Enel rimbalza: possibile dividendo minimo dal prossimo piano?
Finanza/Economia / 10 ottobre 2018

Il colosso elettrico ha attualmente tra i più elevati yield di mercato, tenendo presente che quello sul dividendo 2018 è del 6,5%. Il rimbalzo messo a segno oggi da Piazza Affari è stato sfruttato anche da Enel che è riuscito a frenare la sua discesa. Il titolo, dopo aver archiviato tre sessioni consecutive in calo, oggi ha terminato gli scambi in salita, fermandosi a 4,409 euro, con un rialzo dello 0,73% e quasi 37 milioni di azioni transitate sul mercato, al di sopra della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 28 milioni di pezzi. Milano Finanza oggi ha pubblicato un articolo sulla possibile reintroduzione di un dividendo minimo da parte di Enel anche per i prossimi anni in sede di presentazione del piano strategico, atteso a novembre. Per gli analisti di Equita SIM si tratta di indicazioni positive, ma le stesse non sono una novità, visto che Enel ha ventilato l’ipotesi durante le presentazioni all’evento di Borsa Italiana. Il colosso elettrico ha attualmente tra i più elevati yield di mercato, tenendo presente che quello sul dividendo 2018 è del 6,5%. Il rendimento sale poi sulla guidance di payout al 7m6% al 2019 e all’8% al 2020: per…

Piazza Affari riemerge dal minimo da aprile 2017 grazie al rimbalzo di bancari e BTP. FTSE MIB +1,06%
Finanza/Economia / 10 ottobre 2018

Piazza Affari riemerge dal minimo da aprile 2017 grazie al rimbalzo di bancari e BTP. Piazza Affari riemerge dal minimo da aprile 2017 grazie al rimbalzo di bancari e BTP. FTSE MIB +1,06%. Mercati azionari europei positivi. Wall Street in verde: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,2%, Nasdaq Composite +0,6%, Dow Jones Industrial invariato. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +1,06%, il FTSE Italia All-Share a +0,85%, il FTSE Italia Mid Cap a -0,53%, il FTSE Italia STAR a -0,92%. Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, in Germania il surplus della bilancia commerciale ad agosto 2018 e si e’ attestato a 17,2 miliardi di euro. In termini destagionalizzati, il saldo della bilancia commerciale estera è in avanzo di 18,3 miliardi di euro. L’Ufficio Federale di Statistica (Destatis) ha inoltre riportato che le esportazioni sono cresciute del 2% rispetto a un anno fa mentre le importazioni sono cresciute del 6,2% nello stesso periodo. Rispetto a luglio le esportazioni sono diminuite dello 0,1% e le importazioni del 2,7%. Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha tagliato la stima di crescita del PIL globale dal 3,9% al 3,7% sia per quest’anno che per il prossimo. Rivista…

Reazione in extremis per il Dax, ma ancora non basta
Finanza/Economia / 10 ottobre 2018

Reazione in extremis per il Dax, ma ancora non basta. Reazione in extremis per il Dax, ma ancora non basta. Il Dax e’ sceso con i minimi intraday di martedi’ a 11803 punti circa al di sotto della trend line che congiunge i minimi di marzo e di settembre, passante a 11880, ma anche al di sotto degli stessi minimi di settembre a 11865 punti, riuscendo poi a mettere a segno un rimbalzo che lo ha avvicinato nuovamente ad area 12000. La reazione ha sicuramente avuto il merito di interrompere la spirale ribassista delle ultime sedute (i massimi del 27 settembre si collocano a 12457 punti circa) ma non ha per il momento avuto la forza di superare resistenze tali da poter dichiarare lo scampato pericolo per l’indice. Solo oltre area 12100, lato alto del gap ribassista dell’8 ottobre, sarebbe possibile iniziare a sperare in un proseguimento del rialzo che in caso contrario rischia di dimostrarsi effimero. Oltre area 12100 invece i prezzi potrebbero tentare di mettere alla prova a 12380 la trend line ribassista che scende dal top di giugno, praticamente coincidente con la media mobile esponenziale a 100 giorni. La mancata rottura di ara 12100 e la violazione…

Fed, Evans: crescita costante nel breve termine
Finanza/Economia / 10 ottobre 2018

L’economia americana è cresciuta costantemente per tutto il 2017 e 2018. L’economia americana è cresciuta costantemente per tutto il 2017 e 2018. A dirlo è il capo della Federal Reserve di Chicago, Charles Evans, noto per la sua posizione da “colomba”, ma in ogni caso favorevole a un ulteriore rialzo dei tassi di interesse a dicembre. (CC – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Cofidis Italia acquisisce la società Libra Finanziaria
Finanza/Economia / 10 ottobre 2018

