A2A: bocciata dal Governo la conversione di San Filippo Mela
Finanza/Economia / 9 ottobre 2018

Secondo gli analisti sarà ora importante verificare come verrà riconvertita la centrale o se si opterà per la sua chiusura e quali saranno i relativi costi. Dopo aver chiuso la sessione di venerdì scorso con un rialzo di circa tre quarti di punto, A2A è tornato a perdere terreno oggi, condizionato dalla negativa intonazione del mercato. Il titolo si è fermato a 1,4885 euro, con un ribasso dell’1,49% e circa 8 milioni di azioni scambiate, contro la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 7,2 milioni di pezzi. A2A oggi è finito sotto la lente del mercato dopo che il Governo ha bocciato il progetto di riconversione in un WTE dell’impianto di San Filippo Mela in Sicilia. L’impianto è attualmente considerato essenziale per il sistema elettrico, ed ha 6 unità di cui 2 dismesse e 4 ad olio combustibile. Il progetto prevedeva la riconversione di 2 unità in un WTE con l’obiettivo di riconvertire la centrale per il trattamento dei rifiuti, al fine di diminuire le emissioni. Gli analisti di Equita SIM ricordano che il progetto non era inserito nel piano 2018-22 di A2A, ma sarà ora importante verificare come verrà riconvertita la centrale o se si opterà…

Luxottica tiene meglio degli altri. Kepler lo vede a 60 euro
Finanza/Economia / 9 ottobre 2018

Il titolo ha terminato gli scambi sui minimi intraday, mostrando però una maggiore forza relative del mercato, grazie allo zampino di alcuni analisti. Anche la seduta odierna si è conclusa in calo per Luxottica che, dopo tre sessioni consecutive in calo e dopo aver archiviato quella di venerdì scorso con una flessione di quasi l’1,5%, ha provato a più riprese a recuperare terreno oggi, fallendo però nel suo intento. Il titolo si è infatti progressivamente indebolito nel pomeriggio, terminando gli scambi sui minimi intraday, ma mostrando una maggiore forza relativa rispetto alle altre blue chips e all’indice di riferimento. Luxottica si è fermato a 56,14 euro, con un ribasso dello 0,74% e quasi 500mila azioni scambiate, poco oltre la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 450mila pezzi. Il titolo è stato in qualche modo aiutato oggi dalle indicazioni positive di Kepler Cheuvreux, i cui analisti hanno ribadito la raccomandazione “buy”, con un prezzo obiettivo a 60 euro, in in attesa dei dati sui ricavi del terzo trimestre che saranno diffusi il prossimo 22 ottobre. fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Piazza Affari scende sui minimi da aprile 2017, UE critica su NaDef. FTSE MIB -2,43%
Finanza/Economia / 9 ottobre 2018

Piazza Affari scende sui minimi da aprile 2017, UE critica su NaDef. *Piazza Affari scende sui minimi da aprile 2017, UE critica su NaDef. FTSE MIB -2,43%. Mercati azionari europei negativi. Wall Street in ribasso: *a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -0,3%, Nasdaq Composite -0,8%, Dow Jones Industrial -0,3%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a -2,43%, il FTSE Italia All-Share a -2,47%, il FTSE Italia Mid Cap a -2,68%, il FTSE Italia STAR a -3,01%. Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, l’indice Sentix, che misura la fiducia degli investitori in merito alle aspettative economiche dell’eurozona nel mese corrente, è sceso a 11,4 punti dai 12 precedenti. In Germania l’ufficio di statistica Destatis ha indicato per la produzione industriale una variazione negativa dello 0,3% ad agosto rispetto al mese precedente. Il dato è risultato inferiore alle attese degli analisti che avevano stimato un incremento pari allo 0,4%. A luglio la produzione industriale era scesa dell’1,3%, rivista al ribasso da -1,1%. Su base annua la produzione industriale e’ scesa dello 0,1% (come da attese) contro il -1,5% di luglio (rivisto da -1,1%). Seduta molto difficile per i BTP. Il rendimento del decennale termina al 3,57%,…

