Auto: tonfo delle immatricolazioni, a settembre -25,37%
News / 2 ottobre 2018

Crollo delle immatricolazioni auto a settembre. La Motorizzazione ha immatricolato 124.976 autovetture, con una variazione di -25,37% rispetto a settembre 2017, quando ne furono immatricolate 167.469 (nel mese di agosto 2018 sono state invece immatricolate 91.707 autovetture, con una variazione di +9,65% rispetto ad agosto 2017, durante il quale ne furono immatricolate 83.638). Lo rende noto il Mit.  Fa ancora peggio Fca, che cede il 40,33% rispetto a settembre 2017 e vede calare anche la sua quota di mercato al 22,5% dal 28,16%. Nei primi nove mesi del 2018 Fca ha venduto 398.015 vetture (-10,56%).  Commentando i dati, il Centro Studi Promotor ha sostenuto che non si è in presenza di una vera caduta del mercato. L’andamento dell’estate 2018 – spiega una nota – è dovuto all’esigenza delle case automobilistiche di smaltire entro agosto le giacenze di vetture non omologate Euro 6C o Euro 6D temp anche in relazione all’introduzione, sempre dal 1 settembre, della norma WLTP. Questa esigenza ha spinto molte case a forzare le vendite con sconti e promozioni per smaltire tutte le auto che non avrebbero potuto essere immatricolate dal primo settembre (salvo una piccola quota “in deroga” fino ad agosto 2019)”.  fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Dombrovskis sulla Manovra italiana: aspettiamo, per ora sembra fuori dalle regole
News / 2 ottobre 2018

La Commissione europea aspetta che il governo italiano invii il testo della manovra prima di esprimere un giudizio, ma al momento “il piano di bilancio italiano non sembra rispettare le regole”. Lo dice il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis arrivando all’Eurogruppo. Di analogo tenere le dichiarazioni del commissario europeo all’Economia, Pierre Moscovici: “A prima vista c’è una deviazione significativa”. Cauto il presidente dell’Eurogruppo, Mario Centeno: “Aspettiamo risposte ma la bozza di bilancio non è ancora stata presentata e la procedura è lunga. I negoziati a Roma sono in corso, aspettiamo”.  fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Manovra, Tria: rapporto debito/Pil scenderà nel 2019
News / 2 ottobre 2018

A Lussemburgo per l’Eurogruppo, il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, rassicura sulla manovra: “Il rapporto debito/Pil scenderànel 2019”, afferma il ministro rispondendo alle domande dei giornalisti. fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Manovra: Ue, domani su tavolo Collegio Commissari
News / 2 ottobre 2018

Il collegio dei commissari che si riunirà domani a Strasburgo discuterà anche dei conti italiani. Lo dice il portavoce della Commissione, Margaritis Schinas precisando che la riunione dei commissari “discuterà gli attuali sviluppi economici e politici in vista del semestre europeo”. Durante il briefing con la stampa a Bruxelles, Schinas, alla domanda se la legge di bilancio del governo italiano rientri nell’agenda del collegio dei commissari ha detto che “Qualsiasi cosa sia al centro delle questioni economiche e politiche attuali rischia di cadere in questa categoria”. Tra oggi e domani, a margine della riunione dell’Eurogruppo e dell Ecofin a Lussemburgo, il ministro dall’economia, Giovanni Tria, incontrerà il commissario agli Affari Economici e Finanziari Pierre Moscovici e il vicepresidente della Conmissione, Valdis Dombrovskis .  fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Lavoro: Istat, tasso disoccupazione 9,7%, ai minimi; record occupazione al 59%
News / 2 ottobre 2018

Il tasso di disoccupazione scende al 9,7% (-0,4 punti percentuali su base mensile) ad agosto. Lo comunica l’Istat, sottolineando che  il calo è di 1,6 punti rispetto a un anno prima. Si tratta del livello più basso da gennaio 2012. Aumenta invece lievemente il tasso di disoccupazione giovanile che si attesta al 31,0% (+0,2 punti). Torna a crescere (+0,3% su base mensile, pari a +69 mila unità) il tasso d’occupazione che raggiunge il 59,0%, nuovo record dall’inizio delle serie storiche nel 1977. L’aumento congiunturale dell’occupazione, spiega l’istituto, riguarda donne e uomini e si distribuisce tra le persone maggiori di 25 anni. Nell’ultimo mese si stima una crescita dei dipendenti: i permanenti recuperano parzialmente il calo dei due mesi precedenti (+50 mila), quelli a termine continuano a crescere (+45 mila), mentre calano gli indipendenti (-26 mila). Per il secondo mese consecutivo, la stima delle persone in cerca di occupazione è in forte diminuzione (-4,5%, pari a -119 mila unità). Il calo della disoccupazione si distribuisce su entrambe le componenti di genere e tutte le classi di età. Su base annua, ad agosto l’occupazione cresce dell’1,4%, pari a +312 mila unità.  fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Ryanair rivede al ribasso gli utili del 2018: “Colpa degli scioperi”
News / 2 ottobre 2018

Ryanair ha rivisto in ribasso del 12% la sua stima di utili a fine anno. In una nota, la compagnia aerea ha ridotto la forchetta da 1,25-1,35 miliardi di euro 1 1,10-1,20 miliardi di euro. A incidere negativamente sui conti, spiega l’aviolinea in una nota, sono stati soprattutto i due giorni di scioperi coordinati in Germania, Olanda, Belgio, Spagna e Portogallo di fine settembre. “Mentre siamo riusciti a gestire con successo 5 scioperi del 25% dei nostri piloti irlandesi questa estate”, osserva l’ad Michael O’Leary, “due recenti scioperi coordinati in cinque Paesi europei del personale navigante hanno colpito numerosi passeggeri, prenotazioni e margini. Scusandoci per questi disagi, siamo comunque riusciti a operare il 90% dei nostri voli previsti. Tuttavia, la fiducia dei clienti, le prenotazioni anticipare e le tariffe per il terzo trimestre sono state colpite, in particolare per le festivita’ scolastiche di ottobre e quelle natalizie, in quei 5 Paesi dove questi inutili scioperi si sono ripetuti”.  fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Borse europee: miste e poco mosse in apertura, Milano positiva
News / 2 ottobre 2018

Avvio misto e poco mosso per le Borse europee. Sui mercati pesa il nuovo accordo tra Usa e Canada per rinnovare il Nafta. Nel mirino anche l’Italia e la sua legge di bilancio. Londra perde lo 0,4% a 7,480 punti. A Milano l’indice Ftse Mib ha aperto a -0,16% per passare subito dopo in positivo a +0,34%. Parigi sale dello 0,03% a 5.494 punti e Francoforte cresce dello 0,16% a 12.265 punti. fonte: http://www.agi.it/economia/rss