Leonardo in ribasso. Equita commenta rumors su contratto Canada
Finanza/Economia / 29 maggio 2018

Secondo gli analisti se le indiscrezioni saranno confermate, è ragionevole pensare che il contratto possa essere in parte aggiuntivo, a parità di altre condizioni. Seduta speculare a quella di venerdì scorso per Leonardo che, dopo aver guadagnato oltre il 2% prima del week-end, oggi è stato penalizzato dalle vendite, sulla scia del sentiment negativo che ha dominato la scena sull’intero mercato. Il titolo si è fermato a 8,79 euro, con un ribasso del 2,46% e oltre 4,8 milioni di azioni scambiate, al di sopra della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 4,3 milioni di pezzi. Gli analisti di Equita SIM oggi si sono soffermati su alcuni rumors riportati già la scorsa settimana, secondo cui il Governo canadese comincerà negoziazioni con Leonardo per l’ammodernamento di 14 elicotteri search and rescue (CH-149 Cormorant) in attività dal 2000 e l’acquisto di ulteriori 7 nuovi elicotteri, battendo la concorrenza di Sikorsky.Il contratto, evidenziano gli analisti, varrebbe 1 miliardo di dollari, pari a circa il 7% dell’obiettivo di raccolta ordini 2018 per Leonardo. Se le indiscrezioni saranno confermate, secondo la SIM milanese è ragionevole pensare che possa essere in parte aggiuntivo a parità delle altre condizioni.NOn cambia intanto la strategia bullish per…

Frendy Energy incorpora Alfa Idro e CCS Blu
Finanza/Economia / 29 maggio 2018

Facendo seguito a quanto comunicato in data 26 aprile 2018, si rende noto che è a disposizione del pubblico presso la sede sociale e sul sito internet il verbale del Consiglio di amministrazione di Frendy Energy, tenutosi in data odierna, che ha approvato – ai sensi dell’art. Facendo seguito a quanto comunicato in data 26 aprile 2018, si rende noto che è a disposizione del pubblico presso la sede sociale e sul sito internet il verbale del Consiglio di amministrazione di Frendy Energy, tenutosi in data odierna, che ha approvato – ai sensi dell’art. 2505, comma 2 del codice civile – il progetto di fusione per incorporazione in Frendy Energy di Alfa Idro S.r.l. e di CCS Blu S.r.l., società entrambe a socio unico e soggette alla direzione e al coordinamento di Frendy Energy. Sempre in data odierna è stata richiesta l’iscrizione del sopra menzionato verbale presso il Registro delle Imprese di Milano. (GD – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

IMA: accordo per l’acquisizione del 70% di Ciemme
Finanza/Economia / 29 maggio 2018

In data odierna, IMA ha sottoscritto un accordo con la famiglia Brenna relativo all’acquisto del 70% della società Ciemme S. In data odierna, IMA *ha sottoscritto un accordo con la famiglia Brenna relativo all’acquisto del 70% della società *Ciemme S.r.l., con sede in Albavilla (Como), che produce e commercializza macchine automatiche per il fine linea. Ciemme, fondata nel 1985, ha consolidato nel tempo una leadership nel segmento “fine linea” grazie alla propria gamma prodotti completa di macchine e di sistemi automatici di incartonamento. La società stima alla data del closing una posizione finanziaria netta positiva pari a circa 3 milioni di euro e prevede per l’esercizio 2018 un fatturato di circa 12 milioni di euro e un EBITDA pari a circa 2,7 milioni di euro, con buone prospettive di crescita, anche grazie al supporto complessivo che IMA potrà fornire alla società tramite l’integrazione della stessa nella propria organizzazione. L’operazione prevede un esborso per IMA pari a circa 14 milioni di euro, da versarsi al closing – previsto presumibilmente entro il mese di giugno 2018 – e la sottoscrizione di contratti di opzione Put & Call sul restante 30%, da esercitarsi successivamente alla data di approvazione del bilancio al 31 dicembre…

Ftse Mib, quali scenari per l’indice delle blue chip?
Finanza/Economia / 29 maggio 2018

