Piazza Affari in netto progresso: brilla UniCredit. FTSE MIB +1,27%
Finanza/Economia / 8 agosto 2018

Piazza Affari in netto progresso: brilla UniCredit. Piazza Affari in netto progresso: brilla UniCredit. FTSE MIB +1,27%. Mercati azionari europei positivi. Wall Street in verde: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,3%, Nasdaq Composite +0,2%, Dow Jones Industrial +0,6%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +1,27%, il FTSE Italia All-Share a +1,14%, il FTSE Italia Mid Cap a +0,36%, il FTSE Italia STAR a -0,08%. Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, negli USA l’indagine JOLTS (Job Openings and Labor Turnover Survey) segnala che le posizioni lavorative ricercate dai datori di lavoro a giugno si sono attestate a 6,662 milioni, superiori ai 6,659 milioni di maggio (dato rivisto da 6,638 mln) ma inferiori ai 6,740 milioni attesi dagli economisti. In Germania Destatis ha indicato una variazione negativa dello 0,9% a giugno rispetto al mese precedente per la produzione industriale. Il dato è risultato inferiore alle attese degli analisti che avevano stimato un decremento pari allo 0,5%. Su base annua la produzione industriale e’ salita del 2,6% rispetto allo stesso periodo del 2017. In Germania il surplus della bilancia commerciale a giugno 2018 e si e’ attestato a 21,8 miliardi di euro. In termini destagionalizzati,…

FinecoBank rimbalza. Analisti cauti dopo raccolta luglio
Finanza/Economia / 8 agosto 2018

Il titolo ha chiuso in rialzo oggi dopo quattro sedute consecutive in ribasso: il commento delle banche d’affari all’indomani della raccolta di luglio. Il rialzo messo a segno oggi da Piazza Affari è stato sfruttato anche da FinecoBank che è riuscito a dare vita ad un recupero dopo tre sedute consecutive in rosso. Il titolo, dopo aver ceduto quasi un punto percentuale ieri, ha risalito la china fermandosi a 10,11 euro, con un vantaggio dell’1,36% e oltre 1,6 milioni di azioni scambiate, contro la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 2,5 milioni di pezzi. FinecoBank ieri ha diffuso i dati sulla raccolta netta di luglio che è stata positiva per 499 milioni di euro, in calo tendenziale del 6%. Nella nota diffusa ieri dalla società si legge che il confronto con l’anno precedente risente di 113 milioni di euro di imposte pagate dalla clientela con data 2 luglio, operazioni che nel 2017 erano state contabilizzate a giugno. Al netto di questa voce la raccolta netta sarebbe in progresso del 16%, con un dato complessivo da inizio anno pari a 4,095 miliardi di euro, con un incremento del 20%. Gli analisti di Equita SIM con riferimento alla raccolta…

Dax, seduta positiva ma le resistenze per ora tengono
Finanza/Economia / 8 agosto 2018

Dax, seduta positiva ma le resistenze per ora tengono. Dax, seduta positiva ma le resistenze per ora tengono. Il Dax e’ salito martedi’ fino a testare in area 21730 il lato alto del gap ribassista del 2 agosto e la trend line che sale dai minimi di fine giugno (che era stata violata proprio il 2 agosto), una resistenza che per il momento ha contenuto le spinte rialziste. Solo la rottura di quei livelli mostrerebbe una presa di posizione chiara da parte del mercato in favore di una evoluzione rialzista. Fino a quel momento la reazione vista dal minimo del 2 agosto avra’ i connotati di un “return move”, un rimbalzo a testare dal basso la linea di tendenza rialzista disegnata dai minimi di fine giugno. Un recupero stabile al di sopra di area 12700 segnalerebbe invece l’intenzione del mercato di mettere nuovamente alla prova i massimi di fine luglio a 12886 punti. Sopra quei livelli il target si sposterebbe a 13010, lato alto del gap ribassista del 18 giugno. In caso di discese al di sotto di area 12600, base del gap lasciato martedi’ in avvio dai prezzi, le oscillazioni disegnate sul grafico intraday dal top del 18 luglio…

