Elkann ha detto che Fca con Google sarà la prima al mondo a produrre taxi-robot funzionanti
News / 1 ottobre 2018

Una famiglia 500 ‘verde’ con motori ibridi ed elettrici progettata e prodotta in Italia e le vetture Pacifica Waymo (Google) ibride che fanno del gruppo Fca, l’ unico costruttore al mondo ad avere un servizio di robot-taxi funzionante. Il gruppo Fca è pronto ad affrontare le sfide future del settore come ha detto il presidente di Fca John Elkann intervenendo al Museo dell’auto di Torino, all’ incontro con i Cavalieri del Lavoro (Il video su Il Sole 24 Ore). “Siamo alle soglie di una profonda rivoluzione nel mondo dei trasporti. Forse la più grande, da quando l’automobile ha sostituito cavalli e carrozze […] Ci sono almeno due forze di innovazione e cambiamento profonde che stanno trasformando l’auto tradizionale: da una parte, la guida autonoma e, dall’altra, nuove forme di propulsione emergenti che portano verso un mondo senza emissioni”. “I vantaggi della guida autonoma – continua Elkann, illustrando quanto Fca sta facendo- sono evidenti a tutti. Ma ovviamente ci sono ancora tanti progressi tecnologici da compiere “. Fca “presidia”, al momento, sia la guida assistita che autonoma e lo fa collaborando ” con realtà leader nei settori tecnologico e automobilistico”: dalla partnership in corso con BMW ” con cui si sta sviluppando una…

Castelli ha svelato alcuni dettagli sul reddito di cittadinanza
News / 1 ottobre 2018

Sarà il bancomat, il perno su cui ruoterà il funzionamento del reddito di cittadinanza. Lo spiega a Il Fatto Quotidiano il viceministro all’Economia dei 5 stelle, Laura Castelli, che premette: “Il progetto lo stiamo definendo assieme al team per la trasformazione digitale di Diego Piacentini e alla Banca mondiale […] Ogni cittadino che ha diritto al reddito potrà adoperare la propria tessera bancomat, e recarsi in un negozio. Poniamo che debba comprare del pane: gli basterà dare il bancomat al fornaio, che riconoscerà il codice della tesserina tramite un apposito software, e scalerà la cifra dell’acquisto. Non ci sarà alcuno scambio di denaro: il negoziante riavrà dallo Stato in giornata la cifra spesa dal singolo cittadino, come già avviene ora con i normali acquisti. E le banche di acquirente e venditore non avranno visionato nulla”. Per i bonifici si potranno utilizzare sistemi di pagamento tramite app (come lo smart payment). “In questo modo – sottolinea la viceministro – potremo far si’ che il reddito venga tutto destinato al consumo, e controllare il modo in cui viene speso. E così potremo anche garantire il pagamento dell’Iva”. Non solo: “Prevediamo di escludere alcuni circuiti da questo processo. Per capirci, nessuno potrà usare il bancomat…

Tria ha spiegato perché un deficit alto farà bene a crescita e debito pubblico 
News / 1 ottobre 2018

Gli obiettivi della manovra economica del governo sono “la crescita dell’1,6% nel 2019” e la riduzione del debito di “un punto l’anno”. Ad affermarlo è Giovanni Tria, che al Sole 24 ore smentisce di volersi dimettere. Q​uella programmata per il debito, ammette il ministro dell’Economia: “Non è una discesa forte, ma è maggiore di quella realizzata negli ultimi anni. E sarà garantita anche da una clausola di salvaguardia sulla spesa che sostituisce le clausole sulle entrate fiscali utilizzate finora in ogni manovra per scrivere obiettivi di deficit e debito poi sempre rivisti”. Quanto al richiamo di Mattarella, “concordo pienamente con il presidente della Repubblica”, dice Tria. “Del resto – aggiunge – abbiamo come governo un confronto continuo con il Quirinale”. “L’equilibrio e il pareggio di bilancio rimane un nostro obiettivo fondamentale, anche se il percorso per raggiungerlo viene allungato nel tempo per dare spazio all’esigenza fondamentale di rilanciare la crescita. E resta il fatto che se le condizioni lo permetteranno si cercherà di riavviare il processo prima della fine del triennio. Il punto in discussione, infatti, è nelle modalità di garantire questo percorso all’interno dei vari contesti economici”. Tria riconosce come legittime le “preoccupazioni europee, e del fatto che i…