Petrolio WTI sotto supporto rilevante
Finanza/Economia / 25 ottobre 2018

Petrolio WTI sotto supporto rilevante. Petrolio WTI sotto supporto rilevante. Il WTI e’ sceso martedi’ sotto il supporto dei 66,80 dollari, media mobile esponenziale a 200 giorni e linea di Gann 3×1 che scende dai massimi di agosto 2013. Settimana scorsa, il 18, c’era stata la violazione della linea 4×1 del ventaglio di Gann che parte dai minimi di giugno 2016. I dati delle scorte non sono incoraggianti: negli USA le scorte di petrolio settimanali (EIA) sono salite di 6,346 mln di barili, ben al di sopra della crescita attesa dagli analisti (3,694 mln). Secondo le stime riportate martedì sera dall’American Petroleum Institute (API), le scorte di greggio in USA sono salite di 9,88 milioni di barili nella settimana chiusa il 19 ottobre. Si tratterebbe della crescita più elevata dal febbraio 2017. Il rischio di proseguimento della discesa e’ ora elevato, sotto area 64/65 (minimi di giugno e agosto) non si individuano altri supporti prima di area 56 dollari, dove per altro si colloca anche il gap rialzista del 17 novembre 2017. Solo un recupero oltre area 70 negherebbe i recenti gravi segnali di debolezza. (AM – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Video: la situazione delle borse resta incerta
Finanza/Economia / 25 ottobre 2018

La situazione delle borse resta incerta, con il Dax che a causa del crollo di Bayer ha travolto importanti supporti. La situazione delle borse resta incerta, con il Dax che a causa del crollo di Bayer ha travolto importanti supporti. Sul mercato domestico, dopo lo studio del Ftse Mib, concentriamo l’attenzione su Gima, Ima, Eni, Telecom It., Stm (e Texas Instruments), titoli per i quali e’ stata richiesta una analisi dagli ascoltatori. (AM – www.ftaonline.com) fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Petrolio: scorte Usa in forte rialzo, ma il greggio rimbalza
Finanza/Economia / 25 ottobre 2018

Nell’ultima settimana le riserve di oro nero sono aumentate di oltre 6 mln di barili, più del previsto. Calo oltre le stime per benzina e distillati. Il Dipartimento dell’energia statunitense ha reso noto che nell’ultima settimana le scorte strategiche di petrolio sono aumentate di 6,34 milioni di barili, ben oltre le previsioni che parlavano di un rialzo di 3,69 milioni. Segno meno per le riserve di benzina che sono scese di 4,82 milioni di barili, mentre le stime erano per un calo più contenuto di 1,5 milioni. Gli stock di distillati hanno riportato una contrazione di 2,262 milioni di barili, a fronte dell’attesa di un ribasso di 1,4 milioni di barili. Dopo la diffusione del report il petrolio si conferma in recupero, passando di mano a 67,05 dollari, con un progresso dello 0,93%. fonte: http://www.trend-online.com/ansa/rss.xml

Future Bund, ultimo aggiornamento allo scenario intraday
Finanza/Economia / 25 ottobre 2018

Conserviamo l’esposizione short con stop in chiusura su grafico a 30 minuti superiore a 160.16. I prezzi sono tornati a contatto con la resistenza di quota 160.11/16, su cui poggia il segnale short attivo da ieri mattina con obiettivi a 159.60/62 e 159.30 (target principale). Conserviamo l’esposizione short con stop in chiusura su grafico a 30 minuti superiore a 160.16.  fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml

Future Bund, prezzi respinti finora dalla resistenza principale
Finanza/Economia / 25 ottobre 2018

I prezzi hanno toccato massimi a 160.16 prima di arretrare a 159.83. I prezzi hanno toccato massimi a 160.16 prima di arretrare a 159.83. Sulla tenuta della resistenza principale confermata a 160.11/16 poggia il segnale short attivo da ieri mattina, con obiettivi che dobbiamo però avvicinare a 159.60/62 e 159.30 (target principale). Conserviamo l’esposizione short con stop in chiusura su grafico a 30 minuti superiore a 160.16. fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml

Trading mordi e fuggi: Tenaris e Saipem
Finanza/Economia / 25 ottobre 2018

SAIPEM (SPM) invece oggi rimbalza per i dati del terzo trimestre che presentano ricavi superiori ai 2,025 miliardi di euro previsti (ricavi che comunque sono in calo rispetto lo stesso periodo del 2017). Trading long/short Azioni Ftse MIB, Trading System ShoTrading Azioni (operatività di breve-brevissimo periodo): ieri, 23/10, abbiamo preso profitto sul secondo short consecutivo del mese di ottobre effettuato su TENARIS (TEN): aperto il 19 ottobre e chiuso a target preimpostato in area 13,30-13,35 €. Oggi il titolo si avvicina ad area 13 € e attendiamo il nuovo completamento cilclico di brevissimo in modo da avere un altro segnale (probabilmente ci vorranno almeno 3-4 sedute). SAIPEM (SPM) invece oggi rimbalza per i dati del terzo trimestre che presentano ricavi  superiori ai 2,025 miliardi di euro previsti (ricavi che comunque sono in calo rispetto lo stesso periodo del 2017). Anche su questo titolo abbiamo effettuato due operazioni short questo mese, su livelli stretti da “mordi e fuggi” veloce. Qui però abbiamo ricavato poche briciole in quanto avevamo impostato stop progressivi a difesa estremamente stretti che in entrambi i casi ci facevano uscire prematuramente. Col rimbalzo odierno il titolo si avvicina al nuovo completamento del conteggio ciclico (parliamo sempre di movimenti…

