Piazza Affari brillante, mercati ottimisti su manovra. FTSE MIB +2,23%

17 ottobre 2018

Piazza Affari brillante, mercati ottimisti su manovra.

Piazza Affari brillante, mercati ottimisti su manovra. FTSE MIB +2,23%.

Mercati azionari europei positivi. Wall Street in netto rialzo: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +1,4%, Nasdaq Composite +1,8%, Dow Jones Industrial +1,4%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +2,23%, il FTSE Italia All-Share a +2,25%, il FTSE Italia Mid Cap a +2,49%, il FTSE Italia STAR a +2,65%. Piazza Affari in ottima forma dopo che il governo ha approvato ieri sera la legge di Bilancio 2019, il decreto legge fiscale, e inviato il Documento programmatico di bilancio (Dpb) alla Commissione Europea. Quest’ultima ha due settimane per valutarlo ed eventualmente respingerlo. Il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha mostrato ottimismo sulle possibilità che il negoziato con la Commissione abbia esito positivo. Reuters riferisce che il Dpb prevede 33,5 miliardi di euro tra minori entrate e maggiori spese, con 11,7 miliardi di coperture, contro i 37 miliardi di spesa aggiuntiva e 15 di coperture della manovra illustrata da Tria in Parlamento (quindi un budget più “leggero”). Buona anche la reazione del mercato obbligazionario con rendimento del BTP decennale in calo al 3,46% (-9 bp rispetto alla chiusura di ieri) e spread sul Bund a 297 bp (da 304).

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, negli USA a settembre la produzione industriale ha evidenziato una crescita dello 0,3% rispetto al mese precedente. Il dato ha battuto attese (+0,2%). Negli Stati Uniti e’ stato reso noto che l’Indice del Mercato Immobiliare NAHB (National Association of Home Builders) è salito nel mese di settembre a 68 punti, risultando pari al consensus. Negli USA l’indagine JOLTS (Job Openings and Labor Turnover Survey) segnala che le posizioni lavorative ricercate dai datori di lavoro ad agosto si sono attestate a 7,136 milioni, superiori ai 7,077 milioni di luglio (dato rivisto da 6,939 mln) e ai 6,945 milioni attesi dagli economisti. Eurostat ha comunicato che nel mese di agosto il surplus della Bilancia Commerciale dell’Eurozona (dato destagionalizzato) e’ risultato pari a 11,7 mld di euro, in calo dai 15,3 mld di agosto 2017. In Germania e’ stato reso noto che l’indice Zew, che misura la fiducia degli investitori istituzionali in merito alle aspettative sull’economia del paese tedesco, è in calo anche nel mese di ottobre. Il dato si è attestato a -24,7 punti dai -10,6 punti di settembre a fronte di attese degli analisti pari a -12,3 punti. Nel Regno Unito a settembre il numero di persone che hanno richiesto sussidi di disoccupazione e’ aumentato di 18.500 unita’ (le aspettative erano fissate su un incremento di 4.500 unità). Nel trimestre giugno-agosto l’Indice di retribuzione media con bonus è salito del 2,7%, risultando superiore alle attese e alla rilevazione precedente, entrambi pari al 2,6%. Lo stesso indice, calcolato escludendo i bonus, e’ cresciuto del 3,1% (consensus +2,9%) dal +2,9% della rilevazione precedente. In Italia l’Istat rende noto che nel mese di agosto il fatturato dell’industria è aumentato dell’1,2% m/m e del 3,2% a/a, mentre gli ordinativi registrano una crescita del 4,9% m/m e dello 0,9% a/a. L’Istat rende noto che nel mese di settembre 2018 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello 0,5% rispetto al mese precedente e aumenta dell’1,4% su base annua (era +1,6% ad agosto). La stima preliminare era +1,5%.

Ottime performance per i titoli italiani del settore auto: il FTSE Italia Automobili e Componentistica termina a +4,57% contro il +2,0% circa dell’EURO STOXX Automobiles & Parts. Ieri l’indice EURO STOXX Automobiles & Parts aveva guadagnato lo 0,5% circa mentre il FTSE Italia Automobili e Componentistica aveva chiuso la seduta a -0,63%. A Milano brillano Ferrari (+6,62%), FCA (+3,34%), Brembo (+3,80%), Pirelli&C (+3,00%).

