Le prospettive di Fca stretta tra opposte dinamiche

14 luglio 2018

Fca non riesce ad uscire dalla fase di “congestione” che da due settimane blocca l’evoluzione dei corsi, in quanto probabilmente gli investiori rimangono prudenti in vista di un possibile rallentamento delle vendite, dato atteso il 25 luglio prossimo.

Nonostante le raccomandazioni degli analisti che espongono un target price oltre i 22.00 euro, Fca continua a non essere correttamente valutata dagli operatori, preoccupati dalle possibili conseguenze negative sulle vendite dall’applicazione dei dazi commerciali previsti da Trump.

Dal punto di vista dell’analisi grafica dopo la violazione dei 19.40 euro subita a fine maggio, i prezzi hanno proseguito con la fase di correzione fino al supporto psicologico di medio termine di 15.85 euro.

Probabilmente in coincidenza dei risultati del secondo trimestre 2018, in agenda per il 25 luglio, l’attuale evoluzione neutrale dei prezzi verrà definitivamente interrotta a favore di una marcata direzionalità nei due scenari possibili.

Gli obiettivi attesi sono rispettivamente, di 17.55 e 19.40 per il possibile rialzo e di 15.85 e 14.90 per il ribasso.

Infine l’analisi dell indicatore di trend CCI ha correttamente filtrato l’ultimo tentativo dei prezzi di violare la resistenza posta a 17.50, non assumendo mai valori superiori allo zero e quindi mantenendo una valutazione ribassista dell’ attuale dinamica dei prezzi.

Stretegie operative

Vista la consueta volatilità che contraddistingue il titolo, è possibile sfruttare la potenziale raezione dei corsi rispetto alla fase di congestione attuale, acquistando congiuntamente opzioni Call strike 16.50, scadenza dicembre 2018 e opzioni Put strike 16.50, scadenza 2018.

In tale modo si beneficia di un ridotto utilizzo di capitale e di una struttura del rischio circoscritta ai premi pagati, ma soprattutto di potenziali rendimenti a doppia cifra in vista della publicazione degli earnings prevista il 25 luglio.

Grafico di FCA di TradingView
Prendi visione del disclaimer

fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml

Nessun commento

I commenti sono chiusi.