Il ribasso del Ftse Mib arriva a superare il 2,5%, con le quotazioni scese fino ai 21785 punti per poi stabilizzarsi poco al di sopra di quei livelli. Il ribasso del Ftse Mib arriva a superare il 2,5%, con le quotazioni scese fino ai 21785 punti per poi stabilizzarsi poco al di sopra di quei livelli. In una seduta a mezzo servizio, con Londra e Wall Street chiuse per festivita’, i mercati non hanno trovato la forza per invertire il trend negativo delle precedenti sedute nonostante il cambio drastico del quadro politico: Carlo Cottarelli ha infatti accettato, anche se con riserva, l’incarico di formare un governo affidato da Mattarella. Solo in caso di fiducia tuttavia il governo potrebbe andare avanti fino al 2019, in caso contrario resterebbe in carica per il disbrigo delle questioni correnti con le elezioni nuovamente vicinissime, entro l’estate, con tutto quello che ne consegue per l’incertezza del futuro del Paese. A 22380 punti l’indice ha violato la base del canale crescente che parte dai minimi di novembre 2016, confermano i precedenti segnali di debolezza derivanti dalla violazione il 21 maggio della media mobile a 100 giorni e il 25 maggio, a 22540, della media mobile a…

Litecoin centra il supporto a 113$
Finanza/Economia / 29 maggio 2018

Obiettivo raggiunto per Litecoin che centra i 113 dollari e si appresta ad aggiornare nuovi minimi di periodo a 109.30 dollari. Litecoin venerdì 25 maggio ha chiuso in calo a 119.05 dollari chiudendo la settima in profondo rosso dai massimi intorno quota 135.Oggi lunedi 28 maggio è stato raggiunto il target di 113 dollari e sebbene l’analisi dell’oscillatore CCI indichi la formazione di una divergenza riazista, ancora è prematuro sperare in una inversione di tendenza.Infatti soltanto il ritorno a quota 155 dollari può interrompere la forte debolezza in atto dei prezzi. Per chi detiene Litecoin Litecoin ha raggiunto il forte livello psicologico dei 113 dollari e si appresta a violare nuovi minimi di periodo, il primo è 109.30 con spazio ulteriore fino a quota 107.70. Per chi volesse acquistare  Sconsiglio l’apertura di nuove posizioni rialziste fino a quando Litecoin non effettuerà una forte risalita dei prezzi verso quota 145 dollari. Per chi volesse vendere  Aprire nuove posizioni ribassiste su eventuali lievi risalite verso i livelli di prezzo di 120 e 123, con stop loss a 130 dollari. Fonte grafica: Litecoin/Dollaro fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml

Trading Unicredit: short e sospensioni
Finanza/Economia / 29 maggio 2018

Facciamo il punto della situazione su Unicredit. Facciamo il punto della situazione su Unicredit: abbiamo sfruttato il movimento ribassista da metà maggio con due operazioni short: la prima aperta il 14/05 e chiusa in guadagno il 17 maggio a +6 % circa. Poi siamo rientrati short il 23 maggio al break di quota 16,19 €. Questa operazione l’abbiamo gestita dividendo in due metà il carico. Su metà quantitativo avevamo fissato a quota 15,59 € uno stop a difesa (Stop1) che però oggi, 28 maggio, veniva nettamente superato dall’apertura in gap up facendoci chiudere metà carico solo  in leggero guadagno (circa +2 %). Abbiamo mantenuto aperto la restante metà del carico short, anche su questo era fissato un livello di stop (Stop2) che però non è stato superato questa mattina. Ora attorno a metà seduta (ore 12:40 del 28/05) le quotazioni di UNICREDIT hanno bucato al ribasso area 15 € e stanno subendo sospensioni delle contrattazioni. A breve, nell’aggiornamento che verrà pubblicato tra le 13 e le 14 di oggi, aggiorneremo al strategia iniziando a difendere in maniera stretta il guadagno sullo short ancora in essere fissando un nuovo livello di stop a protezione (Stop2) molto più basso del precedente. fonte:…