Ftse Mib, rialzo oltre le resistenze
Finanza/Economia / 8 agosto 2018

Ftse Mib, rialzo oltre le resistenze. Ftse Mib, rialzo oltre le resistenze. Prova di forza martedi’ per il Ftse Mib che sale oltre la resistenza offerta a 21791 punti dal alto alto del gap ribassista del 2 agosto. I prezzi superando quota 21694 (top del 3 agosto) hanno anche completato il tweezer bottom (piccolo doppio minimo formato sul grafico a candele, in questo caso giornaliere, da due elementi contigui aventi lo stesso minimo), figura rialzista che sembra in grado di sostenere un rimbalzo anche piu’ esteso di quello visto nelle ultime ore. Prossima resistenza rilevante a 21890 punti, 61,8% di ritracciamento del ribasso dal massimo del 31 luglio, importante riferimento ricavato dalla successione di Fibonacci oltre il quale sarebbe possibile il ritorno in arae 22250. Solo discese al di sotto dei 21700 punti metterebbero in discussione gli sforzi fatti nelle ultime ore prospettando la ricopertura del gap lasciato dai prezzi martedi’ in avvio con base a 21600 circa. Supporto successivo sulla base del “tweezer bottom”, a 21320 circa. (AM – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Tod’s: RBC Capital incrementa target ma conferma underperform
Finanza/Economia / 8 agosto 2018

Tod’s (-4,2% a 60,80 euro): RBC Capital ha incrementato il target del titolo da 54 a 57 euro, ma ha confermato il giudizio underperform. Tod’s (-4,2% a 60,80 euro): RBC Capital ha incrementato il target del titolo da 54 a 57 euro, ma ha confermato il giudizio underperform. Gli analisti del broker hanno deciso di migliorare del 3% le stime sull’EBITDA 2018 e 2019 dopo i conti del primo semestre: risultati in flessione ma con ricavi a cambi costanti finalmente in crescita dell’1,8% a/a. Le notizie migliori sono arrivate in conference call con le parole del CFO Emilio Macellari: il consensus sui ricavi 2018 (960 milioni di euro) è assolutamente credibile, mentre quello sull’EBITDA margin (16,5%) è raggiungibile ma con qualche difficoltà. Il titolo ha reagito con veemenza mettendo a segno un +17,69% nella seduta precedente. (SF – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Anima holding (+5%): rimbalzo dal sapore di rivincita
Finanza/Economia / 8 agosto 2018

Forte recupero dai minimi di periodo per Anima holding che sfoggia numeri importanti relativi alla raccolta e soprattuto consolida velocemente le attività di Banca Aletti acquisita circa otto mesi fa. Grazie alla crescita delle masse gestite che ammontano a 103 miliardi di euro, in aumento del 35% rispetto al dato di fine luglio 2017 e al contributo relativo al consolidamento degli asset di Banca Aletti acquisita otto mesi da BPM, Anima holding interrompe parzialmente il pesante avvitamento dei prezzi verso il basso. Come ha sottolineato l’amministratore delegato iniziano a dare soddisfazione le scelte fatte nell’acquisire banca Aletti, nonostante un esborso che ha richiesto uno sforzo considerevole, come l’approntamento di un aumento di capitale e il ricorso all’indebitamento per una parte dell’importo. Dal punto di vista dell’analisi grafica, i prezzi interrompono un una forte dinamica ribassista iniziata con il cedimento del supporto di 5.60€ avvenuto a fine maggio. Nelle ultime settimane di luglio i corsi hanno rischiato più volte di violare il supporto tematico di 4.30 disegnando un canale dall’inclinazione lievemente ribassista e in fase di annullamento, qualora venisse confermato il breakout rialzista oltre quota 4.70. I patterns disegnati nelle ultime tre sedute denominati bel hold e bullish engulfing, confermano la…

Oro: la disperata difesa del supporto potrebbe riuscire
Finanza/Economia / 8 agosto 2018

L’Oro tenta una disperata difesa di due supporti ravvicinati quali 1196$ e 1205$ creando i presupposti tecnici per un rimbalzo da cui trarre spunti operativi per nuove posizioni di vendita con rischio contenuto. L’Oro nella seduta di oggi riprende a salire cercando disperatamente di invertire la tendenza discendente, almeno dal punto di vista tecnico, che lo caratterizza da oltre due mesi e con gli operatori che si preparano a scaricare parte dei guadagni realizzati con la discesa. Infatti se dal punto di vista fondamentale la forza del Dollaro Usa non consente di sperare in reazioni rialziste durature, gli indicatori tecnici più dinamici segnalano la possibilità a breve di un pullback verso l’alto da cui prendere spunto per nuove posizioni. L’analisi grafica in tal senso conferma la formazione del supporto di 1205 più recente e più in basso il livello di 1195$, registrato l’ultima volta a marzo 2017 e che in base all’attuale velocità di caduta, dovrebbe essere raggiunto entro due settimane, sempre se il movimento di recupero fosse respinto da 1218$. L’analisi delle configurazioni di prezzo candlestick segnala la formazione di un piercing pattern da confermare con una chiusura sopra 1215$, dalla valenza positiva ma che non garantisce ancora una…

