Piazza Affari ancora la migliore in Europa. Banco BPM in corsa
Finanza/Economia , Generale , News / 5 gennaio 2017

Sul mercato domestico proseguono gli acquisti sui bancari, in evidenza anche i titoli del risparmio gestito. Shopping su Fca, arretra Buzzi Unicem. La seduta odierna si è conclusa in calo per la piazza azionaria giapponese che dopo il buon rialzo della vigilia ha prestato il fianco ad alcune prese di profitto. L’indice Nikkei 225 è sceso dello 0,37%, frenato dall’apprezzamento dello yen nei confronti del dollaro, dopo che dai verbali della Fed diffusi ieri è emersa incertezza sull’impatto delle politiche economiche del presidente Donald Trump. Nelle minute del FOMC si è notato quindi un atteggiamento meno falco visto che i prossimi rialzi dei tassi di interesse saranno legati proprio all’entità e al tipo di misure economiche che verranno adottate dalla nuova amministrazione Usa. Poco mosse le Borse europee che dopo un avvio in calo sono riuscite a risalire la china, salvo poi tornare sui loro passi. Il Ftse100 e il Cac40 mostrano ora un frazionale rialzo dello 0,03% e dello 0,06%, mentre il Dax30 cala dello 0,03%. Sul fronte macro in Europa è stato diffuso solo l’indice dei prezzi alla produzione che a novembre ha evidenziato una variazione positiva dello 0,3%, oltre le previsioni degli analisti che puntavano ad un…

Healthcare 2017, M&A e Trumpnomics trainano il settore
Finanza/Economia , Generale , News / 5 gennaio 2017

L’elezione di Trump, insieme ad una maggioranza repubblicana al Congresso, dovrebbe alleviare il timore degli investitori in materia di regolamentazione farmaceutica. Christophe Eggmann, responsabile dell’azionario settore Healthcare di GAM, spiega che l’elezione di Trump, insieme ad una maggioranza repubblicana al Congresso, dovrebbe alleviare il timore degli investitori in materia di regolamentazione farmaceutica. Lo stesso giorno, gli elettori della California hanno rifiutato il “California Drug Price Relief Act”, una semplice proposta diretta a ridurre il prezzo dei farmaci pagato dagli Stati. Questi risultati rappresentano una congiuntura favorevole per gli investitori del depresso settore biofarmaceutico. Mentre la reazione immediata del mercato è stata positiva, ci interroghiamo su quanta fiducia questi risultati possano fornire agli investitori per un ritorno sostenuto nel 2017 e oltre. Senza dubbio le discussioni sul prezzo dei farmaci continueranno a riempire le pagine di giornali, ma ci aspettiamo che la polemica feroce che ha colpito così negativamente il sentiment degli investitori venga meno – spiega Christophe Eggmann -. Non possiamo escludere nessun tipo di asso nella manica da parte dell’amministrazione Trump, soprattutto per l’abrogazione e la sostituzione dell’Obamacare, ma le riforme sanitarie di intonazione democratica non sono al centro della discussione. E quindi, senza dubbio, l’avvicendamento alla Casa Bianca…

Il ritorno dell’inflazione accontenta tutti
Finanza/Economia , Generale , News / 5 gennaio 2017

Martedì scorso i mercati hanno festeggiato la risurrezione dell’inflazione in Germania. Martedì scorso i mercati hanno festeggiato la risurrezione dell’inflazione in Germania. Ieri è arrivata la conferma che tutta l’area euro a dicembre ha visto i prezzi schizzare all’insù oltre le previsioni degli esperti e portare l’incremento annuale dell’indice dei prezzi al consumo quasi a raddoppiare rispetto alla misurazione del mese precedente (+1,1% a dicembre contro +0,6% a novembre). A tirare la volata dei prezzi è soprattutto la Germania, che viaggia al ritmo del 1,7%, ma anche gli altri paesi vedono un incremento sostanzioso ed abbandonano del tutto i timori di deflazione, se ancora qualcuno li avesse. Anche il nostro paese mette a segno un’accelerazione significativa (da +0,1% di novembre a +0,5% di dicembre, il ritmo maggiore dal marzo 2014), anche se rimane in coda al gruppo europeo. Sarà bene non farsi ingannare dai titoli della stampa di oggi, che ci dicono che il nostro paese è caduto nel 2016 in deflazione per la prima volta dopo il 1959. Come spesso succede per cercare la notizia eclatante si manipolano un po’ i dati. In questo caso si va a guardare la realtà nello specchietto retrovisore. Il -0,1% che ci raccontano…

