Ddl Anticorruzione, Cantone a WSI: “Ok, ma non basta. Salvini? Utile non attacchi più i magistrati”
News / 9 settembre 2018

Il presidente dell’ANAC, Raffaele Cantone (nella foto), ha commentato il ddl anticorruzione ai microfoni di Wall Street Italia durante il Forum Ambrosetti, in corso a Cernobbio: “Sicuramente è un provvedimento utile, ma non di certo non è sufficiente per debellare la corruzione“, ha spiegato. Su Salvini: “Era auspicabile che non attacchi più i magistrati, soprattutto perché è un ministro e non un privato cittadino“. L’articolo Ddl Anticorruzione, Cantone a WSI: “Ok, ma non basta. Salvini? Utile non attacchi più i magistrati” sembra essere il primo su Wall Street Italia. fonte: http://www.wallstreetitalia.com/feed/

3 titoli ad alta crescita per investimenti lungimiranti
News / 9 settembre 2018

Investire sulla crescita è il più classico (ma anche il più complesso) degli investimenti. Per questo è bene puntare su titoli che hanno già una buona base di partenza e, magari, presenti su settori che saranno indispensabili nel futuro. Investire sulla crescita è il più classico (ma anche il più complesso) degli investimenti. Per questo è bene puntare su titoli che hanno già una buona base di partenza e, magari, presenti su settori che saranno indispensabili nel futuro. Come Internet o la ricerca sanitaria ad esempio. Lo hanno fatto gli esperti di The Motley Fool che suggeriscono tre nomi su cui puntare. Facebook (NASDAQ: FB) Nicholas Rossolillo non ha dubbi. Il suo like va a Facebook. La debacle dello scandalo Cambridge Analytica non ha impattato sul primo trimestre 2018 ma sul secondo, come prevedibile. Quello che, invece, non è stato previsto, era il fatto che lo schiaffo avrebbe fatto crollare il titolo talmente tanto da registrare il record del peggior calo in un solo giorno da parte di un’azione.Da allora le azioni del padre di tutti i social hanno recuperato ma a spaventare resta quella che è stata a tutti gli effetti può essere considerata la vera fonte di spesa per…

Digitale: Di Maio, entro dicembre fondo pubblico per le startup
News / 9 settembre 2018

“Entro dicembre lanceremo un fondo di venture capital, sul modello francese, per investire in startup italiane”. Il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, intervenendo al Digithon di Bisceglie, ha annunciato i piani del governo per finanziare le aziende innovative italiane. “Noi vogliamo tenere in Italia le idee innovative, per fare in modo che crescano qui e creino qui occupazione per il Paese”. “In Italia si investe ancora poco in startup”, ha aggiunto Di Maio, “circa 130 milioni l’anno. L’obiettivo è fare quello che hanno fatto in Francia: creare anche attraverso una banca di investimento pubblica le condizioni affinchè le aziende di giovani che fanno innovazione non vengano acquistate da colossi stranieri e vadano all’estero, ma restino in Italia”. fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Calenda attacca Di Maio sull’Ilva: “Si dimetta”
News / 9 settembre 2018

Duro attacco di Carlo Calenda a Di Maio dopo la diffusione del parere dell’Avvocatura sull’Ilva. “Chiaro ora perché Di Maio ha tenuto segreto il parere! – scrive l’ex ministro su Twitter – l’Avvocatura conferma in pieno parere precedente su rilanci. Eccesso di potere ci sarebbe stato se non si fosse tenuto in conto interesse pubblico. In un paese Serio un Ministro che distorce un parere istituzionale si dimette”. Calenda allega poi al ywwet due pagine del parere dell’Avvocatura segnando con un evidenziatore rosso i passaggi cruciali. fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Ilva: Di Maio chiude procedimento e non annulla gara
News / 9 settembre 2018

 Il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, ha chiuso formalmente il procedimento avviato sulla gara di aggiudicazione dell’Ilva e dispone “di non procedere all’annullamento”. E’ quanto si legge nel provvedimento pubblicato sul sito del Mise (e inviato ad Am Investco Italy e per conoscenza ai commissari straordinari), insieme al parere dell’Avvocatura di Stato.  fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Eni Zohr, raggiunge target produzione 2 mld piedi cubi al giorno
News / 9 settembre 2018

Eni annuncia che il giacimento Zohr, in Egitto, ha raggiunto una produzione di 2 miliardi di piedi cubi al giorno, corrispondenti a circa 365.000 barili di olio equivalente al giorno, dei quali 110.000 in quota Eni. Il risultato – si legge in una nota del gruppo – è stato raggiunto a soli pochi mesi dal primo gas nel dicembre 2017 e con un anno di anticipo rispetto al Piano di Sviluppo (PoD) originale. L’attuale livello di produzione è stato ottenuto a seguito dell’avvio della quinta unita’ produttiva (T4) dell’impianto a terra, 8 pozzi in produzione e un nuovo gasdotto sottomarino da 30 pollici di diametro e 218 chilometri di lunghezza commissionato lo scorso mese. fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Manovra: Tria, ci sono i margini per fare tutte le riforme, puntiamo sulla crescita
News / 9 settembre 2018