Potenziale doppio minimo per l’euro dollaro
Finanza/Economia / 9 ottobre 2018

Potenziale doppio minimo per l’euro dollaro. Potenziale doppio minimo per l’euro dollaro. L’euro dollarotocca in area 1,1460 i minimi di settimana scorsa collocati sugli stessilivelli e tenta un timido rimbalzo. Una prima resistenza si colloca a 1,15,solo oltre 1,1550 tuttavia il potenziale doppio minimo verrebbe confermato.Target in quel caso a 1,1650. Sotto 1,1450/60 le oscillazioni disegnate nelleultime sedute si dimostrerebbero un “rettangolo”, figura dicontinuazione della tendenza ribassista vista dal top del 23 settembre chepotrebbe proseguire con primo target a 1,1350. (AM – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Euro in difficoltà contro dollaro, toccato il minimo dal 20 agosto
Finanza/Economia / 9 ottobre 2018

Euro in difficoltà contro dollaro. Euro in difficoltà contro dollaro. La moneta unica ha toccato poco fa il minimo dal 20 agosto a 1,1460. Al momento EUR/USD segna 1,1476. L’indebolimento dell’euro è da attribuire alle tensioni all’interno dell’eurozona causate dalle prospettive di deterioramento dei conti pubblici dell’Italia dopo la Nota di aggiornamento al Def. Sullo sfondo ricordiamo anche le parole del presidente della Fed, Jerome Powell, della scorsa settimana: i tassi di interesse USA potrebbero salire anche oltre l’area neutra. (Simone Ferradini – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Banca del Fucino: salta la trattativa con Barents, in vista l’ingresso di nuovi investitori istituzionali
News / 9 ottobre 2018

Dopo la chiusura definitiva della trattativa con Barents Re, Banca del Fucino si è avviata verso la valutazione dei termini per l’ingresso nel capitale di nuovi investitori istituzionali che ad oggi è in fase avanzata. Lo afferma in un comunicato la Banca stessa in cui specifica che è assistita dall’advisor Rothschild e anche che è in corso di definizione con un altro soggetto l’operazione di deconsolidamento integrale del proprio portafoglio crediti deteriorati (NPE). “Sono certo di poter costruire anche in futuro un percorso di sviluppo importante per la Banca fondata dalla mia famiglia. Questo grazie al contributo essenziale che l’intera organizzazione di Banca del Fucino ha sempre dimostrato e saputo dare, in particolare negli ultimi mesi. Il lavoro svolto sino ad oggi sarà alla base del progetto di ulteriore crescita che ci stiamo avviando ad intraprendere”, ha dichiarato Alessandro Poma Murialdo, presidente di Banca del Fucino. Come si legge nel comunicato, in tale contesto gli attuali azionisti supporteranno ancora la Banca nel suo percorso di crescita per garantire lo storico rapporto fiduciario con la clientela nelle aree dove l’istituto opera. L’articolo Banca del Fucino: salta la trattativa con Barents, in vista l’ingresso di nuovi investitori istituzionali sembra essere il primo…

Target 2, “unione politica costerà 900 miliardi a Italia e Spagna”
News / 9 ottobre 2018

Del sistema di compensazione interbancaria Target2 WallStreetItalia si è occupata in molte occasioni. Esso, in breve, esprime le posizioni di credito e debito di un Paese, nei confronti dell’Eurosistema. Esso si esprime al livello delle banche centrali nazionali, le quali possono avere un credito o un debito nei confronti della Bce, come conseguenza delle transazioni all’interno dell’Eurozona. Il nodo cruciale è che la Banca d’Italia risulta la prima debitrice nel sistema Target2, con 442 miliardi di euro, mentre la Bundesbank è il primo creditore, con 923 miliardi. Ciò riflette, in parte, la forza esportatrice della Germania. Anche se la questione è ancora aperta fra gli economisti, prevale l’idea che i saldi Target2 rappresentino ben più che grandezze astratte, ma veri e propri rapporti di debito e credito. Se un Paese uscisse dall’euro, aveva dichiarato il presidente della Bce Mario Draghi in risposta a un’interrogazione, sarebbe tenuto a pareggiare il suo conto con l’Eurosistema. Per l’Italia ciò comporterebbe un prezzo da pagare, ma per la Germania – lo dimostra l’attività di alcuni economisti che propugna questa opzione – potrebbe rivelarsi un affare assai redditizio.   In questo dibattito è intervenuto, uno dei maggiori esperti di Target2 il professor David Blake della City…

