Buzzi Unicem sotto scacco. Kepler taglia stime e tp
Finanza/Economia / 20 luglio 2018

Il titolo è stato travolto dalle vendite nel giorno in cui il broker ha rivisto al ribasso le previsioni sull’utile e il prezzo obiettivo. Seduta decisamente pesante quella odierna per Buzzi Unicem che è stato investito da una pioggia di vendite, scivolando nell’ultima posizione del Ftse Mib, con una evidente sottoperformance rispetto al mercato. Il titolo ha terminato gli scambi a 19,915 euro ad un passo dai minimi intraday, con un affondo del 3,51% e quasi 1,5 milioni di azioni trattate, ben oltre la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a quasi 800mila pezzi. Buzzi Unicem oggi è finito sotto la lente di Kepler Cheuvreux, i cui analisti da una parte hanno confermato la raccomandazione “buy” e dall’altra hanno tagliato il prezzo obiettivo da 25,5 a 24,5 euro. Quest’ultima mossa segue una revisione delle stime sull’utile per azione, abbassate del 3,4% per quest’anno e del 4,2% per il 2019. Il focus è ora rivolto ai conti del primo semestre in arrivo il 2 agosto, e il broker anticipa che gli stessi dovrebbero aver risentito negativamente dall’impatto sfavorevole dei cambi. fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Mondo TV in rally
Finanza/Economia / 20 luglio 2018

Mondo TV prolunga il rally (+9,37%) fino al test della trend line che scende dai massimi di dicembre a 4,60 circa. Mondo TV prolunga il rally (+9,37%) fino al test della trend line che scende dai massimi di dicembre a 4,60 circa. Oltre questa soglia il quadro grafico migliorerebbe sensibilmente preludendo al ritorno sopra i 5 euro. Indicazioni di segno contrario giungerebbero invece sotto i 4 euro, per i supporti a 3,40 circa, minimi di luglio e livello più basso dall’estate del 2016. (CC – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

SCM SIM: nuova linea di gestione Chronos
Finanza/Economia / 20 luglio 2018

SCM SIM Lancia “Chronos”, la nuova linea di gestione che guarda al futuro. SCM SIM Lancia “Chronos”, la nuova linea di gestione che guarda al futuro. Milano, 19 luglio 2018 – SCM SIM, la prima SIM quotata sul mercato AIM Italia, organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., specializzata nei servizi di private banking e wealth management, con oltre 1 mld euro AUM e più di 30 consulenti finanziari, ha lanciato sul mercato “Chronos” la nuova linea di gestione che guarda al futuro. SCM SIM, infatti, vuole intercettare i cambiamenti a cui il mercato finanziario sta andando incontro grazie soprattutto alle nuove tecnologie. Chronos, infatti, nasce con l’obiettivo di cogliere nel lungo periodo nuove opportunità di investimento nell’ambito di: economia digitale (IoT, big data, fintech, cybersecurity) salute (medtech, biotech, lifesciencetool/diagnostic), industria 4.0 (smartfactory, electricvehicles/autonomousdriving, artificialintelligence) e nuove tecnologie energetiche (smartgrid, energystorage, solar energy, windpower).La linea Chronos è costruita attraverso la selezione di società quotate, principalmente in USA e Europa, che sono considerate «best in class» nel proprio settore. Si tratta generalmente di aziende di grandi dimensioni, con un forte vantaggio competitivo sia in termini di prodotto sia di mercato, in settori in forte crescita (disruptive approach) e con buona generazione…

Sterlina sotto pressione contro Euro
Finanza/Economia / 20 luglio 2018

Prosegue il recupero della Valuta Unica europea nei confronti della Sterlina. Prosegue il recupero della Valuta Unica europea nei confronti della Sterlina. I prezzi hanno toccato un massimo oggi a 0,8940 attestandosi poi nei dintorni di quota 0,8928, comunque al di sopra della resistenza, ora supporto, in area 0,89, che era riuscita a frenare la corsa del cambio nelle ultime settimane. Prossimo obiettivo a 0,8965 circa, top di inizio marzo, poi via libera verso 0,9020. Il rialzo verrebbe indebolito dal ritorno al di sotto di 0,8870 per 0,88 circa. (AC – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

La Francia alza gli scudi contro i take over stranieri
Finanza/Economia / 20 luglio 2018

La Francia vuole rafforzare le leggi che regolano le acquisizioni in modo da proteggere le aziende strategiche dopo il boom di investimenti diretti di Stati Uniti e Cina nel corso del 2017 (+25%). La Francia vuole rafforzare le leggi che regolano le acquisizioni in modo da proteggere le aziende strategiche dopo il boom di investimenti diretti di Stati Uniti e Cina nel corso del 2017 (+25%).Il prossimo autunno il governo di Emmanuel Macron proporrà di ampliare i margini di intervento del governo (con la “golden share”) per proteggere gli interessi nazionali. Il ministro delle Finanze potrebbe quindi imporre multe alle aziende che non richiedono prima il nulla osta per l’acquisto di titoli di aziende francesi ritenute strategiche. (CC – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Azimut: iniziano a delinearsi i possibili scenari
Finanza/Economia / 20 luglio 2018

Nonostante dati sulla raccolta non entusiasmanti, commisioni di gestione e performance in calo, molti analisti ribadiscono come corretto per il titolo Azimut,un target di 16,50 €, ben distante dalle quotazioni attuali, bloccate in un pericoloso trading range dalle implicazioni operative comunque interessanti. Grazie alla raccolta positiva di giugno proveniente dalle attività estere, che confermano l’efficacia delle scelte del management sulla strategia di sviluppo internazionale perseguita, le quotazioni di Azimut riescono a consolidare il fondamentale supporto di 12.90€ da cui, con il contributo della lenta stabilizzazione dei corsi del Ftse Mib, è partito un promettente recupero verso 13.70 e dai risvolti operativi interessanti. Infatti l’analisi dei pattern candlestick evidenza la formazione assolutamente interessante di un three advance soldiers da confermare in chiusura con valori superiori a 13.50€, la cui valenza rialzista viene smorzata dal potente quadro ribassista in cui la figura di inversione è compresa. In tal senso soltanto la rottura dei 13.80€ in presenza di valori dell’indice Ftse mib in crescita, può confermare la svolta rialzista del titolo ancora ingabbiato in un trading range pericoloso, la cui inclinazione delle trend line che lo costituiscono appare orientata verso il basso, richiamando nuovi supporti di medio periodo sotto 12 euro, scenario attualmente…

Trading mordi e fuggi: STM ed ENI
Finanza/Economia / 20 luglio 2018

ENI: qui avevamo aperto uno short il 25 giugno, operazione chiusa due giorni dopo su stop loss strettissimo. Tra le posizioni aperte che stiamo seguendo nel Trading System ShoTrading Azioni Ftse MIB (segnali per cicli di breve-brevissimo periodo di pochi giorni) ci sono STMicrolectronics (STM) ed ENI (ENI). STMicrolectronics (STM): come già spiegato nelle varie analisi di aggiornamento dei giorni scorsi, su STM siamo long dal segnale di acquisto del 12 luglio (da 19,24 €). Su questo titolo siamo al terzo trade consecutivo che, salvo gap violenti che vanno sempre messi in preventivo, andremo a chiudere in profitto. Come visibile sul nostro grafico, avevamo fatto una veloce operazione di acquisto (long) l’11 giugno, chiusa in gain il 15 giugno. Poi l’operazione short (al ribasso) del 21 giugno, che abbiamo chiuso in due tranches il 26 e il 27 giugno. Da quei giorni siamo rimasti in attesa del nuovo segnale che è arrivato lo scorso 12 luglio. Segnale di buy. Stiamo difendendo questa posizione con un livello di stop in positivo del 4 % circa. Questo per proteggere un po’ di guadagno nel caso le quotazioni vadano a chiudere il gap lasciato aperto con l’apertura rialzista di ieri (18 luglio). Oggi…

Technogym: le prospettive di crescita sono ancora eccellenti
Finanza/Economia / 20 luglio 2018

Technogym azienda modello nel settore delle macchine fitness di fascia alta, torna a testare la resistenza che la divide dai massimi storici di 11€. Technogym azienda modello nel settore delle macchine per fitness di fascia alta, classico esempio della simbiosi di elementi creativi nel design e di innovazione tecnologica e commerciale, dopo tre mesi di estenuante lateralità delle quotazioni comincia a destare l’interesse degli investitori, avvicinandosi nuovamente a ridosso dei massimi storici oltre quota 10.80 euro. Più precisamente la fascia di massimo e minimo che blocca i corsi compresa tra 9.70 e 10.40 euro, comincia a vacillare grazie anche alla lenta ripresa del indice Ftse Mib all share oltre i 24.000 punti e al ritorno d’interesse degli investitori, dopo le recenti dichiarazioni del fondatore nonchè CEO Nerio Alessandri, che ha sottolineato come la società abbia rispettato le promesse fatte in sede di Ipo. L’analisi del prezzo in termini patterns di candlestick evidenzia la formazione, sul grafico a candele settimanali, di un interessante hammer rialzista unito ad una white candle ancora in completamento non sufficienti a spezzare il trading range delle quotazioni, ma comunque foriera di nuovi allunghi verso i 12.00 euro, obiettivo facilmente raggiungibile nel caso il il paniere italiano…

Ti sei iscritto al [ WEBINAR ] di questa sera ?
News / 20 luglio 2018

Ti sei iscritto al [ WEBINAR ] di questa sera ?   Venerdì 20/07/2018 abbiamo deciso di condividere gratuitamente una nuova strategia gratuita ma non per questo di poco valore o poco profittevole. Si basa sulle Bande di migliorino, sono l’evoluzione delle bande di bollinger che settate ciclicamente ed utilizzate contemporaneamente su vari cicli offre la possibilità di individuare punti di svolta molto evidenti, QUASI inequivocabili (immagine sottostante). Iscriviti GRATIS al webinar CLICCANDO IL LINK SOTTOSTANTE, non perdere tempo, i posti sono limitati. https://goo.gl/AYGrZe Analisi Lungo periodo Cacao Chi mi segue da un po’ di tempo sà che oltre agl’indici sono affezionato anche ad una commodity in particolare. ovvero il futures Cacao. Parto dal ciclo Biennale, il suo DNA è perfettamente aderente ai prezzi e sul minimo oltre ad essere partito tale ciclo è anche partito un ciclo Economico. I canali Annuali evidenziano che dopo aver fatto il massimo i prezzi stanno ritracciando in seguito alla chiusura del primo ciclo Intermestrale. La velocità del ciclo Intermestrale è in procinto di rompere l’asse dello zero nuovamente, dando inizio al secondo ciclo dell’Annuale in corso. Le medie mobili cicliche sono il nostro timing d’ingresso per il ciclo in questione, all’incrocio della media…

Pimco, Pil mondiale avanti veloce nel 2018: le aree che cresceranno di più
News / 20 luglio 2018

Resta sostenuta la crescita del Pil mondiale 2018 con un progresso previsto nella forchetta tra il 3 e il 3,5% nel 2018. Sono le previsioni dell’ufficio studi di Pimco che per l’anno in corso stima una crescita globale sincronizzata e bassa inflazione, anche se in progressione. La crescita – dicono gli analisti del gruppo di gestione globale degli investimenti – sarà trainata da Stati Uniti, zona euro, Regno Unito e  Cina per il 2018, le cui previsioni sono state riviste leggermente al rialzo. Ritoccate invece verso il basso le stime per il Messico e l’India. Entrando nel dettaglio delle singole aree, per gli Stati Uniti la crescita del Pil è stimata tra il 2,25% e il 2,75%. Bene il mercato del lavoro con il tasso di disoccupazione che scenderà al di sotto del 4% e causerà pressioni al rialzo sui salari e sull’inflazione, che andrà oltre il 2%. Nell‘area euro, il Pil dovrebbe oscillare tra il 2,25% e il 2,75% quest’anno, in linea con il 2017. “L’espansione economica si sta ora diffondendo in tutta la regione. L’inflazione core, tuttavia, dovrebbe rimanere minima, raggiungendo a malapena l’1% di quest’anno, a causa delle deboli pressioni salariali e dell’apprezzamento dell’euro nel 2017″ si legge in una nota. Per quanto riguarda il Regno Unito, “prevediamo una crescita superiore alla media delle previsioni e tra…