Il governo ha i margini per far partire le riforme, sarà la politica a stabilire quale avrà la priorità, ma saranno privilegiate le riforme che possono avere un impatto sulla crescita. Lo dice il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, parlando con i giornalisti al termine dell’Ecofin. A chi chiedeva quale priorità avranno il reddito di cittadinanza, la flat tax e gli interventi sulla previdenza, Tria ha risposto che “ci sono margini per far partire le varie riforme, ovviamente si sta mettendo a punto nella discussione politica il disegno specifico della varie riforme perché come é stato detto tutto verrà fatto gradualmente nel corso della legislatura. C’è  un bilanciamento se dare più l’accento su una o l’altra riforma ma partiranno tutte e tre”. fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Cosa sapere sui piani del governo per chiudere i negozi la domenica
News / 9 settembre 2018

Stop alla spesa o allo shopping la domenica. Come già preannunciato nelle scorse settimane, Movimento 5 stelle e Lega si preparano a rivoluzionare la settimana lavorativa, reintroducendo l’obbligo di chiusura la domenica e nei giorni festivi per i negozi. Unica eccezione, gli esercizi commerciali delle località prettamente turistiche. Un giro di vite che pentastellati e leghisti intendono mettere a punto dopo una serie di audizioni in commissione, con l’obiettivo di mandare in soffitta le liberalizzazoni di Monti, che rispondevano ad un’altra situazione economica, è il ragionamento delle due forze di maggioranza, ma che ora vanno a incidere negativamente sulle piccole realtà, senza dimenticare l’importanza del trascorrere i giorni festivi, tanto più la domenica, con la propria famiglia. Leggi anche sul Giornale: Negozi chiusi la domenica. La manovra vola: 40 miliardi Sono state incardinate in commissione Attività produttive della Camera 4 proposte di legge: una della Lega, a prima firma della presidente della commissione Barbara Saltamartini, una dei Cinquestelle, una del Pd e una di iniziativa popolare. “In commissione abbiamo iniziato l’iter per rivedere le assurde liberalizzazioni del governo Monti sugli orari di apertura degli esercizi commerciali. Cambiamo rotta per non penalizzare più i piccoli commercianti e le botteghe storiche, e ridare a lavoratori e famiglie la libertà…

Non solo guerra agli scafisti sui migranti: tutti i piani strategici dell’Italia in Africa 
News / 9 settembre 2018

Xi Jinping ha incontrato a Pechino i leader africani e ha stanziato un sostegno finanziario di sessanta miliardi di dollari per consolidare la cooperazione bilaterale. La Francia, che vede indebolita la sua influenza nel continente, rilancia donando un miliardo di euro (lo 0,55% del Pil). L’Europa è pronta a rispondere alla strategia cinese sull’Africa? L’Italia un piano ce l’ha già: il governo propone di collaborare con la Cina, che costruisce grandi infrastrutture nell’ambito della Nuova Via della Seta, anche per arginare il flusso di migranti. “La Cina, che ha investito in Africa oltre 300 miliardi, offre all’Europa, e all’Italia in particolare, un’opportunità storica di cooperazione per la stabilizzazione socio-economica dell’Africa che non possiamo assolutamente lasciarci sfuggire”, aveva detto il sottosegretario in una intervista all’Agi alla vigilia della missione esplorativa in Cina, nell’ambito della sua Task Force Cina. “Stiamo lavorando per fare un piano d’investimenti italiano in Africa. Stiamo lavorando per promuovere un volano in Africa, non perché siamo populisti o sovranisti, ma se altri non lo fanno dobbiamo farlo noi”, ha detto oggi Matteo Salvini, nel corso del suo intervento al Forum di Cernobbio. Se a livello dell’Unione europea, ha fatto notare il ministro, “i soldi non li spendi i problemi non…

Ancora problemi sui treni ad alta velocità: ritardi fino a 70 minuti sul nodo ferroviario di Torino
News / 9 settembre 2018

Disagi stamani alla circolazione ferroviaria sul nodo Torino, con rallentamenti fino a 70 minuti. Intorno alle 6 del mattino un problema all’alimentazione della linea elettrica (le cui cause sono ancora da accertare) ha interessato tutta l’area di Torino Porta Nuova, sia in entrata che in uscita e ha causato rallentamenti per otto treni dell’Alta Velocità e una quindicina di regionali (4 sono stati cancellati e 7 limitati). I tecnici di Fs sono subito intervenuti e hanno lavorato per ridare l’alimentazione elettrica, che è ripartita per fasi. Alle 7.30 circa ha ripreso a funzionare la maggior parte dei binari e alle 9.20 è regolarmente ripreso il traffico, con i ritardi in coda.   fonte: http://www.agi.it/economia/rss