Auto: il 2016 si è chiuso con il segno più in tutti i settori
Finanza/Economia , Generale , News / 5 gennaio 2017

Il mercato automobilistico del nostro Paese in ripresa: è quanto si evince dagli ottimi risultati del comparto relativi all’anno 2016 sia per quanto riguarda le prime iscrizioni che l’usato. Il mercato automobilistico del nostro Paese in ripresa: è quanto si evince dagli ottimi risultati del comparto relativi all’anno 2016 sia per quanto riguarda le prime iscrizioni che l’usato. Bilancio positivo nel mese di dicembre per il mercato delle autovetture di seconda mano, mentre accusa ancora una flessione il mercato dell’usato nel settore delle due ruote. I passaggi di proprietà delle quatto ruote, depurati dalle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale), hanno chiuso l’ultimo mese dell’anno con un incremento mensile del 2,7%, mentre i passaggi di proprietà dei motocicli, sempre al netto delle minivolture, hanno fatto registrare una variazione negativa del 4,1%. Per ogni 100 autovetture nuove ne sono state vendute, in media, 153 usate nel corso del 2016, 173 nel mese di dicembre. Nell’anno 2016 si è registrata complessivamente una crescita delle transazioni dell’usato del 4,1% per le quattro ruote, dell’1% per i motocicli e del 3,2% per tutti i veicoli. I dati sono riportati nell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica…

Le 4 migliori azioni del portafoglio di Buffett da comprare ora
Finanza/Economia , Generale , News / 5 gennaio 2017

Una selezione di titoli che vantano un privilegio comune: quello di trovarsi nel portafoglio di uno dei migliori investitori di sempre. Il 2016 dei mercati finanziari potrebbe essere ricordato, oltre che per il Trump Rally, anche come l’anno del “paradosso di Warren Buffett.” Il guru di Omaha, che con i circa 12 miliardi intascati nel 2016 è in cima alla classifica degli incrementi patrimoniali dell’anno appena trascorso (Vedi qui per i dati del Bloomberg Billionaires Index), come molti altri super ricchi d’America si era schierato apertamente in campagna elettorale contro Trump, entrando persino in diretta polemica con il tycoon nei giorni dell’infuocato dibattito sulla sua dichiarazione dei redditi (Vedi QUI); ma ironia vuole che la gran parte dei guadagni dell’anno Buffett li abbia messi a segno a fine anno, proprio con i rialzi dei listini innescati dalla vittoria del repubblicano. Come ha fatto? Come sempre: con la capacità di cogliere per tempo i segnali che favoriscono un titolo o un segmento di mercato, come hanno dimostrato i recenti investimenti della sua Berkshire Hathaway nel settore finanziario e, a sorpresa, in titoli di compagnie aeree. Il team di The Motley Fool chiede adesso ai suoi contributori di andare a guardare nel portafoglio della Berkshire e di selezionare i titoli che considerano le migliori occasioni d’acquisto…

Wall Street: torna la bella stagione, motori avanti tutta!
Finanza/Economia , Generale , News / 5 gennaio 2017

Dow Jones, riparte la caccia ai 20 mila punti. Gran denaro sui titoli automobilistici. Nyse, UniFirst Corporation scivola sui dati del primo trimestre. Azioni Shake Shack, shopping dopo ingresso nell’S&P SmallCap 600. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street. Dopo la prima, pure la seconda seduta del 2017 a Wall Street si è chiusa all’insegna dei rialzi. Molto bene, in particolare, il Nasdaq che ha guadagnato a fine giornata lo 0,88% a 5.477,00 punti. Chiude sopra il mezzo punto percentuale di rialzo l’S&P 500, +0,57% a 2.270,75 punti, mentre l’ascesa del Dow Jones è stata dello 0,30% a 19.942,16 punti.    Dow Jones, riparte la caccia ai 20 mila punti Tra le grandi capitalizzazioni, a spingere di nuovo il Dow Jones verso i 20 mila punti sono stati oggi titoli come Nike (NKE), +2,12% a $ 53,08, American Express (AXP), +1,64% a $ 76,26, Disney (DIS), +1,28% a $ 107,44, ed Home Depot (HD), +0,89% a $ 135,50. Bene al close pure The Boeing Company (BA), +1.05% a $ 158,62, ed International Business Machines Corporation (IBM), +1,21% a $ 169,22.       Gran denaro sui titoli automobilistici Dopo i dati sulle vendite di nuovi…

Caccia all'affare, saldi in tutta Italia 
Finanza/Economia , Generale , News / 5 gennaio 2017

Roma – Al via i saldi invernali in tutte le regioni, dopo la partenza anticipata in Sicilia, Basilicata e Valle d’Aosta da oggi (5 gennaio) gli sconti invernali si estendono a tutto il territorio italiano. Le vendite natalizie non sono state particolarmente brillanti ed ora i commercianti sperano in un buon avvio d’anno, visto che le offerte partono di giovedì ed i consumatori avranno a disposizione un lungo ponte di feste per andare a caccia dell’affare. Quanto spenderanno in media gli italiani Secondo Confcommercio la spesa media a famiglia si attesterà sui 344 euro (147 a persona), per un valore complessivo di 5,3 miliardi di euro. Per Fismo-Confesecenti, la spesa media sarà di circa 330 euro a famiglia, per un valore di oltre 4,9 miliardi. Adoc calcola 250 euro a famiglia (in lieve crescita). Codacons 175 euro (-5% rispetto allo scorso anno). Federconsumatori e Adusbef 179,92 euro (+0,3% rispetto ai saldi 2016). Su cosa si risparmierà di più  Secondo le stime dell’Unione Nazionale Consumatori (realizzate analizzando gli sconti effettivamente praticati dai commercianti dal 2011 al 2016 in base alle rilevazioni dell’Istat) potranno risparmiare:  Sull’abbigliamento, dove gli sconti saranno del 23,5%, il ribasso invernale più alto mai registrato per questa voce dal 2011. Per gli indumenti la riduzione dei prezzi…

Borse europee aprono negative
Finanza/Economia , Generale , News / 5 gennaio 2017

Roma – Le Borse europee aprono negative, accusando l’incertezza manifestata nelle minute della Federal Reserve a proposito del programma economico del presidente eletto degli Usa, Donald Trump. L’Ftse 100 di Londra lima uno 0,03% a 7.188 punti, il Cac 40 di Parigi scende dello 0,36% a 4.882 punti, il Dax di Francoforte arretra dello 0,40% a 11.538 punti, l’Ftse Mib cede lo 0,32% a 19.563 punti, l’Ibex di Madrid segna -0,38% a 9.425 punti. fonte: http://www.agi.it/economia/rss

Inflazione: Cia, deflazione ha effetti negativi su agricoltura
Finanza/Economia , Generale , News / 5 gennaio 2017

(AGI) – Roma, 4 gen. – La deflazione registrata nel 2016, che porta l’Italia indietro di oltre mezzo secolo, e’ la conseguenza diretta della caduta costante dei consumi domestici, con oltre 16 milioni di cittadini che solo nell’ultimo anno hanno ridotto gli acquisti di carne; piu’ di 10 milioni quelli di pesce e 3,5 milioni quelli di ortofrutta. Lo afferma l’Ufficio Studi della Cia-Agricoltori Italiani, sulla base dei dati Ismea, in occasione del report sui prezzi al consumo diffuso oggi dall’Istat. Ma l’andamento negativo si fa sentire anche all’origine, dove i prezzi spuntati dagli agricoltori sui campi non riescono, in molti settori, a coprire neanche i costi di produzione. Per fare qualche esempio -spiega la Cia- soltanto a ottobre (ultimi dati disponibili) i cereali hanno ceduto il 14% sul 2015, gli ortaggi il 18%, gli avicoli il 9%. Facendo una media tra i principali prodotti, si puo’ stimare che per ogni euro speso dal consumatore finale, solo 15 centesimi sono andati nelle tasche dell’agricoltore. E questo nonostante, nel complesso del 2016, i prezzi degli alimentari al supermercato siano cresciuti dello 0,2% e quelli di vino e altre bevande alcoliche dell’1,5%. “E’ chiaro, quindi, che c’e’ ancora tanta strada da fare…

Borse europee: poco mosse in attesa di minute Fed
Finanza/Economia , Generale , News / 5 gennaio 2017

Londra – Le Borse europee sono deboli e poco mosse, in attesa delle minute della Fed di stasera. Londra arretra dello 0,03%. A Milano l’indice Ftse Mib sale dello 0,08%, con i titoli bancari misti. Banco Bpm avanza dello 0,75%. Francoforte cede lo 0,28% e Parigi lo 0,1%.  fonte: http://www.agi.it/economia/rss