Quanti soldi hanno portato 45 anni di condoni nelle casse dello Stato

24 settembre 2018

In questi ultimi 45 anni i condoni fiscali hanno consentito all’erario di incassare 131,8 miliardi di euro. Il calcolo è stato fatto dall’Ufficio studi della Cgia, ma non deve far esultare: in termini assoluti, anche l’ammontare complessivo “recuperato” è importante, molto più elevata è la cifra evasa al fisco.

Secondo i dati del Ministero dell’Economia e delle Finanze, l’evasione fiscale ammonta a circa 110 miliardi di euro l’anno. In altre parole, quasi mezzo secolo di condoni hanno permesso di recuperare poco più di quanto si evade in un solo anno.

L’illusione della pace fiscale

I condoni, quindi, sono serviti a fare cassa, ma non a “sanare” l’evasione che continua a sottrarre ingenti risorse allo Stato. Poche illusioni: anche la “pace fiscale” che il Governo Conte vuole introdurre nel 2019 rischia di assicurare un gettito molto inferiore alle attese. “Premesso che l’evasione fiscale va contrastata ovunque essa si annidi” sottolinea il coordinatore dell’Ufficio studi di Cgia Paolo Zabeo “è comunque bene ricordare che nel rapporto tra il fisco e il contribuente la parte maggiormente lesa non è il primo, bensì il secondo. Se teniamo conto degli effetti economici riconducibili al cattivo funzionamento della macchina pubblica, i danni subiti dai cittadini e dalle imprese sono nettamente superiori a quelli arrecati allo Stato dagli evasori attraverso il mancato pagamento di tasse e contributi”.

Secondo l’Ufficio studi, i debiti della nostra Pubblica amministrazione nei confronti dei propri fornitori ammontano, secondo le ultime stime della Banca d’Italia, a 57 miliardi di euro; da alcune analisi condotte dall’Ufficio studi della Confcommercio, il deficit infrastrutturale costa all’economia del nostro Paese 42 miliardi di euro all’anno.

Secondo i calcoli del Dipartimento della Funzione Pubblica, l’eccesso di burocrazia che caratterizza la Pubblica amministrazione italiana pesa per 31 miliardi di euro all’anno sul sistema delle nostre Pmi; i ritardi della giustizia, in particolar modo di quella civile, producono, secondo la Banca d’Italia, un costo pari a un punto di Pil all’anno (circa 16 miliardi di euro); in uno studio redatto da The European House Ambrosetti e le Ferrovie dello Stato emerge che gli sprechi e le inefficienze presenti nel settore del trasporto pubblico locale ammontano a 12 miliardi di euro.

“Ovviamente” dice il segretario della Cgia, Renato Mason, “gli importi appena descritti non possono essere sommati. Innanzitutto perché molte di queste aree di intervento si sovrappongono e in secondo luogo perché sono dati estrapolati da fonti diverse. Tuttavia, una cosa è certa: l’evasione va contrastata con tutte le forze, ma è altrettanto indispensabile rendere la macchina pubblica più efficiente e meno costosa per consentire a coloro che sono fedeli al fisco, ovvero la stragrande maggioranza dei contribuenti italiani, di versare meno e di ricevere servizi migliori”.

Come sono stati estratti i dati

Tornando ai condoni, l’Ufficio studi della Cgia sottolinea che i gettiti presi in considerazione sono quelli di ciascun anno e non si riferiscono solo ad un particolare tipo di condono. Gli incassi relativi a ciascuna misura, infatti, tendono a distribuirsi in più anni; tuttavia, in questa elaborazione sono stati ordinati secondo l’annualità in cui il legislatore li ha introdotti. Gli importi sono stati ricavati dalla contabilità nazionale che, in base alle regole di imputazione, sono pressoché in linea con l’effettivo incasso.

Milioni di piccoli debitori

Ma quanti sono i contribuenti italiani che hanno un debito con il fisco? Circa 20 milioni e l’82 per cento di questi – 16.340.000 persone – deve versare un importo inferiore a 10 mila euro. Complessivamente i ruoli da riscuotere ammontano a 871 miliardi di euro. Se teniamo conto dei soggetti falliti o delle persone decedute, dei casi in cui la riscossione risulta sospesa, delle situazioni in cui sono in atto delle rateizzazioni il residuo aggredibile scende a 84,2 miliardi che include anche i debiti per i quali i contribuenti non possono essere perseguiti per una serie di vincoli previsti dalla legge (soglia minima per l’iscrizione ipotecaria, impignorabilità della prima casa, limitazione alla pignorabilità di stipendi e salari, ecc.).

Un pugno di grandi elusori

Oltre agli evasori tradizionali, inoltre, non va nemmeno dimenticato che una buona parte dei 110 miliardi che annualmente vengono sottratti al fisco sono imputabili alle azioni elusive delle società di capitali, alle multinazionali del web e alla fuga di alcune grandi aziende che hanno spostato le sedi fiscali nei Paesi con una marcata fiscalità di vantaggio per pagare meno tasse.

Gli strumenti in mano al fisco

Con l’abolizione del segreto bancario avvenuto nel 2016, sono oltre una dozzina i provvedimenti che attualmente possono essere utilizzati dall’Amministrazione finanziaria per contrastare efficacemente l’evasione. Una platea di strumenti che non dovrebbe consentire più a nessuno di sfuggire alle pretese del fisco e che si compone di:

  • studi di settore;
  • redditometro;
  • spesometro;
  • abolizione del segreto bancario;
  • blitz contro la mancata emissione di scontrini e ricevute;
  • metodologie di controllo delle Pmi e dei lavoratori autonomi;
  • limite all’utilizzo dei contanti fino a 2.999 euro;
  • Serpico (super cervellone che registra decine di migliaia di informazioni al secondo, mettendo a confronto i dati della dichiarazione dei redditi, le polizze assicurative, le informazioni del catasto, del demanio, della motorizzazione, etc.);
  • utilizzo del Pos per le transazioni commerciali;
  • fatturazione elettronica;
  • split payment;
  • reverse charge. 

Ma, a quanto pare, non basta.

fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Nessun commento

I commenti sono chiusi.