Cofidis Italia comunica di aver sottoscritto un contratto d’acquisto del 100% delle quote di Libra Finanziaria Srl, società specializzata nella Cessione del Quinto iscritta all’Albo Unico ex art. Cofidis Italia comunica di aver sottoscritto un contratto d’acquisto del 100% delle quote di Libra Finanziaria Srl, società specializzata nella Cessione del Quinto iscritta all’Albo Unico ex art. 106 TUB. Attraverso questa acquisizione Cofidis Italia entra nel settore dei Prestiti con trattenuta su stipendio e pensione, ampliando la sua offerta di soluzioni di credito destinate ai consumatori. Libra Finanziaria, società giovane ma con esperienze pluriennali nel mercato della Cessione del Quinto, apporterà a Cofidis, oltre alle competenze specifiche di business, anche la propria rete di uffici commerciali e agenti. Alessandro Borzacca, direttore generale di Cofidis Italia, dichiara che “questa operazione permetterà a Libra Finanziaria ed ai collaboratori della stessa, di entrare a far parte di un gruppo europeo specialista del credito al consumo, controllato da Crédit Mutuel, uno dei gruppi bancari più solidi dell’area Euro con quasi 41 Miliardi di Euro di capitale ed un CET1 ratio al 16,5%*” E continua affermando che: “questa acquisizione conferma ancora una volta la forte volontà del gruppo di investire in Italia e segna un ulteriore…

La Cina strizza l’occhio alla blockchain, ma è una minaccia per il bitcoin
News / 10 ottobre 2018

A cura di Matteo Oddi Il governo di Pechino continua ad avere un rapporto di amore e odio con l’industria che ruota intorno alle criptovalute e alla blockchain, alternando divieti contro le pratiche speculative (ICO ed exchange in primis) e forti investimenti nella tecnologia del registro distribuito. “Le contraddizioni interne del capitalismo cinese mettono alla prova l’assioma alla base dei cosiddetti massimalisti di Bitcoin, che vedono la blockchain in un rapporto di sudditanza rispetto all’esistenza e alla ragion d’essere del BTC”, dice in una mail Anatoliy Kyazev di Exante. Per esempio, di recente la provincia cinese di Hainan ha autorizzato ufficialmente il progetto pilota della prima “zona blockchain” del paese. A riferirlo è l’agenzia di stampa governativa Xinhua. L’esperimento ha luogo presso la Hainan Resort Software Community (RSC), uno spazio dedicato ai progetti tecnologici. L’obiettivo dichiarato è creare un’infrastruttura specifica per lo sviluppo e l’implementazione della tecnologia alla base delle criptovalute, nella speranza di riunire sotto lo stesso tetto i migliori specialisti nel campo blockchain da tutto il mondo. Ma le iniziative legate allo sviluppo dell’industria blockchain in Cina non finiscono qui. Il Dragone è infatti uno dei 50 paesi che attualmente stanno studiando l’elaborazione di standard comuni in questo…

Reddito di cittadinanza, dalle promesse alla realtà
News / 10 ottobre 2018

Dalla “moralità” delle spese, alla mancata possibilità di risparmio, sono molti i dettagli inattesi rispetto al reddito di cittadinanza che era stato prefigurato nel Contratto di governo fra Lega e Cinque stelle. Questa misura nasce per introdurre in Italia una sorta di reddito minimo garantito e, allo stesso tempo, condizionato alla ricerca attiva del lavoro. Misure analoghe esistono in tutti i Paesi comunitari, Grecia e Italia. Stando agli annunci, però, il reddito di cittadinanza si presenterebbe vincoli quantomeno originali. Il reddito di cittadinanza nel Contratto di governo Il primo aspetto che veniva chiarito nel programma sottoscritto da Lega e M5s riguardava la dotazione del reddito di cittadinanza: “L’ammontare è fissato in 780,00 Euro mensili per persona singola, parametrato sulla base della scala Ocse per nuclei familiari più numerosi”, si legge nel contratto, “al fine di consentire il reinserimento del cittadino nel mondo del lavoro, l’erogazione del reddito di cittadinanza presuppone un impegno attivo del beneficiario che dovrà aderire alle offerte di lavoro provenienti dai centri dell’impiego (massimo tre proposte nell’arco temporale di due anni), con decadenza dal beneficio in caso di rifiuto allo svolgimento dell’attività lavorativa richiesta”. Per il decisivo rafforzamento dei centri dell’impiego venivano previsti investimenti per 2 miliardi…