*Forti acquisti sugli industriali *Leonardo (+4,90%), CNH Industrial (+3,39%), STMicroelectronics (+2,91%). In evidenza Prysmian (+8,19%) che accelera al rialzo nel pomeriggio dopo che Western Link ha annunciato che il collegamento sottomarino che collega Scozia e Galles è pronto per essere operativo. Il progetto Western Link è stato oggetto in passato di una serie di problemi (l’ultimo poco più di un mese fa) di tale rilevanza da indurre Prysmian a dei profit warning.

Enel (+3,36%) in progresso con il settore utility e il report di Citigroup: la raccomandazione sul titolo è stata migliorata a buy. Il titolo approfitta anche della decisione di preparare un aumento della propria partecipazione in Enel Americas per un massimo del 5% (attualmente ha il 51,8%) tramite la stipula di due contratti di share swap con un istituto finanziario. Enel finanzierà l’operazione con i flussi di cassa della gestione corrente. L’incremento della partecipazione di Enel in Enel Américas, si legge nel comunicato, risulta in linea con il Piano Strategico 2018- 2020 del gruppo, piano che “risulta focalizzato sulla riduzione della presenza delle partecipazioni di minoranza nelle società del Gruppo che operano in Sud America”.

La flessione dei rendimenti favorisce l’intero settore utility Italia con Snam (+3,12%), Italgas (+2,91%), Terna (+2,84%) in evidenza. L’indice FTSE Italia Servizi Pubblici termina a +3,19%, l’EURO STOXX Utilities a +2,1% circa. Secondo indiscrezioni la manovra varata ieri dal governo potrebbe contenere misure volte a favorire il repowering degli impianti a energie rinnovabili e altre sullo smaltimento dei rifiuti. Balzano in avanti soprattutto Falck Renewables (+5,47%) ed ERG (+5,20%), attiva nella produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili: è il primo operatore eolico in Italia e tra i principali europei.

*Nel settore lusso molto bene Salvatore Ferragamo (+6,80%) e Tod’s (+3,12% a 52,90 euro) *sebbene in arretramento rispetto ai massimi visti in avvio di seduta (54,20 euro). Il presidente e azionista di controllo Diego Della Valle ha smentito in modo inequivocabile l’ipotesi di vendita del gruppo. L’imprenditore marchigiano ha affermato che, qualora dovesse essere effettuata un’operazione, la farebbe da acquirente e non da venditore. Ieri si erano diffuse indiscrezioni e voci di mercato secondo cui Diego Della Valle ha avviato una riorganizzazione delle partecipazioni del gruppo: al termine del processo la quota di controllo di Tod’s (pari al 50,3%) dovrebbe ritrovarsi maggiormente isolata sotto la holding Di.Vi. (un altro 9,6% è detenuto da Diego Della Valle & C srl e uno 0,8% direttamente dall’imprenditore marchigiano). Per alcuni osservatori questa mossa potrebbe eventualmente essere interpretata come misura propedeutica alla vendita.

*In controtendenza Geox (-4,27% a 1,86 euro): *Kepler Cheuvreux ha confermato la raccomandazione hold ma ha tagliato il target da 2,30 a 1,90 euro.

Altra seduta positiva per Telecom Italia (+2,48%) dopo il +2,04% di ieri. L’a.d. Amos Genish ha dichiarato che a suo avviso il titolo è sottovalutato e di guardare con preoccupazione all’ipotesi di declassamento dell’Italia da parte delle agenzie di rating. Per quanto riguarda il Brasile invece, secondo il manager lo scenario dopo le elezioni è in via di normalizzazione.

Sale Atlantia (+2,73%): secondo il Sole 24 Ore F2i sta progettando il lancio di un fondo dedicato alle autostrade con ingresso in Autostrade per l’Italia. Si tratterebbe di un’ipotesi allo stato embrionale.

Balzo di Astaldi (+13,09%) in scia alle indiscrezioni del Messaggero secondo cui c’è stato un incontro tra gli advisor del gruppo di costruzioni e il d.g. di Salini Impregilo (+3,19%), Massimo Ferrari. Il quotidiano ipotizza un interesse di Salini per gli asset esteri di Astaldi. Pietro Salini, a.d di Salini Impregilo, ha bollato come “chiacchere giornalistiche” quanto riferito dal Messaggero.

Complessivamente positivi ma sottotono rispetto al resto del mercato i bancari con l’indice FTSE Italia Banche a +1,12%. La manovra 2019 prevede minori agevolazioni fiscali per banche e assicurazioni per circa 4,2 miliardi di euro.

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Nessun commento

I commenti sono chiusi.