L’oro e le sue incertezze
Finanza/Economia / 25 ottobre 2018

L’oro è la materia prima per eccellenza, il bene di rifugio adatto in qualsiasi momento o situazione. L’oro è la materia prima per eccellenza, il bene di rifugio adatto in qualsiasi momento o situazione. Se acquistato fisicamente ha un valore reale che ovviamente subisce variazioni, quindi può ingolosire tutte quelle persone in cerca di salva-capitali e speculatori. La speculazione sull’oro necessita di grandi capitali per poter trarre un buon profitto, infatti per rendere agibile a tutti tale speculazione, negli anni sono stati introdotti molteplici strumenti finanziari con cui operare tra cui le opzioni. Dopo attente analisi di mercato, abbiamo deciso di proporre una panoramica sul future dell’oro, ma con operatività svolta in opzioni (sono opzioni del future). Nel 2018 il prezzo del future si è alternato tra fasi di distribuzione a fasi di forte ribasso, dopo il minimo del 16 agosto 2018 e successiva fase di accumulo, il prezzo sembra intenzionato ad una buona partenza ed a invertire momentaneamente il trend. Questa è una situazione molto interessante da poter sfruttare con la nostra operatività, in quanto sui dei livelli adegui è opportuno provare degli ingressi impostati a ribasso per i due seguenti motivi: Dopo la forte discesa mostrata dal mercato,…

Future Bund, aggiornamento di metà mattina
Finanza/Economia / 25 ottobre 2018

Conserviamo l’esposizione short con stop in chiusura su grafico a 30 minuti superiore a 160.16. I prezzi hanno raggiunto un picco a 160.08, in avvicinamento alla resistenza principale di quota 160.11/16 su cui poggia il segnale short attivo da ieri mattina. Le aspettative sono di ripresa del ribasso fino a 159.35 e 159.20/22 (target principale). Conserviamo l’esposizione short con stop in chiusura su grafico a 30 minuti superiore a 160.16.  fonte: http://www.trend-online.com/al/rss.xml

Usa, pacchi bomba recapitati a Clinton, Soros e Obama
News / 25 ottobre 2018

Nel corso delle ultime ore si sono succeduti, uno dopo l’altro, una serie di ritrovamenti di pacchi-bomba recapitati presso gli indirizzi di illustri uomini politici statunitensi, fra cui due ex presidenti. Un ulteriore imballo sarebbe stato indirizzato, inoltre, alla Casa Bianca; la voce, però, è stata successivamente smentita da alcuni media americani.   Fra ieri e oggi gli ordigni sono stati rinvenuti presso le abitazioni del finanziere George Soros (non distante da New York), presso la casa dei coniugi Bill e Hillary Clinton (nello stato di New York, presso la cittadina di Chappagua) e quella di Barack Obama (intercettato a Washington dal Secret Service). La mano dietro a questi ultimi tre ordigni sarebbe la stessa, secondo quanto affermato dalla stessa agenzia responsabile della sicurezza dei presidenti e degli ex presidenti Usa. Il congegno, comune a tutti i pacchi-bomba fin qui rinvenuti, sarebbe composto da un tubo riempito di polvere esplosiva.   Ultimo in ordine di tempo è l’allarme bomba irrotto in diretta negli studi della Cnn, nel palazzo della Time Warner a New York City. Le sirene sono scattate mentre i giornalisti dell’emittente stavano discutendo in diretta degli ordigni recapitati ai Clinton e a Soros (video in basso). L’edificio è stato prontamente…

Obsolescenza programmata, multa milionaria per Apple e Samsung
News / 25 ottobre 2018

L’autorità Antitrust ha richiesto il pagamento di 10 milioni di euro di multa per Apple e di 5 milioni per Samsung, ree di aver agito con pratiche di obsolescenza programmata in grado di compromettere le funzionalità dei device. Nel dettaglio, sono gli aggiornamenti del sistema operativo a costituire lo strumento tramite il quale le due società, di fatto, inducevano un invecchiamento precoce per i loro dispositivi. Le sanzioni, ha fatto sapere l’Antitrust, sono quelle massime, “tenuto conto della gravità delle condotte e della dimensione dei professionisti”. Secondo il comunicato dell’Agcm, è stato “accertato” che le società del “gruppo Apple e del gruppo Samsung hanno realizzato pratiche commerciali scorrette in relazione al rilascio di alcuni aggiornamenti del firmware dei cellulari che hanno provocato gravi disfunzioni e ridotto in modo significativo le prestazioni, in tal modo accelerando il processo di sostituzione degli stessi”. Apple e Samsung avrebbero indotto i consumatori a effettuare download degli aggiornamenti “anche su dispositivi non in grado di supportarli adeguatamente, senza fornire adeguate informazioni, né alcun mezzo di ripristino delle originarie funzionalità dei prodotti”, mediante “insistente richiesta”.   Nel caso di Apple, ad esempio, è stato “insistentemente proposto ai possessori di vari modelli di iPhone 6, di installare il nuovo sistema operativo…