoniali personalizzate. L’attenzione ai professionisti della consulenza è pertanto elevata: “Abbiamo costruito un investment team molto motivato e che crede fortemente nel valore dell’indipendenza totale in materia di indicazioni di investimento” spiega nel comunicato della società il branch manager Sandra Soldà che aggiunge: “Nonostante l’ampia offerta già presente sul mercato italiano, riteniamo che vi sia ancora spazio per operatori che come noi abbiano l’ambizione di offrire un servizio che, rispettando le richieste dell’investitore finale, sia in grado di costruire anche proposte alternative alle classiche asset allocation per raggiungere gli obiettivi iniziali condivisi col cliente”. “Ai consulenti finanziari alla ricerca di nuove soluzioni di investimento – spiega il direttore commerciale Vito Ferito – offriamo l’accesso adun’ampia gamma di proposte volte a supportare la clientela allo scopo di costruire, preservare e trasmettere il proprio patrimonio. “Il nostro obiettivo è…

Risparmio gestito: come trovare il gestore più bravo
News / 3 maggio 2018

La Mifid2 ha posto l’attenzione sulla trasparenza dei costi ma non basta. L’investitore deve trovare da se il gestore più efficiente. Ecco come fare  La guerra dei costi è cominciata il 3 gennaio 2018 con l’entrata in vigore della Mifid2, che mette al centro dell’attenzione la trasparenza e punta a far emergere tutte le spese che i risparmiatori sostengono quando investono il proprio denaro. Alle commissioni esplicite si aggiungono infatti, sui prodotti del risparmio gestito, una serie di commissioni implicite che spesso non vengono evidenziate dall’intermediario ma pesano sul rendimento finale dell’investimento. Per molti investitori sarà una presa di coscienza amara. Per i consulenti finanziari e gli asset manager sarà uno stimolo a migliorare la propria offerta non solo dal punto di vista della riduzione dei costi ma anche del miglioramento delle performance e della selezione dei prodotti più efficienti. Perché il cliente può essere disposto a pagare un po’ di più solo se può ottenere qualcosa di meglio. A caccia dei migliori “Chi sono i migliori?” si domanderanno allora i risparmiatori. La stessa domanda se la porranno anche i consulenti per confrontarsi con la concorrenza e, magari, cercare di strappare clienti a un collega. La Mifid2 non fornisce la…