Segnali preoccupanti per il brasiliano Bovespa
Finanza/Economia / 30 maggio 2018

Non solo Ftse Mib in crisi, anche il brasiliano Bovespa ha dato ieri un grave segnale ribassista. Non solo Ftse Mib in crisi, anche il brasiliano Bovespa ha dato ieri un grave segnale ribassista. Le quotazioni erano gia’ scese il 18 maggio al di sotto della “neckline” del testa spalle ribassista disegnato dal top del 31 gennaio, una figura con target, ottenuto proiettandone l’ampiezza verso il basso dal punto di rottura della neckline posto a 74230 punti. Il 28 maggio, dopo aver violato in avvio la media mobile a 200 giorni (che era al rialzo, salvo una breve interruzione a meta’ dello scorso anno, dal marzo del 2016) le quotazioni sono poi scese anche al di sotto della base del canale rialzista che parte dai minimi del gennaio 2016. Il target del ribasso dato dalla proiezione della ampiezza del canale verso il basso (cosiddetta tecnica del “raddoppio del canale” che si adotta quando uno dei due estremi viene superato) si colloca a 60000 punti circa. Supporto intermedio a 66400 circa. Il rimbalzo visto martedi’ in area 77200 ha il sapore di un “return move” a testare dal basso l’ex supporto appena violato. Solo recuperi oltre area 78600/700 potrebbero fare sperare…

Piazza Affari sui minimi dall’estate 2017, spread oltre quota 300. FTSE MIB -2,65%
Finanza/Economia / 30 maggio 2018

Piazza Affari sui minimi dall’estate 2017, spread oltre quota 300. Piazza Affari sui minimi dall’estate 2017, spread oltre quota 300. FTSE MIB -2,65%. *Mercati azionari europei negativi. Wall Street debole: *a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -0,7%, Nasdaq Composite -0,2%, Dow Jones Industrial -1,0%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a -2,65%, il FTSE Italia All-Share a -2,71%, il FTSE Italia Mid Cap a -3,20%, il FTSE Italia STAR a -2,98%. La pressione in vendita sui mercati italiani è temporaneamente scesa nel pomeriggio in scia alle parole del ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz: in un convegno a Berlino ha usato parole accomodanti nei confronti della situazione politica italiana e nelle iniziative che le autorità europee adotteranno per fronteggiare la situazione. Lo spread tra i rendimenti di BTP e Bund a 10 anni arretra dai massimi giornalieri in area 320 bp fin sui 275 ma nel finale rimbalza e chiude a 303 in scia alle notizie provenienti dal Quirinale. Letteralmente in crisi il BTP a 2 anni, con rendimento al 2,55%, +162 bp rispetto alla chiusura di ieri. Il premier incaricato Carlo Cottarelli poco prima della chiusura ha incontrato il presidente Sergio Mattarella ma poi se…

Profondo rosso per il Ftse Mib: i prossimi livelli di guardia
Finanza/Economia / 30 maggio 2018

Complice un insieme di fattori non esclusivamente tecnici, il Ftse Mib si avvia verso quota 20.500 con un pericoloso incremento della volatilità: l’analisi sui possibili scenari. La struttura grafica dell’indice Ftse Mib si arricchisce nelle ultime sedute di ulteriori elementi non meramente tecnici, che stanno avendo come effetto quello di un sensibile aumento, sia della volatilità che della forza ribassista in atto.   Complice l’evolversi in senso negativo del complesso quadro politico italiano, l’indice nelle sedute precedenti ha velocemente violato il supporto prima dei 22.800 punti, poi nel giro di soli tre giorni precipitare verso quota 21.200, azzerando i guadagni del 2018.   Le prospettive indicano nelle prossime sedute nuovi allunghi verso livelli particolarmente critici sotto i 20.500 punti, con l’aggiungersi di un nuovo elemento tipico delle forti fasi ribassiste degli indici azionari, ovvero la volatilità.   Infatti tale incremento può essere misurato dall’estensione della distanza tra massimi e minimi giornalieri, che in questa particolare fase dell’indice azionario è in forte aumento.   Ciò sebbene possa costituire una opportunità di maggiori guadagni nel brevissimo termine data dalla maggiore velocità e direzionalità dei movimenti, nello stesso tempo espone gli operatori a livelli di rischio più elevati, in quanto occorre piazzare stop…

Euro Dollaro: suggerimenti operativi per martedì 29 maggio
Finanza/Economia / 30 maggio 2018