Il Private di Banca MPS punta sull’accoppiata tecnologia e competenza per eccellere
News / 9 ottobre 2018

“Una formazione di elevato standing consente ai nostri banker di migliorare le loro competenze integrandole con l’utilizzo di una tecnologia evoluta, che accelera i processi di risposta, siamo in grado di individuare rapidamente le esigenze del cliente private e proporre soluzioni personalizzate attraverso una consulenza integrata. Nel momento attuale il binomio tra tecnologia e competenza è l’elemento fondamentale per differenziarsi ed essere competitivi sul mercato”. Così Federico Vitto, responsabile della Direzione Wealth Management di Banca Mps sintetizza i risultati dell’edizione 2018 del meeting annuale del private banking di Banca Monte dei Paschi di Siena che ha riunito a Roma oltre 400 banker da tutta Italia sotto il claim “Competenze per Competere: Guidiamo la nostra crescita”. Un’attività di private banking che può contare su 86 sedi Private e su 7 sedi Family Office. La rete dedicata conta oltre 400 private banker, con una soglia di accesso per la clientela a 500.000 euro per quanto riguarda il private banking e a 5 milioni di euro per il family office. La due giorni di lavoro è stata l’occasione per Banca Mps di costruire un percorso formativo identitario nell’ambito del quale i banker hanno potuto mettersi alla prova sviluppando le proprie competenze e le…

Ex banchiere UBS: “Sistema banche Svizzera è demonio”
News / 9 ottobre 2018

“Il sistema bancario svizzero è il diavolo” secondo un ex banchiere americano di UBS. Bradley Birkenfeld ha usato queste parole al vetriolo durante un’intervista in cui ha raccontato di come è andata la sua testimonianza che ha permesso alla giustizia americana di sanzionare la prima banca della Svizzera. “Ero il banchiere di Lucifero e sono l’unico a essere finito in cella per questa storia“, ha dichiarato il 53enne in un’intervista concessa all’agenzia Afp. Da giovedì l’ex banchiere si trova a Parigi per promuovere il suo libro edito in Italia da RAI-ERI (“Il banchiere di Lucifero. Come ho distrutto il segreto bancario svizzero”). Le sue dichiarazioni e il tour pubblicitario del testo da lui firmato non potevano arrivare in un momento più ideale: lunedì 8 ottobre è infatti la data dell’inizio del processo contro il gruppo UBS a Parigi. Nel banco degli imputati siederanno i responsabile della filiale francese della banca e alcuni singoli ex dipendenti. L’accusa è di riciclaggio e frode fiscale. La banca è già stata costretta a versare una cauzione di 1,1 miliardi di euro. Il leader mondiale della gestione patrimoniale, guidato dall’AD Sergio Ermotti, è sospettato di aver incitato ricchi clienti francesi a investire e custodire i…

FTSE MIB, analisi nel medio e nel lungo periodo
News / 9 ottobre 2018

Analisi lungo periodo FTSE MIB L’immagine del nostro futures italiano sul Battleplan Biennale si mostra con un nono ciclo Interemestrale che sembra poter chiudere il Biennale in corso. Questa situazione può capitare in quanto un ciclo come spesso spiego può dilatarsi di un + o – 20% perciò chi fa le analisi cicliche deve tenere in considerazione questo parametro. Anche se questo evento possa spaventare il rialzo del nono ciclo Intermestrale ha generato un pull-back sulla media mobile Annuale senza romperla di conseguenza tale rialzo non avrebbe mai potuto farci pensare ad una ripartenza, la quale è sempre accompagnata da una rottura della media mobile ciclica relativa. Partecipa al nostro percorso formativo gratuito con una strategia in regalo, applicabile fin da subito. CLICCA QUI PER ACCEDERE: https://goo.gl/TB3j3V In questa immagine vediamo anche che l’indicatore di ciclo Biennale è in fase di ribasso e non sembra che debba esserci una ripartenza a breve. Medio periodo FTSE MIB Dall’immagine in figura vediamo che ci stiamo avvicinando al ….OMISSIS…. Approfitta del nuovo percorso formativo GRATUITO formato da una serie di video che ti spigheranno come poter imparare una strategia che potrai applicare subito dopo. CICCA QUI PER ACCEDERE : https://goo.gl/TB3j3V DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione,…