Backtowork24 – Ai vertici della finanza alternativa per imprese e investitori
Finanza/Economia / 8 agosto 2018

Le aziende in espansione dedicano molte energie nella raccolta di  capitali per lo sviluppo della propria attività. Per fortuna oggi l’offerta di strumenti di finanziamento si è ampliata molto rispetto al passato: la finanza alternativa ha aperto ai canali online (equity crowdfunding) e off line (club deal). Una situazione però che disorienta gli imprenditori nella scelta della… The post Backtowork24 – Ai vertici della finanza alternativa per imprese e investitori appeared first on Websim Action. Le aziende in espansione dedicano molte energie nella raccolta di  capitali per lo sviluppo della propria attività. Per fortuna oggi l’offerta di strumenti di finanziamento si è ampliata molto rispetto al passato: la finanza alternativa ha aperto ai canali online (equity crowdfunding) e off line (club deal). Una situazione però che disorienta gli imprenditori nella scelta della soluzione migliore. Con ricadute negative in termini di efficienza ed efficacia della struttura finanziaria dell’azienda.Grazie a BACKTOWORK24, tra i leader in Italia nel settore della finanza alternativa (fonte: Rapporto italiano sul crowdinvesting del Politecnico di Milano), le imprese non dovranno più scegliere fra varie modalità, ma avranno a disposizione un unico interlocutore beneficiando della maggiore sinergia che ne deriva. Con un ulteriore punto di forza: l’accompagnamento imprenditoriale. Nel corso del tempo, BACKTOWORK24 è riuscita a…

Azioni tech cinesi ottime per un acquisto dopo il ribasso
Finanza/Economia / 8 agosto 2018

La spesa per la tecnologia in Cina raggiungerà i 234 miliardi nel 2018. La spesa per la tecnologia in Cina raggiungerà i 234 miliardi nel 2018, in quanto il governo e le imprese cinesi guideranno ulteriormente le necessarie riforme investendo in tecnologie per l’innovazione digitale e l’espansione dell’ecosistema. Le aziende Internet cinesi si sono trovate al centro di uno dei trend più caldi della memoria recente: la nascita e l’espansione del consumismo di massa in Cina. Il paese sta urbanizzando a un ritmo senza precedenti. Questa enorme urbanizzazione crea un vantaggio per le aziende, dato che la popolazione lavorativa è di 770 milioni, cinque volte più grande della popolazione lavorativa americana. Quei venti favorevoli si traducono in più acquisti, più utilizzo di Internet, più utilizzo dei social media, più pubblicità digitale ed essenzialmente, più tutto. La guerra commerciale Trump-Cina La più grande guerra commerciale della storia dell’economia, come la ha definita il Ministero del Commercio di Pechino, è ufficialmente cominciata il 6 luglio scorso, ma lo scontro sul commercio tra Cina e Stati Uniti è in corso ormai da tempo. Da almeno un anno, secondo una nota diffusa ieri dallo Us Trade Representative, Robert Lighthizer, nel quale gli Usa hanno…

Hargreaves: “No-deal Brexit è il miglior scenario”
News / 8 agosto 2018

Aveva fortemente finanziato la campagna a favore dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea ed è ancora convinto che più nettamente si esce e più l’Inghilterra avrà da guadagnare. Se si parla delle fortune private di Peter Hargreaves, 71, questo paradigma sembra aver funzionato: dal voto pro-Brexit ad oggi la ricchezza netta del fondatore della Hargreaves Lansdown Plc è aumentata da circa 2,5 a 4,5 miliardi di dollari. Secondo quanto affermato da Hargreaves in un’intervista a Bloomberg la cosiddetta Brexit dura, generalmente temuta perché comporterebbe l’innalzamento reciproco delle barriere commerciali previste in ambito Wto, aprirebbe al contrario la porta al “libero commercio”: “Theresa May era una sostenitrice della permanenza del Regno Unito nell’Ue, la gente che sta negoziando non vuole la Brexit. Dovremmo avere una squadra desiderosa della Brexit e che ci voglia fuori dall’Ue. L’opzione migliore è ‘nessun accordo’. Ci darebbe il libero scambio con l’Europa perché le tre maggiori economie in Europa, al di fuori della Gran Bretagna, sono enormi esportatori verso il Regno Unito. Si tratta di Germania, Francia e Italia”, ha dichiarato il miliardario, “e quelle tre economie richiederebbero assolutamente il libero scambio all’Ue. Scommetto la mia intera ricchezza che otterremmo il libero scambio”. Oltre a non essere convinti…