Ethereum: verso quota 489$
Finanza/Economia / 29 maggio 2018

Evoluzione verso il basso dei prezzi per Ethereum, che si appresta a centrare il target dei 489$. Ethereum venerdì 25 maggio ha chiuso in calo a 585 dollari, proseguendo la discesa dei prezzi che ha caraterizzato i corsi per l’intera settimana con un massimo in area 650 dollari e un minimo intorno a 540 dollari, avvicinandosi ai prossimi supporti il primo a 489 dollari, il secondo a quota 375 dollari livello chiave per valutare successivamente eventuali rimbalzi. Per chi detiene Ethereum Attendere con pazienza i prossimi livelli indicati di 489 e 375 dollari, per coloro che avessero venduto sul cedimento della trend line posta a 630 dollari, oppure attendere lo stop loss in area 490 dollari. Per chi volesse acquistare  Sconsiglio l’apertura di nuove posizioni rialziste fino a quando i corsi non effettueranno una forte risalita dei prezzi verso quota 600 dollari. Per chi volesse vendere  Aprire nuove posizioni ribassiste su eventuali pull back rialzisti intorno 540 con stop loss non oltre 640 dollari. Fonte grafica: Ethereum/Dollaro fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml

A Piazza Affari il margine di sicurezza si assottiglia
Finanza/Economia / 29 maggio 2018

Pazienza per la contestuale violazione del long stop settimanale, viziata dal generoso stacco di dividendi di lunedì scorso. Al termine di una settimana drammatica, Piazza Affari ritorna sul luogo del delitto: quella famosa fascia, poco sopra i 22000 punti di indice MIB, che un anno fa agì ripetutamente da resistenza, prima di essere scavalcata alla fine dell’estate, costituendo un argine in tutti i mesi successivi. Con la recente sollecitazione, siamo al sesto test, se non abbiamo contato male. Pazienza per la contestuale violazione del long stop settimanale, viziata dal generoso stacco di dividendi di lunedì scorso. In termini total return, la borsa italiana conserva ancora l’uptrend nato alla fine del 2016: ma il margine di sicurezza si assottiglia sempre più con il passare delle ore. Restano le riserve sulla condizione di fondo del nostro mercato, e sulla prospettiva sempre più probabile di una inversione di tendenza. Wall Street, che ci batte di netto da un mese a questa parte – il rapporto fra indice MIB e S&P500 in euro ha toccato il picco il 24 aprile, prima di invertire la tendenza iniziata un anno e mezzo fa – indugia; preda un giorno di notizie esaltanti, un altro di informazioni deprimenti….

Trading FIB: chiuso ciclo del 18 maggio
Finanza/Economia / 29 maggio 2018

La notizia di ieri, a mercati chiusi, del no del Presidente Mattarella a Paolo Savona. La notizia di ieri, a mercati chiusi, del no del Presidente Mattarella a Paolo Savona nel ruolo di Ministro dell’Economia ha portato alla rinuncia da parte di Giuseppe Conte a formare un governo Lega-M5S. Tecnicamente ciò ha causato questa mattina un’apertura in ”gap up” (strappo rialzista) sul Future Ftse MIB (FIB scadenza giugno 2018) a quota 22550. Noi eravamo short sul FIB dal segnale, già illustrato più volte nei giorni scorsi, che era scattato al break di 23200 lo scorso 18 maggio sul nostro Indicatore ShoTradng (impulsi di brevissimo + cicli di breve). Per quanto riguarda il ciclo di breve venerdì scorso avevamo piazzato a quota 22670 il livello di Confine/Stop a difesa dei guadagni delle posizioni short. Tale livello veniva momentaneamente superato questa mattina circa un minuto dopo l’apertura, il FIB poi ha corretto immediatamente scendendo a chiudere il gap.  Sull’Indicatore ShoTrading si è quindi chiuso questo remunerativo ciclo short. Ora la volatilità sui movimenti di breve-brevissimo è alta, senza fretta attendiamo il prossimo segnale che potremmo avere entro le prossime 2 o 3 sedute. fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml