Dividendi mensili, una comoda alternativa

22 luglio 2018

I dividendi sono sempre un’ottima risorsa soprattutto per chi vuole arrotondare una rendita annuale. Molto più comodi sono quelli trimestrali perché permettono entrate più frequenti. L’apice si raggiunge, però, con una rendita mensile. Una rarità? Non proprio.

I dividendi sono sempre un’ottima risorsa soprattutto per chi vuole arrotondare una rendita annuale. Molto più comodi sono quelli trimestrali perché permettono entrate più frequenti. L’apice si raggiunge, però, con una rendita mensile. Una rarità? Dipende, Matthew Frankel ha individuato sulle colonne di The Motley Fool, due titoli interessanti.

Realty Income Corporation (NYSE: O)

Nel suo caso la cedola mensile è di 4,8% e il prezzo oscilla intorno ai $ 55,4 per azione. L’affidabilità della cedola mensile, da molti temuta come insostenibile per alcune società, nasce dall’affidabilità del suo business. Si tratta infatti di una società specializzata in immobili, per la precisione di immobili in affitto. La maggior parte, circa l’80% del portafoglio, è costituita da locazioni al dettaglio caratterizzate da contratti a lunga durata (15-20 anni), mentre una parte non indifferente è concentrata su immobili per uffici e società industriali. L’affidabilità del business deriva da due fattori principali, a natura degli immobili che, come detto è orientata alla stabilità; a questo si aggiunga anche il fatto che la gran parte dei contratti delegano all’inquilino alcune spese variabili come le spese di proprietà, assicurazione e costi di manutenzione, una formula che permette a Realty Income Corporation di sfruttare appieno tutto il reddito prevedibile. Il secondo fattore di stabilità è rappresentato dalla tipologia degli inquilini, perlopiù aziende impermeabili alla recessione e soprattutto al fenomeno dell’e-commerce; la dimostrazione arriva dal fatto che molti immobili sono costituiti da farmacie e stazioni di servizio. Guardando alla cedola, come detto, si parla di un rendimento mensile del 4,8% per di più aumentato negli ultimi 83 trimestri consecutivi.

Apple Hospitality REIT (NYSE: APLE)

Il titolo offre una rendita mensile del 6,6% con azioni quotate intorno ai $ 18. Anche in questo caso si tratta di una società immobiliare che però è focalizzata sulle proprietà alberghiere. Nello specifico l’azienda si occupa dei cosiddetti Hotel “select service” ovvero proprietà che come sottolinea lo stesso Frankel, offrono più servizi rispetto alle catene alberghiere classiche pur non raggiungendo comunque gli standard degli hotel di lusso e dei resort. Numeri alla mano si parla di 242 proprietà, immobili particolarmente vantaggiosi per l’azienda. Prima di tutto sono più efficienti da gestire rispetto agli immobili di lusso, richiedono meno personale e meno manutenzione in quanto più piccoli e per questo motivo hanno meno stanze da gestire a tutto vantaggio dei costi e anche delle eventuali ristrutturazioni. Non solo ma per Apple Hospitality REIT potrebbe essere anche più facile adattarsi ai cambiamenti dei gusti di stile dei consumatori. Lo stesso report però evidenzia come si tratti di un assetto più volatile dal momento che spesso i clienti hanno presenze giornaliere. Anche in questo caso però ci sono dei vantaggi: i ricambi sono più veloce e le tariffe possono facilmente aumentare o diminuire a seconda delle esigenze di mercato. In altre parole: flessibilità

fonte: http://www.trend-online.com/prp/rss.xml

Nessun commento

I commenti sono chiusi.