Forte allungo verso il basso per l’Euro dollaro che si avvicina velocemente sotto quota 1,15 con ulteriori prospettive di nuovi minimi di periodo: vediamo quali. Quadro tecnico fosco quello che si presenta per il cambio Euro Dollaro, caratterizzato da un forte impulso ribassista partito il 20 aprile, con il cedimento della trend line passante per 1.2130. Successivamente l’ulteriore rottura il 26 aprile di 1.2105 ha prodotto un chiaro segnale di vendita, con stop a 1.2210 e primo target a 1.1910. Come correttamente calcolato dell’indicatore tecnico Sequential, nel caso specifico il rimbalzo si è verificato il 9 maggio con i prezzi che arrestano la corsa tra il minimo 1.1850 e il massimo a 1.2020, senza peraltro scalfire minimamente la forza della tendenza in atto. Va sottolineato che il funzionamento dell’indicatore sopra menzionato consiste nel conteggiare in modo particolare una eventuale serie di nuovi minimi o massimi, la cui durata mediamente si arresta tra il nono e il 13 giorno, dopo dei quali bisogna aspettarsi un pull back di interruzione. Tale movimento di rimbalzo come evidenziato della analisi dell’oscillatore stocastico poteva essere intercettato sfruttando la divergenza inversa formatasi a 1,1920. Inoltre un nuova serie di tredici barre circa, apertasi dal 15 maggio…

Future eurostoxx, nuovi obiettivi aggiornati
Finanza/Economia / 30 maggio 2018

Fissiamo obiettivi sul future eurostoxx50 a 3347/49 e 3304/07 (il principale). Fissiamo obiettivi sul future eurostoxx50 a 3347/49 e 3304/07 (il principale). Le resistenze che conservano il segnale ribassista sono disposte adesso a 3410 e 3450/53. Accumuliamo short da prezzi non inferiori a 3402 ed in caso di rialzi fino a 3443. Stop in chiusura su grafico a 30 minuti superiore a 3453.  fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml

Intesa Sanpaolo: posizioni corte sotto 2,90
Finanza/Economia / 30 maggio 2018

Il 59% delle azioni che compongono lo STOXX 600 ha registrato un rialzo venerdí. Il 59% delle azioni che compongono lo STOXX 600 ha registrato un rialzo venerdí. Il 56% delle azioni scambia al di sopra della media mobile a 20 periodi contro il 55% di giovedí (al di sopra della media mobile a 20 period). Il 62% delle azioni scambia al di sopra della media mobile a 200 periodi contro il 61% di giovedí (al di sopra della media mobile a 20 period). INTESA SANPAOLO La nostra valutazione Posizioni corte sotto 2,90 con target a 2,49 e 2,30 in estensione. Scenario alternativo Sopra 2,90 ci aspettiamo un ulteriore rialzo con 3,00 e 3,08 di target. Commento tecnico L’RSI è mal direzionato. FTSE MIB La nostra valutazione Posizioni corte sotto 23380,00 con target a 21880,00 e 21455,00 in estensione. Scenario alternativo Sopra 23380,00 ci aspettiamo un ulteriore rialzo con 23670,00 e 23950,00 di target. Commento tecnico L’RSi è ribassista e richiede un ulteriore ribasso. fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml

Ethereum Classic: nuovo vistoso calo, quota 13,70 vicina
Finanza/Economia / 30 maggio 2018

Per Ethereum classic la breve fase di consolidamento con massimi a 19,90 e minimi a 16,59 è risultata inutile,la forza del ribasso promette nuovi obiettivi. Fase estremamente debole dei corsi di Ethereum classic con il raggiungimento del target in area 13,70 ormai prossimo. La breve fase di consolidamento con massimi a 19,90 e minimi a 16,59, verificatasi nelle settimane precedenti, non è stata sufficiente ad evitare un nuovo forte calo registrato a partire dal 22 maggio con la rottura di quota 16.59 dollari. L’analisi dell’oscillatore CCI sebbene segnali un calo della velocità di discesa dei prezzi, non evidenzia alcuna perdita di forza del trend in atto. Monitorare con particolare attenzioni i livelli di massimo e minimo dei prezzi in quanto nell’immediato futuro vi è il rischio di un forte incremento della volatilità. Per chi detiene Ethereum classic Per coloro che detengono già posizioni ribassiste attendere il raggiungimento del target a 13,70 ormai vicino e successivamente puntare a quota 12 dollari. Per le posizioni al rialzo in portafoglio liquidare in perdita tutte le posizioni o attendere l’ultimo baluardo dei 13,70 dollari per uscire. Per chi volesse acquistare  Sconsiglio l’apertura di nuove posizioni a rialzo, in quanto la forza della tendenza ribassista…