Corte dei Conti: stime Pil ottimiste. Nordea: “Taglio rating inevitabile”
News / 10 ottobre 2018

“Il quadro macroeconomico programmatico appare ottimistico alla luce delle attuali tendenze del ciclo economico internazionale”, specie per le previsioni sul Pil oltre il 2019. Lo ha sottolineato il presidente della Corte dei Conti, Angelo Buscema, intervenuto in Parlamento per commentare la legge di bilancio e in particolare le stime sull’andamento del Pil 2019 (+1,5%), 2020 (+1,6%) e 2021 (+1,4%). “Se l’effetto sulla crescita economica del maggior deficit ipotizzato nella nota appare in linea con le stime degli anni passati”, rileva sempre la Corte, “desta perplessità che l’effetto della politica di bilancio in termini di maggiore crescita del Pil permanga dopo il 2019“. I contenuti nella nota di aggiornamento del Def preoccupano anche per la parte relativa al debito pubblico, con la traiettoria disegnata nel quadro programmatico della Nota che “non appare rassicurante”, ha aggiunto Buscema nel corso della sua audizione in aula. “Non appare superfluo ribadire che il rapporto debito/Pil è un indicatore cruciale” ha aggiunto “Se è discutibile il ruolo che l’indebitamento può giocare nel breve termine, vi è consenso nel ritenere che nel lungo periodo la crescita del debito danneggia l’economia, mina la fiducia di famiglie e imprese e riduce gli investimenti, stante il permanente rischio di instabilità…

Rischio Spread, cosa includere in un portafoglio difensivo
News / 10 ottobre 2018

Avendo di fronte le incertezze del futuro andamento dello spread e il possibile rallentamento della crescita globale non pochi risparmiatori si chiedono a quali porti sicuri rivolgersi. Come anticipato nelle scorse settimane, i futuri Conti individuali di risparmio, a patto di non avere la pretesa di parcheggiare grosse cifre, sarebbero un’opportunità da considerare. Il tetto massimo è di 3mila euro per persona, secondo quanto anticipato dal leghista Armando Siri, e l’intero investimento sarebbe deducibile dal reddito imponibile. Si tratterà, in breve, di un modo  che si preannuncia conveniente per fare propria una fetta dei titoli di stato italiani. Sul fronte dei titoli di stato esteri la sicurezza è tradizionalmente ricercata nei titoli emessi dai Paesi del Nord Europa, benché al momento il loro rendimento reale risulti negativo. Più redditizi i Treasuries americani, che stanno incorporando gli effetti della stretta monetaria della Federal Reserve. Se si intende acquistare titoli in valuta estera è meglio puntare sulle monete per le quali si prevede con maggiore probabilità una rivalutazione sull’euro: in primis lo yen, ma anche il dollaro. Per il momento, invece, appare più rischiosa l’esposizione alla sterlina, su cui gravano le incertezze sull’esito della Brexit. Un’esposizione azionaria, da affiancare magari a una…

Auto elettriche: la gamma Tesla
News / 10 ottobre 2018

Sarà per il vulcanico fondatore Elon Musk (per qualche anno non presidente, bensì “soltanto” AD per decisione della Sec Usa), sarà per via del fascino delle vetture ultra moderne e ad alimentazione elettrica, di sicuro cʼè sempre molta curiosità attorno alla Tesla Motors. Ora ancora di più in Europa, visto che si avvicina il fatidico sbarco in Europa della versione “budget” Model 3, uno dei quattro modelli della gamma Tesla insieme a Model S, Model x e Roadster. Qui sotto è riportato l’elenco del parco vetture del gruppo californiano giunto al 15esimo anno di vita. Model 3 di Tesla È il modello più mass-market della gamma della casa automobilistica fondata nel 2003. È la berlina più piccola della gamma, anche se lunga quasi 4,7 metri, e soprattutto accessibile, visto che negli States i prezzi partono da 35.000 dollari (in Europa si parla però di 50.000 euro). Model 3 è però anche la vettura tecnologicamente più avanzata di Tesla, quella con la miglior ingegnerizzazione del sistema di propulsione elettrica e la qualità più elevata. L’organismo per la sicurezza americano NHTSA le ha attribuito il massimo rating per la sicurezza (le nostre 5 stelle) e lʼha definita la miglior auto mai testata sul fronte della sicurezza. Tra le dotazioni spicca il tetto in vetro…